Vai al contenuto principale della pagina arrow-downclosecommentdownenvelopfacebooklink-esternomenuminusplussearcharrow-downtwitteruseryoutube

Accesso civico

Il Decreto Legislativo 25 maggio 2016, n. 97, pubblicato in Gazzetta Ufficiale l’8 giugno 2016 e in vigore dal 23 giugno 2016, ha introdotto numerose e importanti modifiche al Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”.
La disposizione vigente prima dell'entrata in vigore del decreto legislativo 97/2016 configurava l'accesso civico come il diritto a ottenere la pubblicazione nel sito internet di un'amministrazione pubblica di documenti, informazioni o dati in tutti i casi in cui la stessa, obbligatoria ai sensi di legge, fosse stata omessa.

L'ambito oggettivo di applicazione del diritto di accesso è stato ampliato. Infatti, il novellato articolo 5 del decreto legislativo n.33/2013 recita al comma 2: "Allo scopo di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull'utilizzo delle risorse pubbliche e di promuovere la partecipazione al dibattito pubblico, chiunque ha diritto di accedere ai dati e ai documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni, ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione ai sensi del presente decreto, nel rispetto dei limiti relativi alla tutela di interessi giuridicamente rilevanti secondo quanto previsto dall'articolo 5bis".

Il diritto di accesso civico è esercitabile, come prima, da chiunque e senza alcun obbligo di motivazione dell'istanza a prescindere dalla dimostrazione di uno specifico interesse, come invece richiesto per l'accesso agli atti ai sensi della legge n.241/1990, ed è esteso ai dati e documenti detenuti dall'amministrazione, anche non rientranti fra quelli oggetto di pubblicazione sul sito istituzionale.

Oggi si individuano due tipi di accesso civico così come sopra descritti: "semplice" - individuato dall’oggetto di pubblicazione - e "generalizzato" - garanzia del diritto all'informazione in generale.

Si rimanda alle sottosezioni per i dettagli della loro applicazione presso l'amministrazione.