IL PROCESSO DI STANDARDIZZAZIONE E LA BIOINGEGNERIA

IL PROCESSO DI STANDARDIZZAZIONE E LA BIOINGEGNERIA

_
iten
Codice
104755
ANNO ACCADEMICO
2021/2022
CFU
6 cfu al 3° anno di 8713 INGEGNERIA BIOMEDICA (L-8) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
ING-INF/06
SEDE
GENOVA (INGEGNERIA BIOMEDICA )
periodo
2° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il corso presenta all'allievo l'intero percorso di standardizzazione di prodotti, processi e servizi, a partire dalle metodologie di ricerca per la redazione di linee guida, norme tecniche, guide tecniche (volontarie e obbligatorie, a livello internazionale e nazionale), attraverso la promozione dell'impiego delle norme in contesti d'uso progressivamente diffusi, fino alla formazione delle persone dei diversi bacini di utenza, con particolare riferimento al bacino di utenza della bioingegneria.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Obiettivo formativo principale del corso è offrire all'allievo un corpus coeso di conoscenze sul significato e sulla cultura del processo di standardizzazione - propedeutico a quello di certificazione - affiché egli possa acquisire competenze su cosa significhi e comporti redigere una norma tecnica e impiegare in pratica uno standard, con particolare riferimento al settore dell'Ingegneria Biomedica e perché l'Ingegneria Biomedica, in particolare, necessiti di questo tipo di cultura.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Gli obiettivi formativi di dettaglio riguardano la costruzione nell'allievo della consapevolezza dell'importanza in bioingegneria di impiegare norme e standard, sia dal punto di vista di chi progetti e costruisca un'apparecchiatura biomedicale o eroghi un servizio di ingegneria clinica, sia dal punto di vista dei diversi utenti (medici, paramedici, cittadini, malati). Altro obiettivo formativo di dettaglio è, per gli allievi bioingegneri, la conoscenza della complessa catena del valore nell'erogazione di una prestazione sanitaria e della ineludibilità di impiegare standard per massimizzare tale valore, specialmente alla luce di ICT e strumenti biomedicali autonomamente collegati in rete (IoT). I risultati dell'apprendimento sono corrispondenti a tali obiettivi di dettaglio.

PREREQUISITI

Conoscenze costituive di elettronica, informatica e telecomunicazioni.

Modalità didattiche

Lezioni frontali  e didattica a distanza, sempre in tempo reale.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Linee guida, norme tecniche, guide tecniche. Standard de jure e standard de facto. Differenza fra standard e marchi di qualità. Perché e quando nasce la domanda di uno standard. Punto di vista dei costruttori e punto di vista degli utenti. Il processo di progettazione, redazione preliminare e definitiva (pubblicazione) di una norma volontaria e i passi necessari per una norma obbligatoria. Concetto di standard di qualità. Enti internazionali e nazionali di standardizzazione e loro interazioni. Concetti di interoperabilità e di portabilità di un prodotto o servizio, a livello hardware e software. Standard e protocolli di trasmissione a distanza di dati e immagini. Reti di telecomunicazioni in bioingegmeria. Concetto di protocollo di rete. Il modello ISO-OSI e il modello TCP-IP. La promozione dell'impiego di uno standard e le problematiche connesse. Casi d'uso in Ingegneria Biomedica, con riferimento a healthcare telematics a livello strutturale e funzionale.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Simone Aliprandi, "Apriti standard!", Ledizioni (ebook reso disponibile su Aulaweb)

https://www.enrstandards.org - sito ufficiale di ENR, Ente Nazionale di Ricerca e promozione per la standardizzazione.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Previo appuntamento via e-mail: francesco.beltrame@unige.it

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali  e didattica a distanza, sempre in tempo reale.

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.