arrow-down Asset 6 1Asset 5 1close comment down-didattica down envelop facebook file instagram link-esterno marker menu minus Asset 7plus right search arrow-down twitter up-didattica up user youtube linkedin

Università degli Studi di Genova

Via Balbi, 5 - 16126 Genova
Tel. +39 01020991 - Fax +39 010 2099227

I palazzi dei Rolli di Genova patrimonio dell'umanità

Il giorno 13 luglio 2006 il sistema dei palazzi dei Rolli di Genova, tra i quali i palazzi universitari di Piazza dell'Annunziata 2, Via Balbi 2, Via Balbi 4 e Piazza S. Sabina 2, è stato consacrato dall'Unesco Patrimonio dell'Umanità.

La XXX sessione del Comitato del Patrimonio Mondiale dell'Unesco, riunita a Vilnius, in Lituania, ha inserito Genova nel Patrimonio mondiale dell'umanità. Fra i siti mondiali posti sotto tutela dell'Unesco vi sono ora le "Strade Nuove" (via Garibaldi, via Cairoli e via Balbi) e i palazzi dei Rolli.

Le Strade Nuove e il sistema dei palazzi dei Rolli, nel centro storico di Genova (tardo XVI e primo XVII secolo) rappresentano il primo esempio in Europa di un progetto urbano di sviluppo con una struttura unitaria, in cui i progetti sono stati realizzati al di fuori di un servizio pubblico.

I palazzi di Rolli erano residenze costruite dalle famiglie aristocratiche più ricche e più potenti della Repubblica di Genova al vertice del potere finanziario e del potere legato alla marina.

I palazzi offrono un esempio originale di una rete di dimore atte a ospitare le visite di Stato, come decretato dal senato nel 1576. I proprietari dei palazzi erano tenuti ad ospitare persone in visita di stato. In tal modo contribuirono a far conoscere un modello architettonico e una cultura residenziale che ha attratto artisti e viaggiatori famosi, un esempio su tutti è la collezione di illustrazioni di Pietro Paolo Rubens.

Link di riferimento:

I palazzi dei Rolli di Genova - Una reggia repubblicana (sito ufficiale)

A cura di: Servizio informazione istituzionale | Last Update: 02/03/2009