PEDAGOGIA SPECIALE (DISCIPLINA)

PEDAGOGIA SPECIALE (DISCIPLINA)

_
iten
Ultimo aggiornamento 14/09/2021 11:21
Codice
67725
ANNO ACCADEMICO
2021/2022
CFU
8 cfu al 5° anno di 9322 SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA (LM-85 bis) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
M-PED/03
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA )
periodo
1° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Muovendo dallo studio delle tematiche centrali legate al tema dell’integrazione e dell’inclusione sociale e scolastica dei soggetti disabili, il Corso analizzerà i nuclei epistemologici della disciplina, i costrutti di integrazione e di inclusione, il concetto di bisogno e di bisogno speciale, la funzione della relazione educativa capacitante, e gli strumenti di progettazione pedagogica tipici della scuola inclusiva.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Alla fine del corso gli studenti devono essere in grado di: 1.Cogliere il valore di risorsa umana dei singoli alunni, di tutti e di ciascuno, 2.individuare, analizzare e gestire le situazioni di disabilità/diversabilità in ambito scolastico, 3.collaborare, in quanto insegnante di classe, con gli altri colleghi curriculari o specialisti, per rendere il valore dell'integrazione e dell'inclusione, come circolarità di relazioni, tra tutti gli alunni della classe e/o sezione 4.collaborare con altri professionisti per pianificare interventi educativi personalizzati, 5.collaborare con le famiglie di riferimento per favorire l'empowerment degli alunni e specificamente degli alunni in difficoltà. Durante lo svolgimento del Corso saranno tenute in debita attenzione le problematiche degli alunni della scuola dell'infanzia e della scuola primaria e quindi sempre in modo esplicito saranno fatti gli opportuni riferimenti ed approfondimenti.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

I risultati di apprendimento sono coerenti con gli obiettivi formativi, de riguardano i sotto indicati aspetti:

1. Sviluppare la sensibilità pedagogica inerente il riconoscimento di valore dei singoli alunni, di tutti e di ciascuno,

2. Sviluppare conoscenze e capacità pedagogiche necessarie per individuare, analizzare e gestire le situazioni di disabilità/diversabilità in ambito scolastico,

3. Sviluppare conoscenze e capacità pedagogiche necessarie per collaborare, in quanto insegnante di classe, con gli altri colleghi curriculari o specialisti, per rendere il valore dell'integrazione e dell'inclusione, come circolarità di relazioni, tra tutti gli alunni della classe e/o sezione

4. Sviluppare conoscenze e capacità pedagogiche necessarie per collaborare con altri professionisti per pianificare interventi educativi personalizzati,

5. Sviluppare conoscenze e capacità pedagogiche necessarie per sviluppare un approccio didattico autenticamente inclusivo, attraverso l'uso di adeguate metodologie

Durante lo svolgimento del Corso saranno tenute in debita attenzione le problematiche degli alunni della scuola dell'infanzia e della scuola primaria e quindi sempre in modo esplicito saranno fatti gli opportuni riferimenti ed approfondimenti.

Modalità didattiche

L'attività didattica privilegia il carattere attivo e partecipativo, attraverso metodologie didattiche capaci di coinvolgere, motivare e interessare gli studenti agli argomenti trattati. La lezione del docente sarà variata attraverso differenti strategie, e frequente sarà il ricorso a discussioni di gruppo e in plenaria capaci di stimolare la riflessività. Saranno inoltre utilizzati altri materiali multimediali cpaci di socializzare l'apprendimento collaborativo e autodiretto.

Nel caso non sia possibile, per motivi sanitari, svolgere le lezioni in presenza le stesse verranno erogate a distanza utilizzando le piattaforme di Ateneo TEAMS e/o AULAWEB

PROGRAMMA/CONTENUTO

1) PARTE TEORICA

La pedagogia speciale: quadro generale della disciplina

Excursus storico-ermeneutico della pedagogia speciale

Legislazione nazionale e internazionale

I bisogni educativi speciali

 

2) PARTE METODOLOGICA

Approcci e strumenti metodologici per la didattica inclusiva: metacognizione, adattamenti, peer tutoring, cooperative learning, 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

  1. Bochicchio F. (a cura di). L’agire inclusivo nella scuola. Logiche, metodologie e tecnologie per insegnanti ed educatori, Libellula, Tricase (Le), 2017.
  2. Pavone M., L’inclusione educativa. Indicazioni pedagogiche per la disabilità, Mondadori, Milano, 2014.
  3. Pennazio V., Formarsi a una cultura inclusiva, Franco Angeli, Milano, 2017.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Il docente riceve gli studenti al termine delle lezioni, e durante tutto l'anno, previo appuntamento da concordare via mail all'indirizzo: franco.bochicchio@edu.unige.it  

Ricevimento: Ricevo gli studenti in presenza e/o in Teams il mercoledì dalle ore 10.00 alle ore 12.00 Gli studenti sono invitati a scrivere alla docente (valentina.pennazio@unige.it) per concordare il proprio appuntamento    

Commissione d'esame

VALENTINA PENNAZIO (Presidente)

FRANCO BOCHICCHIO (Presidente Supplente)

ANGELO BEDIN (Presidente Supplente)

LEZIONI

Modalità didattiche

L'attività didattica privilegia il carattere attivo e partecipativo, attraverso metodologie didattiche capaci di coinvolgere, motivare e interessare gli studenti agli argomenti trattati. La lezione del docente sarà variata attraverso differenti strategie, e frequente sarà il ricorso a discussioni di gruppo e in plenaria capaci di stimolare la riflessività. Saranno inoltre utilizzati altri materiali multimediali cpaci di socializzare l'apprendimento collaborativo e autodiretto.

Nel caso non sia possibile, per motivi sanitari, svolgere le lezioni in presenza le stesse verranno erogate a distanza utilizzando le piattaforme di Ateneo TEAMS e/o AULAWEB

INIZIO LEZIONI

28 settembre 2021

ESAMI

Modalità d'esame

La prova d'esame sarà scritta e verterà sui testi 1 e 2 e su quanto detto a lezione (le slide saranno pubblicate su aulaweb), e sarà volta ad accertare i risultati di apprendimento indicati. Le modalità della prova (in presenza oppure a distanza) dipenderanno dalla situazione sociale del momento. 

 

Modalità di accertamento

L'avvenuto apprendimento della disciplina è certificato dalla competenza dimostrata dallo studente di avere acquisito una conoscenza degli argomenti coerente con i risultati attesi e conforme agli obiettivi formativi declinati secondo i descrittori di Dublino. Tale conoscenza oscilla tra il livello sufficiente ed eccellente espresso in trentesimi,
ed è valutata con i seguenti criteri:
Conoscenza e comprensione: min 5 - max 7.
Capacità  di applicare conoscenza e comprensione: min 5 - 7 max
Autonomia di giudizio: min 3 - max 5.
Abilità  comunicative: min 3 max 7.
Capacità  di apprendere: min 2 - max 4.