PHYSICAL CHEMISTRY

PHYSICAL CHEMISTRY

_
iten
Ultimo aggiornamento 16/06/2021 07:05
Codice
95315
ANNO ACCADEMICO
2021/2022
CFU
6 cfu al 1° anno di 10598 MEDICAL-PHARMACEUTICAL BIOTECHNOLOGY (LM-9) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
CHIM/02
LINGUA
Inglese
SEDE
GENOVA (MEDICAL-PHARMACEUTICAL BIOTECHNOLOGY)
periodo
1° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il Corso di Chimica Fisica, focalizzato sulla studio della termodinamica e della cinitica chimica, consente allo studente di Biotecnolgoie  di completare le conoscenze chimico fisiche di base necessarie allo studio e alla modellizzazione di sistemi chimici e biochimici complessi.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Acquisire il rigore metodologico e il formalismo matematico per interpretare e descrivere i fenomeni fondamentali che stanno alla base dei sistemi chimici. Particolare attenzione sarà rivolta alla descrizione e comprensione del profilo energetico di sistemi chimici e dei fenomeni chimico-fisici in funzione del tempo.

PREREQUISITI

Risultano indispensabili le conoscenze acquisite nei corsi di Istituzioni di Matematica, Fisica Generale; Chimica Generale ed inorganica. 

Modalità didattiche

Lezioni frontali (48 ore). La frequenza alle lezioni è fortemente coinsiglita.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il programma dettagliato è presente anche su AULA WEB  e varrà discusso con gli durante il corso.

CINETICA CHIMICA E CATALISI

-)Concetti di velocità e ordine di reazione. Molecolarità e maccanismo delle reazioni. Reazioni in serie. Reazioni in parallelo. Reazioni reversibili. Analisi cinetica dei dati sperimentali. Dipendenza della velocità di reazione dalla temperatura (equazione di Arrhenius). Teoria delle reazioni chimiche (teoria delle collisioni e teoria dello stato di transizione). Cinetica Delle Reazioni Complesse. Catalisi e catalizzatori. Catalisi omogenea ed eterogenea. Isoterma di Langmuir: adsorbimento semplice. Catalisi enzimatica.

 

TERMODINAMICA

 Definizione di sistema termodinamica, percorso, funzione di stato, calore, lavoro. Principio zero della termodinamica. Primo principio della termodimanica. Esperienza di Joule e definizone di energia interna. Secondo principio della termodinamica. Definizione di entropia (S) secondo la termodinamica classica e secono la termodimica statistica. Dipendenza di S da T e V . Definizione dell’energia libera di Gibbs (G) e sua applicaizoni a sistemi chimici complessi

TESTI/BIBLIOGRAFIA

P.Atkins - J de Paola Chimica Fisica- 2012 (quinta edizione) Zanichelli Bologna

Laidler -Meiser Chimica Fisica 1999 Editoriale Grasso Bologna

E.L.Cussler Diffusion 1997 Cambridge University Press -USA

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Tutti i giorni su appuntamento

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali (48 ore). La frequenza alle lezioni è fortemente coinsiglita.

INIZIO LEZIONI

3 Ottobre 2018

ESAMI

Modalità d'esame

La prova d’esame consiste in

-) Esame orale verterà sia su aspetti teorici del corso sia sulla risoluzione di esercizi. Lo studente deve dimostrare di aver compreso i fondamenti dei concetti chimico fisici e dimostrare buona familiarita con le derivazioni anailito-matematiche discusse durante le lezioni.

-) Preparazione di una breve presentazione (anche con supporto ppt) su un argomento svoltodurante il corso.

Modalità di accertamento

L'esame orale è condotto da due docenti di ruolo e ha una durata minima di 45 minuti. Oltre alla valutazione delle elementi di merito acquisiti durante il corso, l’esame orale ha come obiettivo la verifica della capacità di ragionamento dello studente. La preparazione di una piccola presentazione su un argomento a sceltaha come obiettivo quello di valutare le capacita di sintesi e di razionalizzazione dei concetti da parte dello studente.