GEOGRAFIA DELL'ITALIA E DELL'EUROPA

GEOGRAFIA DELL'ITALIA E DELL'EUROPA

_
iten
Codice
90427
ANNO ACCADEMICO
2021/2022
CFU
4 cfu al 2° anno di 9322 SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA (LM-85 bis) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
M-GGR/01
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA )
periodo
2° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Obiettivo del corso è la conoscenza dei principali fondamenti della geografia, relativi a: popolazione, insediamenti, strutture economico-sociali, paesaggio.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

La frequenza e la partecipazione alle attività formative proposte e lo studio individuale consentiranno allo studente di:

  • comprendere i principali processi territoriali che si svolgono alla scala italiana ed europea;
  • comprendere le relazioni complesse tra le componenti dei paesaggi italiani ed europei; 
  • analizzare criticamente alcuni problemi di geografia dell'Italia e dell'Europa; 
  • analizzare criticamente problemi della contemporaneità con un approccio transcalare, dal locale al globale;
  • progettare attività didattiche relative ai problemi di geografia dell'Italia e dell'Europa studiati.

Modalità didattiche

Le attività didattiche saranno organizzate al fine di favorire un apprendimento attivo da parte degli studenti e delle studentesse, per questo motivo verranno alternati momenti di didattica frontale e laboratoriale.
Le lezioni frontali saranno volte a fornire gli strumenti di base per comprendere i principali processi territoriali che si svolgono alla scala italiana ed europea e le relazioni complesse che si instaurano tra le loro configurazioni paesaggistiche.
Le attività didattiche di tipo laboratoriale saranno basate su metodologie problem based e saranno volte a stimolare l'analisi critica e transcalare di alcuni problemi di geografia dell'Italia e l'Europa.
Specifiche attività laboratoriali saranno dedicate al confronto sulla progettazione di attività didattiche relative ai problemi di geografia dell'Italia e l'Europa studiati.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il modulo propone di studiare principali processi che riguardano la geografia dell'Italia e dell'Europa. In particolare si concentra sulle seguenti tematiche:
- l'idea di Europa;
- l'Unione europea;
- il popolamento dell'Europa e dell'Italia;
- l'urbanizzazione in Italia e in Europa;
- l'Europa e l'Italia rurali;
- l'Europa Mediterranea;
- L'Europa fuori dall'Europa.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Programma d'esame per studenti frequentanti:
- Materiale didattico (articoli scientifici, video e slide) caricato dal docente su AulaWeb.
- Lettura critica di almeno uno dei seguenti testi:

  • Pieranni S. (2017). Genova macaia. Un viaggio da Ponente a Levante. Roma-Bari: Laterza.
  • Ferrari M. (2014). Mare verticale. Dalle Cinque Terre a Bocca di Magra. Roma-Bari: Laterza.
  • Lenzi S. (2013). Sul Lungomai di Livorno. Roma-Bari: Laterza.
  • Culicchia G. (2015). Torino è casa nostra. Roma-Bari: Laterza.
  • Remmert E., Ragagnin L. (2013). L'acino fuggente. Sulle strade del vino tra Monferrato, Langhe e Roero. Roma-Bari: Laterza.
  • Nove A. (2006). Milano non è Milano. Roma-Bari: Laterza.
  • Bugaro R. (2010). Bea vita! Crudo Nordest. Roma-Bari: Laterza.
  • Banda A. (2012). «Due mondi e io vengo dall'altro» (Il Sudtirolo, detto anche Alto Adige). Roma-Bari: Laterza.
  • Covacich M. (2006). Trieste sottosopra. Quindici passeggiate nella città del vento. Roma-Bari: Laterza.
  • Nacci L. (2019). Trieste selvatica. Roma-Bari: Laterza.
  • Baldanzi S. (2014). Il Mugello è una trapunta di terra. A piedi da Barbiana a Monte Sole. Roma-Bari: Laterza.
  • Corlazzoli A. (2014). Gita in pianura. Una classe a spasso per la Bassa. Roma-Bari: Laterza.
  • Postorino R. (2011). Il mare in salita. Da Sanremo a Dolcedo passando per i bricchi. Roma-Bari: Laterza.
  • Malvaldi M. (2015). Scacco alla torre. Roma-Bari: Laterza.
  • Stancanelli E. (2006). Firenze da piccola. Roma-Bari: Laterza.
  • Ferracuti A. (2009). Viaggi da Fermo. Un sillabario piceno. Roma-Bari: Laterza.
  • Cilento A. (2006). Napoli sul mare luccica. Roma-Bari: Laterza.
  • De Palma P. (2020). Bari calling. Roma-Bari: Laterza.
  • Giartosio T. (2012). L' O di Roma. In tondo e senza fermarsi mai. Roma-Bari: Laterza.
  • Calaciura G. (2016). Pantelleria. L'ultima isola. Roma-Bari: Laterza.
  • Alajmo R. (2019). Palermo è una cipolla. Remix. Roma-Bari: Laterza.
  • Zito D. (2018). Catania non guarda il mare. Roma-Bari: Laterza.
  • Di Girolamo G. (2019). Gomito di Sicilia. Roma-Bari: Laterza.
  • Longo F. (2009). Il mare di pietra. Eolie o i 7 luoghi dello spirito. Roma-Bari: Laterza.
  • Fois M. (2008). In Sardegna non c'è il mare. Roma-Bari: Laterza.
  • Anedda A. (2013). Isolatria. Viaggio nell'arcipelago della Maddalena. Roma-Bari: Laterza.

Programma d'esame per studenti NON frequentanti:
- Materiale didattico (video e slide) caricato dal docente su AulaWeb.
- Studio di un testo a scelta tra:

  • Cersosimo D., Donzelli C., Manifesto per riabitare l'Italia, Donzelli, Roma, 2020.
  • Bocchi G., Ceruti M., Educazione e globalizzazione, Cortina, Milano, 2004.

- Lettura critica di almeno uno dei seguenti testi:

  • Pieranni S. (2017). Genova macaia. Un viaggio da Ponente a Levante. Roma-Bari: Laterza.
  • Ferrari M. (2014). Mare verticale. Dalle Cinque Terre a Bocca di Magra. Roma-Bari: Laterza.
  • Lenzi S. (2013). Sul Lungomai di Livorno. Roma-Bari: Laterza.
  • Culicchia G. (2015). Torino è casa nostra. Roma-Bari: Laterza.
  • Remmert E., Ragagnin L. (2013). L'acino fuggente. Sulle strade del vino tra Monferrato, Langhe e Roero. Roma-Bari: Laterza.
  • Nove A. (2006). Milano non è Milano. Roma-Bari: Laterza.
  • Bugaro R. (2010). Bea vita! Crudo Nordest. Roma-Bari: Laterza.
  • Banda A. (2012). «Due mondi e io vengo dall'altro» (Il Sudtirolo, detto anche Alto Adige). Roma-Bari: Laterza.
  • Covacich M. (2006). Trieste sottosopra. Quindici passeggiate nella città del vento. Roma-Bari: Laterza.
  • Nacci L. (2019). Trieste selvatica. Roma-Bari: Laterza.
  • Baldanzi S. (2014). Il Mugello è una trapunta di terra. A piedi da Barbiana a Monte Sole. Roma-Bari: Laterza.
  • Corlazzoli A. (2014). Gita in pianura. Una classe a spasso per la Bassa. Roma-Bari: Laterza.
  • Postorino R. (2011). Il mare in salita. Da Sanremo a Dolcedo passando per i bricchi. Roma-Bari: Laterza.
  • Malvaldi M. (2015). Scacco alla torre. Roma-Bari: Laterza.
  • Stancanelli E. (2006). Firenze da piccola. Roma-Bari: Laterza.
  • Ferracuti A. (2009). Viaggi da Fermo. Un sillabario piceno. Roma-Bari: Laterza.
  • Cilento A. (2006). Napoli sul mare luccica. Roma-Bari: Laterza.
  • De Palma P. (2020). Bari calling. Roma-Bari: Laterza.
  • Giartosio T. (2012). L' O di Roma. In tondo e senza fermarsi mai. Roma-Bari: Laterza.
  • Calaciura G. (2016). Pantelleria. L'ultima isola. Roma-Bari: Laterza.
  • Alajmo R. (2019). Palermo è una cipolla. Remix. Roma-Bari: Laterza.
  • Zito D. (2018). Catania non guarda il mare. Roma-Bari: Laterza.
  • Di Girolamo G. (2019). Gomito di Sicilia. Roma-Bari: Laterza.
  • Longo F. (2009). Il mare di pietra. Eolie o i 7 luoghi dello spirito. Roma-Bari: Laterza.
  • Fois M. (2008). In Sardegna non c'è il mare. Roma-Bari: Laterza.
  • Anedda A. (2013). Isolatria. Viaggio nell'arcipelago della Maddalena. Roma-Bari: Laterza.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Il ricevimento studenti si terrà il martedì dalle 14.30 alle 17.30. Gli studenti sono invitati a inviare un'email al docente per fissare un appuntamento. In base alle disposizioni sanitarie il ricevimento si terrà in presenza presso l'Ufficio del Docente nella sede del DSFOR in Corso Podestà 2 oppure sulla Piattaforma Teams.

LEZIONI

Modalità didattiche

Le attività didattiche saranno organizzate al fine di favorire un apprendimento attivo da parte degli studenti e delle studentesse, per questo motivo verranno alternati momenti di didattica frontale e laboratoriale.
Le lezioni frontali saranno volte a fornire gli strumenti di base per comprendere i principali processi territoriali che si svolgono alla scala italiana ed europea e le relazioni complesse che si instaurano tra le loro configurazioni paesaggistiche.
Le attività didattiche di tipo laboratoriale saranno basate su metodologie problem based e saranno volte a stimolare l'analisi critica e transcalare di alcuni problemi di geografia dell'Italia e l'Europa.
Specifiche attività laboratoriali saranno dedicate al confronto sulla progettazione di attività didattiche relative ai problemi di geografia dell'Italia e l'Europa studiati.

INIZIO LEZIONI

16 marzo 2022

ESAMI

Modalità d'esame

L'esame si svolgerà attraverso un colloquio orale nel quale lo studente dovrà presentare un'attività didattica e dovrà rispondere ad alcune domande volte a verificare la comprensione dei principali processi territoriali che si svolgono alla scala italiana ed europea e le relazioni complesse che si instaurano tra le loro configurazioni paesaggistiche.

Modalità di accertamento

La prova orale permetterà di verificare:

  • la comprensione dei principali processi territoriali che si svolgono alla scala italiana ed europea e le relazioni complesse che si instaurano tra le loro configurazioni paesaggistiche;
  • la capacità di analisi critica e transcalare di problemi di carattere politico, economico e culturale relativi all'Italia e all'Europa;
  • la capacità di progettare attività didattiche per la scuola Primaria e/o dell'Infanzia utilizzando le conoscenze acquisite.

ALTRE INFORMAZIONI

È possibile sostenere l'esame solo dopo aver acquisito il credito di laboratorio in Didattica della Geografia.

Si invitano tutti gli studenti a consultare periodicamente la pagina di questo insegnamento sul portale dell’e-learning AulaWeb (raggiungibile dal sito di Ateneo o all’indirizzo: www.aulaweb.unige.it). Tutte le informazioni e i materiali relativi a questo insegnamento sono pubblicate esclusivamente in tale sito.

Nel caso non dovesse essere possibile svolgere le lezioni in presenza per motivi sanitari, le stesse verranno erogate a distanza utilizzando le piattaforme di Ateneo TEAMS e/o AulaWeb.

Gli studenti non frequentanti sono invitati a prendere contatto con il docente per concordare le modalità d'esame.