Tirocini: cosa fare per attivarli

Tirocini: cosa fare per attivarli

_
I documenti necessari per l'attivazione del tirocinio sono:
  • convenzione: accordo tra Università e soggetto ospitante (azienda, associazione, ente)
  • progetto formativo: documento predisposto per ogni tirocinante che definisce obiettivi e modalità di svolgimento del tirocinio

Vuoi ospitare uno studente?

Puoi attivare un tirocinio curriculare in favore di studenti iscritti ad un corso di studio di qualunque livello - PROCEDURA
 

Vuoi ospitare un laureato?

Puoi attivare un tirocinio extracurriculare in favore di chi ha conseguito il titolo da non oltre 12 mesi - PROCEDURA
 

Alcune caratteristiche fondamentali del tirocinio

Salute e sicurezza
L’art.2, c.1 lett.a) del D.Lgs. 81/2008, ai soli fini delle disposizioni in materia di salute e sicurezza sul luogo di lavoro, equipara il tirocinante ai lavoratori dell’azienda ospitante.
L’Università degli Studi di Genova mette a disposizione dei propri studenti il corso “Formazione generale sulla sicurezza e salute sul lavoro".
Tutti gli altri obblighi previsti dal D.Lgs. 81/2008 restano in capo al soggetto ospitante.
 
Coperture assicurative a carico dell'Ateneo
I tirocinanti sono assicurati per la Responsabilità Civile verso Terzi tramite apposita Polizza RCT e per infortunio tramite la gestione per conto dello Stato INAIL.
 
Tutor aziendale
L’Azienda ospitante assegna al tirocinante un tutor aziendale, il cui compito è quello di accompagnarlo, informarlo sulle regole e la cultura aziendale, favorirne l’integrazione all’interno dell’azienda, aiutarlo nell’acquisizione delle competenze necessarie, assicurando un ambiente favorevole allo svolgimento delle attività previste. Il tutor aziendale è quindi responsabile delle attività svolte dal tirocinante durante il tirocinio. Al termine dell’esperienza, è compito del tutor aziendale valutare l’attività svolta ed il raggiungimento degli obiettivi formativi.
 
+39 010 2099675