STORIA DELLO SPORT

STORIA DELLO SPORT

_
iten
Ultimo aggiornamento 14/06/2021 13:34
Codice
57742
ANNO ACCADEMICO
2021/2022
CFU
2 cfu al 1° anno di 8744 SCIENZE MOTORIE, SPORT E SALUTE (L-22) SAVONA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
M-STO/04
LINGUA
Italiano
SEDE
SAVONA (SCIENZE MOTORIE, SPORT E SALUTE )
periodo
2° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il corso di “Storia dello sport” mira a esplorare il mondo della pratica sportiva e della sua interazione con la società a partire dalle prime civiltà mesopotamiche sino all’età contemporanea, così da cogliere la funzione formativa dello sport parallelamente al contesto socio-culturale in cui è inserito. Si rifletterà anche sul rapporto dello sport con la politica e si esamineranno le implicazioni economiche dello sport contemporaneo.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

La Storia dello sport, inserita in un modulo didattico introduttivo alle Scienze motorie costituisce una necessaria premessa per aprire l’orizzonte dello studente al vasto mondo dello sport, a partire dalle conoscenze dello sport così come la storia lo presenta.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

  • Capacità di comprendere i principali temi della disciplina e di seguirne gli avvenimenti e i processi;
  • capacità di interpretare criticamente i dati e le problematiche inerenti alla materia di studio e di riflettere sui temi principali, formando giudizi autonomi su di essi;
  • capacità di comunicare, con proprietà di linguaggio, informazioni e problematiche connesse alla storia dello sport;
  • acquisizione dei principali strumenti di base e della capacità di farne uso in modo da poter affrontare autonomamente ulteriori studi nel campo disciplinare.

Modalità didattiche

Le lezioni saranno per lo più frontali, ma sono previsti video di approfondimento e momenti di autovalutazione degli apprendimenti tramite wooclap.

La modalità in presenza o a distanza sarà comunicata entro l’inizio delle lezioni (marzo 2022).

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il mondo della pratica sportiva e della sua interazione con la società a partire dalle prime civiltà mesopotamiche sino all’età contemporanea. In particolare, si affronterà la storia dello sport:

  • in epoca classica;
  • nel Medioevo;
  • in età moderna;
  • nell’Europa e negli Stati Uniti dell’Ottocento;
  • nel XX secolo, con particolare riferimento ai totalitarismi e alle edizioni delle Olimpiadi moderne.

 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Materiali forniti dal docente.

Maria Aiello, Il tempo dello sport, Torino, Edizioni Gruppo Abele, 2014;

Nicola S. Barbieri, Dalla ginnastica allo sport contemporaneo. Lineamenti di storia dell’educazione fisica, Padova, Cluep, 2013;

Domenico Francesco Antonio Elia, Lo sport in Italia. Dal loisir alla pratica, Roma, Carocci, 2009;

Angiola di Carlo, Roberto Bensi, Storia dell’educazione fisica e degli sport. Appunti di lettura, Fano (PU), Aras Edizioni, 2014;

Umberto Tulli, Breve storia dello Olimpiadi. Lo sport, la politica da de Coubertin a oggi, Roma, Carocci, 2012.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Via Teams su appuntamento scrivendo una mail a lara.piccardo@unige.it. Durante il semestre, anche prima e dopo le lezioni.

LEZIONI

Modalità didattiche

Le lezioni saranno per lo più frontali, ma sono previsti video di approfondimento e momenti di autovalutazione degli apprendimenti tramite wooclap.

La modalità in presenza o a distanza sarà comunicata entro l’inizio delle lezioni (marzo 2022).

INIZIO LEZIONI

II semestre, marzo 2022.

ESAMI

Modalità d'esame

L'insegnamento è parte del corso integrato TTAM: per le modalità d'esame (scritto - questionario) vedere la scheda insegnamento TTAM.

Modalità di accertamento

Questo insegnamento è parte del corso integrato di “Teoria e tecnica dell’attività motoria – Storia dello sport – Antropologia”. L’esame quindi si compone delle tre parti e prevede un questionario a risposta chiusa per ciascun modulo. La prova, comprensiva dei tre questionari, ha la durata di 45 minuti. Ogni sotto-prova si compone di 15 domande, ognuna ha valore di 2 punti in trentesimi. Ogni singola sotto-prova è superata con 18/30 cioè con 9 risposte corrette. L’esame è superato se tutte e tre le prove sono sufficienti. Il voto finale è costituito dalla media ponderata dei tre voti.

ALTRE INFORMAZIONI

Per gli studenti DSA: si applicano gli strumenti compensativi/dispensativi riconosciuti dal referente di Dipartimento, Prof. Nicola Girtler, e dal Servizio per gli studenti DSA di Ateneo.