ENTOMOLOGIA E ZOOLOGIA FORENSE

ENTOMOLOGIA E ZOOLOGIA FORENSE

_
iten
Codice
104247
ANNO ACCADEMICO
2021/2022
CFU
6 cfu al 2° anno di 11158 BIOLOGIA APPLICATA E SPERIMENTALE (LM-6) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
BIO/05
SEDE
GENOVA (BIOLOGIA APPLICATA E SPERIMENTALE)
periodo
2° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

L'insegnamento di Entomologia e Zoologia forense si propone di fornire agli studenti le conoscenze di tipo Zoologico ed Entomologico applicabili in contesti legali, siano essi di carattere penale che civile. L'insegnamento prende in considerazione gli aspetti applicativi dell'approccio entomologico nel contesto investigativo, dei crimini violenti e nei casi di abbandono e negligenza ma anche in quello di infestazioni di ambienti e delle deratte alimentari. La parte teorica sarà supportata da casi reali ed esempi pratici. L'insegnamento si propone anche di esplorare i settori del traffico illegale di animali e del commercio di prodotti derivati da specie protette.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Ad insegnamento superato lo studente sarà capace di dimostrare:

  1. una conoscenza generale dei campi di applicazione della zoologia forense e dell’entomologia forense
  2. una comprensione generale del ruolo degli insetti nella vita umana e degli altri animali (contaminazioni del cibo, trasmissione di malattie)
  3. una comprensione del processo di colonizzazione del cadavere, delle derrate alimentari e degli ambienti da parte degli insetti e dei fattori che li possono influenzare
  4. comprensione dettagliata dei fattori che influenzano lo sviluppo di un insetto
  5. una comprensione generale della sistematica degli insetti di interesse forense
  6. una comprensione dettagliata del contributo degli insetti nella stima del PMI (post mortem interval)
  7. una comprensione dettagliata sulla stima della stagione del decesso 
  8. una comprensione dettagliata sulla stima del trasferimento del cadavere
  9. una conoscenza delle più importanti leggi sul commercio e traffico di animali
  10. una comprensione delle alterazioni di corpo e ambienti causate dagli animali

Alla fine dell'insegnamento lo studente sarà in grado di:

  1. campionare correttamente, fissare e studiare esemplari di insetti di interesse forense
  2. identificare i diversi stadi di sviluppo degli insetti di interesse forense
  3. identificare le specie più comunemente associate alla decomposizione di un corpo
  4. identificare le specie più comunemente associate alle derrate alimentari ed agli ambienti urbani
  5. generare una ricostruzione termica 
  6. stimare, criticamente, il tempo del decesso utilizzando l’approccio entomologico
  7. valutare lesiani sul corpo o alterazioni di oggetti e ambienti riconducibili ad insetti ed altri animali

Modalità didattiche

L’insegnamento si compone di lezioni frontali, discussioni su casi reali e di attività di laboratorio. Essendo previste attività per l’applicazione delle conoscenze acquisite, attività pratiche e metodologiche, la frequenza a lezioni, discussioni ed esercitazioni di laboratorio è fortemente consigliata.

Le lezioni frontali in aula sono erogate mediante presentazioni multimediali.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il programma del corso prevede la presentazione e la discussione dei seguenti argomenti

La morte e la stima del tempo dalla morte
Decomposizione, mummificazione e saponificazione
Insetti: Anatomia generale, Biologia e fisiologia
Sviluppo e riproduzione negli insetti
Fattori che influenzano lo sviluppo degli insetti
Sistematica (filogenesi e classificazione)
Identificazione: gli insetti di interesse forense
Le ondate di colonizzazione
Fattori che influenza la colonizzazione di un corpo
Temperatura e ricostruzione termica
Entomotossicologia e DNA in entomologia forense
Campionamento, preparazione ed identificazione
Stima del PMI con l’approccio entomologico

Gli insetti delle derrate alimentari 

Insetti ed altri animali di contesti urbani

Lesioni ed alterazioni dovute all’attività degli animali

Legislazione relativa al commercio e traffico di animali

Legislazione relativa a contaminazioni di origine animale

 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Tutte le slides utilizzate durante le lezioni e altro materiale didattico saranno disponibili su AulaWeb al termine di ogni ciclo di lezioni/esercitazioni di laboratorio insieme ad altro materiale bibliografico in formato pdf.

I libri indicati sono suggeriti come testo di appoggio e sono disponibili e consultabili insieme ad altri libri per eventuali approfondimenti presso  il docente.

Testi consigliati per eventuali approfondimenti:

Tilstone, W.J.; Hastrup, M.L.; Hald, C. 2012 Fisher’s Techniques of Crime Scene Investigation, First International Edition. CRC Press

David B. Rivers, Gregory A. Dahlem 2014. The Science of Forensic Entomology. Willey Blackwell

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Il docente risponderà a specifiche domande al termine di ogni lezione, mentre il ricevimento degli studenti avviene per appuntamento, concordato direttamente via e-mail (stefano.vanin@unige.it)

LEZIONI

Modalità didattiche

L’insegnamento si compone di lezioni frontali, discussioni su casi reali e di attività di laboratorio. Essendo previste attività per l’applicazione delle conoscenze acquisite, attività pratiche e metodologiche, la frequenza a lezioni, discussioni ed esercitazioni di laboratorio è fortemente consigliata.

Le lezioni frontali in aula sono erogate mediante presentazioni multimediali.

INIZIO LEZIONI

Consultare orario dettagliato al seguente link: https://easyacademy.unige.it/portalestudenti/

Si rimanda all'istanza AulaWeb specifica dell'insegnamento per eventuali aggiornamenti a causa di variazioni della situazione sanitaria ed epidemiologica.

ESAMI

Modalità d'esame

L'esame consiste in una prova pratica con report scritto ed una prova orale.

La prova pratica con  report scritto sono relative ad un caso e coprono gli argomenti e alle attività pratiche svolte durante le lezioni e le esercitazioni di laboratorio. L'esame è superato se lo studente ha ottenuto un voto maggiore o uguale a 18.

Lo studente accede all’esame orale se ha conseguito almeno 18/30 nella prima prova. L'esame orale consiste nell'esposizione del report scritto e nella risposta a domande poste dal docente inerenti al caso in esame.

Il voto finale è dato dalla media aritmetica tra il voto della prova scritta e della prova orale. La prova orale può essere sostenuta sia nello stesso appello della prova scritta sia negli appelli successivi pubblicati su sito di UNIGE.

Modalità di accertamento

I dettagli sulle modalità di preparazione per l’esame e sul grado di approfondimento richiesto per ogni argomento saranno forniti all’inizio del corso e ribaditi durante lezioni ed esercitazioni.

Il report della prova pratica verificherà l’effettiva acquisizione delle conoscenze e dei metodi di indagine tipici della disciplina, ponendo lo studente stesso in uno scenario reale.

L’esame orale permetterà di verificare la capacità di esporre gli argomenti in modo chiaro e con una terminologia corretta e di difendere le conclusioni ottenute dallo studente nell'analisi del caso.