arrow-down Asset 6 1Asset 5 1close comment down-didattica down envelop facebook file instagram link-esterno marker menu minus Asset 7plus right search arrow-down twitter up-didattica up user youtube linkedin

Università degli Studi di Genova

Via Balbi, 5 - 16126 Genova
Tel. +39 01020991 - Fax +39 010 2099227

Specificazioni su applicazione Sistema CUP a progetti internazionali ed europei

In riferimento alla procedura di attribuzione del Codice CUP ai progetti di ricerca/formazione, anche internazionali/europei, si comunicano alcune precise indicazioni fornite dall’Help Desk CUP presso il Ministero dell'Economia e delle Finanze.

Per risolvere alcune problematiche incorse nell'applicazione concreta del Sistema CUP ai progetti internazionali, il Servizio Ricerca di questo Ateneo ha posto i seguenti quesiti:

“ - se il Capofila è straniero, a quale tra i partner italiani compete registrare il progetto ? Ogni beneficiario italiano attribuisce autonomamente un CUP diverso al medesimo progetto internazionale? ”

“ - anche i progetti finanziati con fondi europei diretti e non con fondi strutturali devono essere registrati (per esempio, i progetti LIFE+ e quelli del Settimo Programma Quadro) ? ”

Le risposte pervenute sono di seguito riportate:

1) Nel caso il Capofila sia straniero il CUP va richiesto dal partner italiano che impiega più risorse.
2) Il CUP deve essere uno solo per progetto e chi lo genera lo comunica agli altri partner.
3) Vanno registrati anche i progetti finanziati con fondi europei diretti.

Si ricorda che i “fondi europei” si suddividono in: “fondi diretti” (di diretta gestione della Commissione Europea e/o di un’Agenzia da essa delegata) e “fondi indiretti” (gestiti attraverso soggetti intermediari appartenenti agli Stati membri, più precisamente le Autorità nazionali, regionali o locali).
Per il periodo 2007-2013 i fondi indiretti sono: sia quelli strutturali, nello specifico per l’Italia il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) e il Fondo sociale europeo (FSE), sia i meno noti Fondo europeo per la pesca (FEP) e Fondo agricolo europeo per lo sviluppo rurale (FEASR).

A tutti i progetti europei e internazionali di ricerca/formazione che implichino un investimento pubblico (quindi, per esempio, quelli finanziati nell’ambito dei programmi di cui ai link: http://www.unige.it/ricerca/bozza_ricerca_europea.shtml e http://www.unige.it/ricerca/internazionale) deve essere attribuito un codice CUP, come già indicato ai Segretari Amministrativi delle strutture dell'Ateneo, con mail circolare n.190 del 29.11.2010 e successive integrazioni.

Secondo la definizione fornita ufficialmente al Seminario organizzato a Genova il 16.12.2010 dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri (vedi relative slide pubblicate alla pagina: http://www.unige.it/ricerca), “un progetto di investimento pubblico è costituito da un complesso di azioni o di strumenti di sostegno, collegati fra loro da quattro elementi: 1. presenza di un decisore pubblico; 2. finanziamento – in genere, e anche parziale, diretto o indiretto – con risorse pubbliche, o realizzazione basata anche sull’uso di strutture pubbliche; 3. le azioni o gli strumenti suddetti hanno un comune obiettivo di sviluppo economico e sociale; 4. da raggiungere entro un tempo specificato.”

NOTA BENE: in ogni caso, si prega di rivolgersi ai Segretari amministrativi delle rispettive strutture dell'Ateneo. I Segretari sono già stati informati con apposita circolare in merito alla procedura di registrazione al Sistema CUP, oltre a esser stati invitati a partecipare al Seminario sopra citato.
Per ulteriori chiarimenti sul Sistema MIP/CUP, si prega di contattare il Servizio Ricerca oppure consultare i seguenti siti web:

http://www.cipecomitato.it/it/in_primo_piano/mip_cup

http://cupweb.tesoro.it/CUPWeb

Last Update: 04/04/2011