PSICOLOGIA CLINICA

PSICOLOGIA CLINICA

_
iten
Codice
67630
ANNO ACCADEMICO
2021/2022
CFU
8 cfu al 5° anno di 9322 SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA (LM-85 bis) GENOVA

5 CFU al 1° anno di 11294 CORSO ANNUALE INTEGRATIVO DI FORMAZIONE PER LA QUALIFICAZIONE DI EDUCATORE PROFESSIONALE SOCIO-PEDAGOGICO NEI SERVIZI EDUCATIVI PER L'INFANZIA 0-3 ANNI (20 CFU) () GENOVA

SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
M-PSI/08
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA )
periodo
1° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il corso intende facilitare l’acquisizione dei principali modelli teorici e delle metodologie della psicologia clinica dell’età evolutiva da parte dei/delle futuri/e insegnanti, con riferimento ai contesti educativi e scolastici e mettendo in rilievo le specificità relative alla scuola dell'infanzia e alla scuola primaria.

 

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

L'insegnamento si propone di fornire un quadro di riferimento della psicologia clinica in ambito evolutivo. Particolare attenzione sarà dedicata ai modelli teorici (con focus specifico sul paradigma psicodinamico e sulla teoria dell'attaccamento) e ai metodi clinici, nonchè alla definizione dei loro ambiti applicativi, dando rilievo soprattutto al contesto scolastico. Il corso si focalizzerà sul valore psicologico delle relazione bambino-insegnante e sulle sue potenzialità formative e trasformative, sull'analisi clima familiare come fattore di rischio e di protezione per il benessere dei bambini e sul lavoro in equipe dell'ambito della formazione. Per quanto riguarda gli obiettivi specifici relativi all'indirizzo per la scuola dell'infanzia, il corso sarà volto a far acquisire conoscenze e competenze inerenti le molteplici espressioni sintomatologiche del disagio in età prescolare e le relative metodologie di osservazione. Per quanto riguarda gli obiettivi specifici relativi all'indirizzo per la scuola primaria, il corso sarà volto a far acquisire conoscenze e competenze relative agli aspetti emotivi, connesse a problematiche cognitive, relazionali e comportamentali in età scolare.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Lo scopo dell’insegnamento di Psicologia Clinica è quello di affrontare i temi principali della materia clinica in ambito evolutivo, con particolare riferimento ai seguenti argomenti:

  1. Definizione, modelli teorici e metodologie della psicologia clinica. La parte iniziale del corso sarà dedicata alla definizione della psicologia clinica come branca teorico-applicativa della psicologia e all’approfondimento dei principali paradigmi teorici della disciplina, con uno specifico focus sulla prospettiva evolutiva degli stessi, nonché delle principali metodologie, osservazione e colloquio.
  2. Lavoro in equipe nell’ambito della formazione. Particolare attenzione sarà rivolta all'approfondimento delle dinamiche psicologiche sperimentate nelle equipe di lavoro nei contesti organizzativi istituzionali, mettendo in evidenza sia le potenzialità creative, sia le possibili criticità dei team di lavoro.
  3. Modelli e metodologie di analisi del clima familiare. Verrà approfondita sia la comprensione del clima emotivo sperimentato in famiglia come fattore di rischio e di protezione per il benessere in età evolutiva, sia il significato psicologico per i minori dell'appartenenza a differenti contesti familiari (es. famiglie adottive, famiglie separate, etc).
  4. Inquadramento delle principali espressioni sintomatologiche dei bambini in età prescolare e scolare. La parte finale del corso sarà dedicata all'analisi e alla comprensione dei segnali di malessere emotivo manifestati dai bambini nei contesti scolastici e alle loro connessioni con le limitazioni delle potenzialità cognitive e di socializzazione.

Al termine dell’insegnamento l* student* sarà in grado di:

  1. definire la psicologia clinica in ambito evolutivo (knowledge and understanding)
  2. acquisire adeguate conoscenze dei principali modelli teorici della psicologia clinica in una prospettiva evolutiva (knowledge and understanding)
  3. riconoscere la rilevanza del lavoro in équipe e acquisire capacità di comprensione delle dinamiche di gruppo (applying knowledge and understanding)
  4. comprendere le caratteristiche dei sistemi familiari in una prospettiva evolutiva, acquisire adeguate conoscenze sulle organizzazioni familiari tipiche e atipiche, riconoscere i processi comunicativi funzionali e disfunzionali in famiglia (applying knowledge and understanding)
  5. acquisire conoscenze di base dei principali quadri psicopatologici in età evolutiva e riflettere sul sostegno che il contesto scolastico può offrire in presenza di bambini portatori di vulnerabilità (making judgements)
  6. acquisire un lessico di base della psicologia clinica in modo da essere facilitato nella comunicazione reciproca con interlocutori specialisti in contesti interdisciplinari (learning skills)
  7. esaminare articoli scientifici in riviste e testi e produrre una presentazione in forma scritta e orale in gruppo (communication skills)

PREREQUISITI

Propedeuticità richiesta: esame di Psicologia dello Sviluppo.

Modalità didattiche

L’insegnamento sarà articolato in:

1) Lezioni frontali con presentazione di slide

2) Lavori in piccolo gruppo di analisi della letteratura nazionale e internazionale su temi specifici

3) Presentazione dei lavori in piccolo gruppo e loro discussione in plenaria

4) Simulate di colloqui insegnanti-genitori

Sarà incoraggiata una partecipazione critica e attiva degli studenti.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il programma del corso prevedrà la presentazione e discussione dei seguenti argomenti:

  • La complessa definizione di psicologia clinica
  • Paradigmi teorici della psicologia clinica nella prospettiva evolutiva
  • La conoscenza della psicopatologia nel processo educativo
  • Lavoro di équipe e importanza del gruppo
  • Le origini della psicologia della famiglia
  • L’identità della famiglia
  • Processi interattivi e relazionali nella famiglia
  • Famiglia, ciclo di vita e compiti di sviluppo
  • La formazione della coppia e la famiglia con figli piccoli
  • Le famiglie atipiche: separate, adottive, monogenitoriali, omogenitoriali, etc.
  • Disturbi alimentari infantili
  • Disturbi regolazione emotiva e attaccamento
  • Disturbi spettro autistico
  • Disturbo da deficit attenzione e iperattività
  • Disturbi d'ansia, ossessivi-compulsivi e fobie in età evolutiva
  • Disturbi del tono dell'umore in età evolutiva
  • Disturbi dirompenti, del controllo impulsi e della condotta
  • Disturbi legati e stress e trauma in età evolutiva

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Testi di studio per l’esame per student* frequentanti:

  1. Zennaro A. (2011). Lo sviluppo della psicopatologia. Fattori biologici, ambientali e relazionali. Il Mulino. Studiare per esame capitoli: II, da IV a X, XII e XIV. Solo lettura: I, III, XI, XIII e XV.
  2. Pani R., Biolcati R., Sagliaschi S. (2009). Psicologia clinica e psicopatologia per l'educazione e la formazione. Il Mulino. Studiare per esame capitoli: da I a IV, da VIII a X. Solo lettura: V, VI e VII
  3. Gambini P. (2007). Psicologia della famiglia. La prospettiva sistemico-relazionale. Franco Angeli Studiare per esame: Parte I, Parte II (solo cap. 4, 5 e 6), Parte III. Solo lettura: cap. 7, 8 e 9
  4. Appunti delle lezioni.

Testi di studio per l’esame per student* non frequentanti:

  1. Zennaro A. (2011). Lo sviluppo della psicopatologia. Fattori biologici, ambientali e relazionali. Il Mulino. Studiare per esame capitoli: II, da IV a X, XII e XIV. Solo lettura: I, III, XI, XIII e XV.
  2. Pani R., Biolcati R., Sagliaschi S. (2009). Psicologia clinica e psicopatologia per l'educazione e la formazione. Il Mulino. Studiare per esame capitoli: da I a IV, da VIII a X. Solo lettura: V, VI e VII
  3. Gambini P. (2007). Psicologia della famiglia. La prospettiva sistemico-relazionale. Franco Angeli Studiare per esame: Parte I, Parte II (solo cap. 4, 5 e 6), Parte III. Solo lettura: cap. 7, 8 e 9
  4. Siegel D.J., Payne Bryson T. (2012). 12 strategie rivoluzionarie per favorire lo sviluppo mentale del bambino. Raffaelle Cortina.

Letture consigliate per approfondimenti:

  1. Aucouturier B. (2015). Il bambino terribile e la scuola. Raffaello Cortina
  2. Granatella V. (2011). Reciproci sguardi. Sistemi migranti e costruzione intersoggettiva di pratiche e saperi. Franco Angeli.
  3. Chistolini M. (2006). Scuola e adozione. Linee guida e strumenti per operatori, insegnanti, genitori. Franco Angeli.
  4. Salerno A. e Tosto M. (a cura di) (2019). Gli scenari della paternità nella psicologia contemporanea. Franco Angeli.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Il ricevimento si svolgerà, previa comunicazione via email, il martedì dalle 10 alle 12 nell'ufficio della docente, al quarto piano del DISFOR, oppure si potrà svolgere a distanza su Teams in altri orari, sempre previo accordo via email con la docente.    

LEZIONI

Modalità didattiche

L’insegnamento sarà articolato in:

1) Lezioni frontali con presentazione di slide

2) Lavori in piccolo gruppo di analisi della letteratura nazionale e internazionale su temi specifici

3) Presentazione dei lavori in piccolo gruppo e loro discussione in plenaria

4) Simulate di colloqui insegnanti-genitori

Sarà incoraggiata una partecipazione critica e attiva degli studenti.

INIZIO LEZIONI

Martedì 21 settembre 2021 ore 12-14 (1° semestre).

 

ESAMI

Modalità d'esame

L’esame si terrà in presenza. La modalità di esame sarà in forma scritta con domande aperte, cui seguirà la registrazione in via elettronica, di norma nell'appello successivo. Solo in caso di recrudescenza dell’emergenza sanitaria, e di relative disposizioni di distanziamento da parte dell’Ateneo, l’esame sarà rimodulato in forma orale e si svolgerà a distanza su Teams.

La valutazione sarà espressa in trentesimi. Per il superamento dell’esame il voto più basso sarà 18/30esimi ed il più alto sarà 30/30esimi. In caso di “mancato superamento/ritiro/rifiuto del voto” a un appello d’esame, agli studenti è consentito ripetere la prova nell'appello successivo.

 

Modalità di accertamento

L’esame in forma scritta (o orale, se necessario, come sopraindicato) comprenderà quattro domande aperte inerenti al materiale bibliografico e, solo per gli studenti frequentanti, gli argomenti trattati a lezione. Per completare la prova scritta gli studenti avranno a disposizione 2 ore.

Solo per gli/le student* frequentanti è previsto un lavoro di gruppo, con annessa presentazione in plenaria, per il quale verrà attribuito un punteggio individuale (max 2 punti) che si sommerà al voto ricevuto all'esame. La docente, inoltre, valuterà con gli/le student* frequentanti la possibilità di inserire una verifica in itinere nell’ultima lezione del corso. In tal caso, la verifica si svolgerà con le stesse modalità dell’appello di esame.

Gli/le student* devono saper dimostrare di aver acquisito i contenuti dell’insegnamento, di padroneggiarli adeguatamente, connettendo e confrontando differenti prospettive cliniche in un’ottica evolutiva, nonché di saper comunicare con proprietà lessicale (utilizzando pertanto termini tecnici e appropriati alla materia di riferimento) le informazioni apprese durante il corso.

Non verranno concessi appelli straordinari al di fuori dei periodi indicati nel Regolamento del Corso di Studio.

ALTRE INFORMAZIONI

Con questo insegnamento (67630) saranno mutuati i seguenti insegnamenti del C.d.S. di Scienze dell'Educazione e della Formazione:

- Psicologia Clinica - 5 CFU - COORTE 2019/20

- Psicologia Clinica - PACCHETTO INFANZIA (sempre 5 CFU)

Il programma sopraesposto sarà ridotto e adeguato a tali insegnamenti (e ai CFU loro annessi) e sarà pubblicato su aulaweb dopo l'inizio dei corsi. La modalità d’esame sarà spiegata a lezione e sarà anch'essa pubblicata su aulaweb dopo l'inizio dei corsi.

Le lezioni si terranno in presenza. La numerosità di student* che potranno partecipare alle lezioni sarà calibrata rispetto alla capienza delle aule a disposizione, nonché alle specifiche indicazioni da parte dell’Ateneo. Solo in caso di recrudescenza dell’emergenza sanitaria, e di relative disposizioni di distanziamento da parte dell’Ateneo, le lezioni saranno rimodulate a distanza su Teams. In tal caso, le lezioni saranno in sincrono, nei medesimi orari delle lezioni in presenza e non saranno videoregistrate/bili. La piattaforma Teams potrà, se necessario, essere utilizzata per specifiche esigenze (es. consegna di lavori da parte degli studenti). 

Si consigliano gli/le student* con certificazione di disturbi specifici dell’apprendimento (DSA), di disabilità o di altri bisogni educativi speciali di contattare la docente all’inizio del corso per concordare modalità didattiche e d’esame che, nel rispetto degli obiettivi dell’insegnamento, tengano conto delle modalità di apprendimento individuali e forniscano idonei strumenti compensativi.