CRONOBIOLOGIA

iten
Codice
106997
ANNO ACCADEMICO
2021/2022
CFU
3 cfu al 2° anno di 11158 BIOLOGIA APPLICATA E SPERIMENTALE (LM-6) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
BIO/05
SEDE
GENOVA (BIOLOGIA APPLICATA E SPERIMENTALE)
periodo
2° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Gli orologi biologici si sono evolti per sincronizzare la fisiologia, il metabolismo ed il comportamento degli organismi al ciclo geofisico di 2 ore della terra.

Gli orologici biologici sono presenti in molti organismi, uomo compreso e giocano un ruolo chiave sia per il mantenimento dei cicli metabolici che per la capacità di misurare le variazioni nella lunghezza del giorno.

Le alterazioni dei cicli giorno-notte possono alterare lo stato di salute degli organismi.

L'orologio biologico degli animali si basa su cicli di feedback retroattivo tra trascrizzione del DNA e sintesi proteica. 

Numerosi possono essere gli Zeitgeber che influiscono sulla sincronizzazione dell'orologio. 

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

L'insegnamento si prefigge di fornire allo studente la conoscenza della struttura e dei meccanismi di funzionamento dell'orologio biologico negli animali evidenziando gli elementi comuni e le peculariatà dell'orologio nei principali organismi modello. Durante le lezioni verranno illustrate anche le principali patologie legate alla desincronizzazione dell'orologio biologico. 

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Alla fine dell'insegnamento lo studente:

avrà conoscenza degli elementi strutturali e funzionali dell'orologio biologico negli animali

avrà conoscenza dei principali Zeitgeber importanti per la sincronizzazione dell'orologio

avrà capito le cause della desincronizzazione e deregolazione dell'orologio biologico nell'uomo

avrà conoscenza delle principali patologie associate con la desincronizzazione e deregolazione dell'orologio

MODALITA' DIDATTICHE

L’insegnamento si articola in 32 ore di attività formative di cui n. 16 ore di lezioni teoriche frontali su tutti gli argomenti del programma e n. 16 ore di  analisi di casi pratici e discussione di articolo

PROGRAMMA/CONTENUTO

Importanza e ruolo dell'orologio biologico

Geni e proteine dell'orologio biologico nei principali organismi modello e nell'uomo

Gli Zeitgeber

Elementi di deregolazione e desincronizzazione dell'orologio biologico (mutazioni, jet lag, turnazione)

Patologie associate alle mutazioni dei geni orologio

Patologie associate con la desincronizzazione dell'orologio biologico 

 

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Il docente risponderà a specifiche domande al termine di ogni lezione, mentre il ricevimento degli studenti avviene per appuntamento, concordato direttamente via e-mail (stefano.vanin@unige.it)

Commissione d'esame

STEFANO VANIN (Presidente)

MARIAPAOLA NITTI

LEZIONI

MODALITA' DIDATTICHE

L’insegnamento si articola in 32 ore di attività formative di cui n. 16 ore di lezioni teoriche frontali su tutti gli argomenti del programma e n. 16 ore di  analisi di casi pratici e discussione di articolo

INIZIO LEZIONI

Consultare orario dettagliato al seguente link: https://easyacademy.unige.it/portalestudenti/

Si rimanda all'istanza AulaWeb specifica dell'insegnamento per eventuali aggiornamenti a causa di variazioni della situazione sanitaria ed epidemiologica.

Orari delle lezioni

CRONOBIOLOGIA

ESAMI

MODALITA' D'ESAME

Esame orale

MODALITA' DI ACCERTAMENTO

La verifica dell’apprendimento avviene attraverso il solo esame finale che mira ad accertare l’ effettiva acquisizione da parte dello studente dei risultati di apprendimento attesi. 

Lo studente per superare l’esame, riportare quindi un voto non inferiore a 18/30, dovrà dimostrare di:

-  conoscere gli elementi strutturali e funzionali dell'orologio biologico negli organismi modello e nell'uomo

- aver capito i meccanismi e le cause della deregolazione dell'orologio biologico

- conoscere le principali patologie associate alla deregolazione e desincronizzazione dell'orologio biologico

Concorrono al voto finale espresso in trentesimi: 

-  Capacità di trattare in maniera trasversale e critica gli argomenti richiesti;

-  Correttezza, chiarezza, sintesi e fluidità espositiva;

-  Padronanza della materia;

- Adozione di una terminologia  appropriata

Il voto di 30/30 con eventuale lode sarà conferito quando le conoscenze/competenze della materia sono eccellenti.