Disabilità e DSA - Informazioni utili

Disabilità e DSA - Informazioni utili

_

Prove di ammissione ai corsi di laurea e di laurea magistrale a ciclo unico ad accesso programmato nazionale a.a. 2019/20

Decreto MIUR 277 del 28.03.2019 (art 11) e Decreto MIUR 395 del 30.04.2019 (art 4)

L’Ateneo presso il quale il candidato si recherà per lo svolgimento della prova provvederà alle necessità correlate alla richiesta formulata, adottando tutte le misure necessarie a far fronte alle singole esigenze manifestate dai candidati, tenendo anche conto di quanto specificato nei punti che seguono:

  1. Il candidato con certificato di invalidità o con certificazione di cui alla Legge 104 del 1992, dovrà tempestivamente presentare all’Ateneo, ai fini dell'organizzazione della prova, la certificazione - in originale o in copia autenticata in carta semplice - rilasciata dalla commissione medica competente per territorio comprovante il tipo di invalidità e/o ed il grado di handicap riconosciuto. Il candidato ha diritto ad un tempo aggiuntivo non eccedente il 50% in più rispetto a quello previsto per lo svolgimento delle prove
  2. Il candidato con DSA di cui alla Legge 170 del 2010 dovrà tempestivamente presentare all’Ateneo, la diagnosi di DSA. La diagnosi di DSA deve essere stata rilasciata al candidato da non più di 3 anni oppure in epoca successiva al compimento del diciottesimo anno di vita rilasciata da strutture sanitarie locali o da Enti e professionisti accreditati con il servizio sanitario regionale.
    In aderenza a quanto previsto dalle 'linee guida sui disturbi specifici dell'apprendimento' allegate al Decreto Ministeriale prot. 5669 del 12.07.2011, ai candidati con DSA è concesso un tempo aggiuntivo pari ad un massimo del 30% in più rispetto a quello definito per la prova di ammissione.
    In caso di particolare gravità certificata del DSA, gli Atenei possono consentire, al fine di garantire pari opportunità nell’espletamento delle prove stesse, l’utilizzo dei seguenti strumenti compensativi: calcolatrice non scientifica; video-ingranditore o affiancamento di un lettore scelto dall’Ateneo con il supporto di appositi esperti o del Servizio disabili e DSA di Ateneo, ove istituito. Non sono in ogni caso ammessi i seguenti strumenti: dizionario e/o vocabolario; formulario; tavola periodica degli elementi; mappa concettuale; personal computer, tablet, smartphone ed altri strumenti similari.

Prove di ammissione ai corsi di studio ad accesso programmato locale a.a. 2019/20

Per i corsi ad accesso programmato locale le linee di indirizzo generali si orientano, per quanto concerne i candidati con certificato di invalidità, con certificazione di cui alla Legge 104 del 1992 o con diagnosi di disturbi specifici di apprendimento (DSA) di cui alla Legge 170 del 2010, verso l’adesione alle disposizioni valide per i corsi a programmazione nazionale di cui ai Decreti MIUR 277 del 2019 e 395 del 2019, ferma restando l’autonomia delle singole Commissioni esaminatrici nell’assumere motivate decisioni specifiche.

Verifiche della preparazione iniziale per i corsi ad accesso libero a.a. 2019/20

Per quanto concerne la verifica della preparazione iniziale valgono le determinazioni previste da ciascun corso di studio.

Altre informazioni

Per informazioni su offerta formativa, orientamento, iscrizioni, tasse benefici e borse di studio, scadenze, ecc consulta: