arrow-downclosecommentdownenvelopfacebookfilelink-esternomenuminusplusrightsearcharrow-downtwitterupuseryoutube

Università degli Studi di Genova

Via Balbi, 5 - 16126 Genova
Tel. +39 01020991 - Fax +39 010 2099227

La programmazione della DG Affari Interni 2014 -2020

La Direzione Generale per gli Affari interni della Commissione Europea gestisce azioni finalizzate alla creazione di uno spazio di libertà, sicurezza e giustizia per un'Europa in cui le persone possono entrare, circolare e vivere liberamente, nella consapevolezza che i propri diritti saranno pienamente rispettati e la sicurezza garantita.

Nell'ambito del prossimo quadro finanziario pluriennale (periodo 2014-2020), la Commissione europea propone con la comunicazione “Costruire un’Europa aperta e sicura: il budget per gli affari interni per il periodo 2014-2020” (rif. COM(2011) 749 del 15.11.2011) una dotazione complessiva di 10,7 miliardi di euro, con un aumento del 40% circa rispetto ai fondi complessivamente stanziati per il periodo 2007-2013.

L’importo dei finanziamenti disponibili per gestire i flussi migratori e affrontare le minacce per la sicurezza pertanto aumenta, mentre, al fine di semplificare la partecipazione ai programmi di finanziamento, il numero dei relativi strumenti finanziari scenderà da sei a due con l’istituzione di due nuovi strumenti:

  • Fondo asilo e migrazione (Asylum and Migration Fund), con una dotazione totale proposta pari a 3.869 milioni di euro, si concentrerà sui flussi migratori e sulla gestione integrata della migrazione e sosterrà azioni intese ad affrontare tutti gli aspetti ad essa relativi, compresi l'asilo, il re-insediamento dei rifugiati, la migrazione legale, l'integrazione e il rimpatrio dei cittadini di paesi terzi che soggiornano irregolarmente.

  • Fondo sicurezza interna (Internal Security Fund), con un budget proposto pari a 4.648 milioni di euro, esso sosterrà l'attuazione della strategia di sicurezza interna, la protezione delle infrastrutture critiche, i meccanismi di risposta nelle emergenze e un approccio basato sulla cooperazione tra le autorità competenti a livello dell'Unione europea, anche per quanto riguarda la gestione delle frontiere esterne dell'Unione. La sua dotazione finanziaria complessiva di potrà anche essere destinata allo sviluppo di nuovi sistemi IT, quali il futuro sistema di gestione di ingresso/uscita e il Programma per Viaggiatori Registrati (cd. viaggiatori pacchetto “frontiere intelligenti”).

 

A cura di: Servizio Supporto alla Ricerca | Last Update: 26/02/2014