STORIA INTERNAZIONALE DELLE POLITICHE AMBIENTALI

STORIA INTERNAZIONALE DELLE POLITICHE AMBIENTALI

_
iten
Ultimo aggiornamento 06/06/2021 10:31
Codice
104917
ANNO ACCADEMICO
2021/2022
CFU
6 cfu al 2° anno di 11162 RELAZIONI INTERNAZIONALI (LM-52) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
SPS/06
SEDE
GENOVA (RELAZIONI INTERNAZIONALI )
periodo
2° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Al termine del corso lo studente è in grado di:

 

    conoscere l’origine storica, attraverso una adeguata conoscenza del passato, dei problemi che la società contemporanea deve affrontare in ambito climatico;

    orientarsi consapevolmente nelle problematiche legate alla difesa dell’ambiente e sapere operare i collegamenti tra i fatti storici presenti e passati;

    essere consapevole delle sfide poste dal cambiamento climatico ed essere quindi in grado di valutare criticamente le risposte che la società internazionale fornisce a tali sfide;

    reperire le fonti storiche di varia natura, bibliografiche e documentarie, in particolare digitali, saperle interpretare e utilizzarle per l’elaborazione di un proprio testo scritto da presentare in aula.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Al termine del corso lo studente è in grado di:

 

    conoscere l’origine storica, attraverso una adeguata conoscenza del passato, dei problemi che la società contemporanea deve affrontare in ambito climatico;

    orientarsi consapevolmente nelle problematiche legate alla difesa dell’ambiente e sapere operare i collegamenti tra i fatti storici presenti e passati;

    essere consapevole delle sfide poste dal cambiamento climatico ed essere quindi in grado di valutare criticamente le risposte che la società internazionale fornisce a tali sfide;

    reperire le fonti storiche di varia natura, bibliografiche e documentarie, in particolare digitali, saperle interpretare e utilizzarle per l’elaborazione di un proprio testo scritto da presentare in aula.

-

Modalità didattiche

Salvo diverse indicazioni, dovute all'evoluzione della situazione sanitaria nazionale, il corso si svolgerà in presenza.

La frequenza non è obbligatoria, anche se raccomandata.

Circa due terzi dell'insegnamento sono dedicati alle lezioni frontali per permettere agli studenti di acquisire le necessarie conoscenze  relative all'argomento trattato. Lo studente è comunque sollecitato a intervenire criticamente, grazie anche all'utilizzo di wooclap e dovrà presentare osservazioni critiche personali.

Sono invitati a tenere lezioni specifiche esperti provenienti dal mondo accademico.

Un terzo dell'insegnamentoo è dedicato all'esposizione in aula, in italiano o in inglese, da parte degli studenti frequentanti di specifici case studies concordati con il docente. Ciò permtte, oltre all'acquisizione di conoscenze, di sviluppare particolari competenze trasversali: capacità di lavorare in comune e di leadership; chiarezza espositiva e attitudine a parlare in pubblico; capacità di sintesi (per rispettare il tempo assegnato alla presentazione); capacità critica (in quanto è richiesto di elaborare osservazioni personali e di valutare le fonti utilizzate per l'esposizione). L'esposizione avviene con l'ausilio di strumenti informatici.

Come strumenti didattici sono utilizzare presentazioni in PPT elaborate dal docente e disponibili su aulaweb e video che poi verranno discussi in classe.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il corso intende offrire agli studenti una panoramica storica degli sviluppi della politica ambientale a livello internazionale dalla fine del XIX secolo sino ad oggi.

Nella prima parte del corso verranno illustrate le principali azioni e cooperazioni maturate tra gli Stati e le dinamiche che hanno portato alla formazione di organizzazioni internazionali con finalità ambientali e di diverse tipologie. La parte successiva sarà dedicata all’evoluzione e alle caratteristiche della politica ambientale europea, emersa prima come nuova politica della Comunità europea e quindi come una delle politiche più importanti dell’Unione europea.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Gli studenti frequentanti oltre la tesina discussa in classo dovranno riferire su:

 John R. McNeill, P. Engelke, La grande accelerazione. Una storia ambientale dell'antropocene dopo il 1945, Torino, Einaudi, 2014

L. Scichilone, L'Europa e la sfida ecologica. Storia della politica ambientale europea, Bologna, il Mulino, 2008.

Gli studenti non frequentanti dovranno riferire sui seguenti volumi: John R. McNeill, Qualcosa di nuovo sotto il sole. Storia dell'ambiente nel XX secolo, Torino, Einaudi, 2000, L. Scichilone, L'Europa e la sfida ecologica. Storia della politica ambientale europea, Bologna, il Mulino, 2008, John R. McNeill, P. Engelke, La grande accelerazione. Una storia ambientale dell'antropocene dopo il 1945, Torino, Einaudi, 2014.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Il martedì dalle ore 11.00 alle ore 13.00 e su appuntamento con la docente scrivendo all'indirizzo: eleonora.guasconi@unige.it Il ricevimento si svolge sul canale Ricevimento Prof.ssa Guasconi il cui codice è: l4cuso8

LEZIONI

Modalità didattiche

Salvo diverse indicazioni, dovute all'evoluzione della situazione sanitaria nazionale, il corso si svolgerà in presenza.

La frequenza non è obbligatoria, anche se raccomandata.

Circa due terzi dell'insegnamento sono dedicati alle lezioni frontali per permettere agli studenti di acquisire le necessarie conoscenze  relative all'argomento trattato. Lo studente è comunque sollecitato a intervenire criticamente, grazie anche all'utilizzo di wooclap e dovrà presentare osservazioni critiche personali.

Sono invitati a tenere lezioni specifiche esperti provenienti dal mondo accademico.

Un terzo dell'insegnamentoo è dedicato all'esposizione in aula, in italiano o in inglese, da parte degli studenti frequentanti di specifici case studies concordati con il docente. Ciò permtte, oltre all'acquisizione di conoscenze, di sviluppare particolari competenze trasversali: capacità di lavorare in comune e di leadership; chiarezza espositiva e attitudine a parlare in pubblico; capacità di sintesi (per rispettare il tempo assegnato alla presentazione); capacità critica (in quanto è richiesto di elaborare osservazioni personali e di valutare le fonti utilizzate per l'esposizione). L'esposizione avviene con l'ausilio di strumenti informatici.

Come strumenti didattici sono utilizzare presentazioni in PPT elaborate dal docente e disponibili su aulaweb e video che poi verranno discussi in classe.

INIZIO LEZIONI

II semestre dal 15 marzo 2022

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

ESAMI

Modalità d'esame

L'esame si svolge oralmente.

Modalità di accertamento

L'esame è svolto oralmente. La valutazione finale terrà conto della qualità del lavoro seminariale svolto dallo studente durante il corso in classe. In particolare, gli studenti frequentanti dovranno presentare un case study in classe, la cui valutazione concorrerà al voto finale.

La Commissione d'esame è designata dal Consiglio di Dipartimento e presieduta dal docente titolare del corso.