DIRITTO ECCLESIASTICO

DIRITTO ECCLESIASTICO

_
iten
Codice
55588
ANNO ACCADEMICO
2021/2022
CFU
3 cfu al 3° anno di 7995 GIURISPRUDENZA (LMG/01) GENOVA

3 CFU al 5° anno di 7996 GIURISPRUDENZA (LMG/01) GENOVA

3 CFU al 3° anno di 10842 SERVIZI LEGALI ALL'IMPRESA E ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (L-14) GENOVA

SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
IUS/11
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (GIURISPRUDENZA)
periodo
2° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Diritto ecclesiastico Studio della disciplina giuridica del fenomeno religioso, anche in prospettiva comparatistica, all'interno dell'ordinamento statuale

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Lo scopo dell’insegnamento di Istituzioni di diritto canonico ed ecclesiastico è, da un lato quello di introdurre lo studente alla conoscenza di un ordinamento giuridico, quello della Chiesa cattolica, profondamente diverso da quello dello Stato sotto molteplici profili a partire dalla sua finalità ultraterrena, e da un altro quello di fornire allo stesso destinatario un quadro in merito alle norme giuridiche dello Stato italiano che regolano il fenomeno religioso, visto nella sua attuale dimensione pluralistica in cui la posizione del cattolicesimo, deposta la sua qualità di religione di Stato, è divenuta istituzionalmente paritaria rispetto alle altre confessioni riconosciute.

Al termine dell’insegnamento, la frequenza, la partecipazione alle attività formative proposte e lo studio individuale consentiranno allo studente di:

- conoscere, identificare e distinguere le fonti del diritto della Chiesa, la loro dimensione storica, i caratteri degli istituti più rilevanti;

- comprendere, coordinare ed interpretare le norme fondamentali dello Stato italiano, a partire dalla Costituzione del 1948, che regolano il fenomeno religioso;

- ricordare ed apprezzare i nessi intercorrenti fra il diritto canonico, espressione di un ordinamento autonomo ad ispirazione religiosa, e il diritto dello Stato moderno, laico e aconfessionale che si deve rapportare anche con altri culti, diversi da quello cattolico, praticati da un numero crescente di soggetti, cittadini e non, dimoranti stabilmente sul suo territorio.

Modalità didattiche

L’insegnamento è articolato in lezioni frontali in aula con supporto della videoproiezione, per un totale di 36 ore. In esse verranno esposti, chiariti ed esemplificati i concetti principali dei due moduli oggetto del programma, che lo studente dovrà conseguentemente acquisire nel suo lavoro personale. Le immagini proiettate a lezione saranno rese disponibili, insieme ad aggiornamenti relativi al corso ed eventualmente ad altro materiale didattico, sulla piattaforma e-learning “Aulaweb”.

La frequenza alle lezioni, rilevata secondo le modalità che saranno esplicitate dal docente durante le prime lezioni, è consigliata.

Durante il corso gli studenti che risulteranno frequentanti potranno svolgere esercitazioni e/o prove orali o scritte relative alle lezioni già svolte e alle immagini proiettate. La parte di programma coperta da tali prove, del cui risultato si terrà conto ai fini della valutazione finale, non verrà richiesta all’esame orale conclusivo che si celebrerà in uno degli appelli ordinari.

Nel corso delle lezioni verrà distribuito del materiale didattico di supporto alla preparazione dell’esame.

Per agevolare l’apprendimento, lo studente potrà avvalersi del supporto del docente (oltre che a lezione, al ricevimento nelle giornate e negli orari di seguito indicati), dei cultori della materia e dei tutor.

PROGRAMMA/CONTENUTO

      

L’insegnamento prevede la presentazione e discussione dei seguenti argomenti:

(Modulo di Diritto ecclesiastico)
- Il concetto di Diritto ecclesiastico
- La Costituzione italiana ed il fenomeno religioso
- Le fonti del Diritto ecclesiastico italiano e la loro gerarchia
- La Santa Sede e lo Stato della Città del Vaticano
- Cittadini e fattore religioso: assistenza spirituale in strutture pubbliche, insegnamento della religione cattolica, scuole confessionali, matrimonio religioso con effetti civili, diritto penale e religione, festività religiose e riposo settimanale

TESTI/BIBLIOGRAFIA

per gli studenti frequentanti, oltre agli appunti e alle immagini, costituirà parte integrante e necessaria ai fini del superamento dell’esame lo studio dei seguenti testi:

- G. Dalla Torre, Lezioni di diritto canonico, Giappichelli, Torino 2018 (5 ed.), limitatamente ai capitoli 2, 3, 6, 9

- P. Consorti, Diritto e religione, Ed. Laterza, Bari 2019 (3 ed.), limitatamente ai capitoli 2, 3, 5, 6

per gli studenti non frequentanti, costituiranno parte integrante e necessaria ai fini del superamento dell’esame lo studio dei seguenti testi:

- G. Dalla Torre, Lezioni di diritto canonico, Giappichelli, Torino 2018 (5 ed.), limitatamente ai capitoli 2, 3, 4, 5, 6, 8, 9

- P. Consorti, Diritto e religione, Ed. Laterza, Bari 2019 (3 ed.), limitatamente ai capitoli 2, 3, 4, 5, 6, 8

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Martedì 15.00-17.00, presso il Dipartimento di Giurisprudenza in Via Balbi 30/6, sez. di Storia del Diritto, II piano, 16126 Genova; per altri giorni ed orari su appuntamento. È comunque necessario contattare sempre previamente il docente via e-mail, all'indirizzo lorenzo.sinisi@unige.it. Se la situazione sanitaria non dovesse consentire di svolgere il ricevimento in presenza, questo si terrà sulla piattaforma Teams nel canale "Ricevimenti del prof. Sinisi" codice 4ks8dz1, su appuntamento scrivendo a lorenzo.sinisi@unige.it o iscrivendosi al Teams e inviando un messaggio al docente direttamente dalla piattaforma. 

LEZIONI

Modalità didattiche

L’insegnamento è articolato in lezioni frontali in aula con supporto della videoproiezione, per un totale di 36 ore. In esse verranno esposti, chiariti ed esemplificati i concetti principali dei due moduli oggetto del programma, che lo studente dovrà conseguentemente acquisire nel suo lavoro personale. Le immagini proiettate a lezione saranno rese disponibili, insieme ad aggiornamenti relativi al corso ed eventualmente ad altro materiale didattico, sulla piattaforma e-learning “Aulaweb”.

La frequenza alle lezioni, rilevata secondo le modalità che saranno esplicitate dal docente durante le prime lezioni, è consigliata.

Durante il corso gli studenti che risulteranno frequentanti potranno svolgere esercitazioni e/o prove orali o scritte relative alle lezioni già svolte e alle immagini proiettate. La parte di programma coperta da tali prove, del cui risultato si terrà conto ai fini della valutazione finale, non verrà richiesta all’esame orale conclusivo che si celebrerà in uno degli appelli ordinari.

Nel corso delle lezioni verrà distribuito del materiale didattico di supporto alla preparazione dell’esame.

Per agevolare l’apprendimento, lo studente potrà avvalersi del supporto del docente (oltre che a lezione, al ricevimento nelle giornate e negli orari di seguito indicati), dei cultori della materia e dei tutor.

INIZIO LEZIONI

II semestre

ESAMI

Modalità d'esame

Per gli studenti frequentanti

L'esame finale consiste in una prova orale dinanzi ad una apposita Commissione, sulla base delle lezioni, delle immagini proiettate e fornite e dei testi indicati. Il voto finale è attribuito in trentesimi. Per sostenere la prova lo studente dovrà iscriversi online all’appello ordinario scelto. Si raccomanda vivamente di cancellare l’iscrizione, in caso di rinuncia a presentarsi all’esame.

Durante il corso, lo studente frequentante avrà facoltà di sostenere un’eventuale prova scritta o orale sulla base delle lezioni già svolte e delle immagini proiettate, limitata alla parte di programma trattata sino ad allora. Qualora lo studente superi positivamente tale prova, l’esame orale verterà sulla sola seconda metà del programma affrontata nelle lezioni conclusive del corso. Il voto conseguito nella prova intermedia, sia scritta che orale, espresso in trentesimi consisterà quindi in una media ponderata fra le valutazioni riportate rispettivamente nella prova scritta e in quella orale. Qualora invece lo studente preferisca non sostenere la prova intermedia, oppure non la superi o comunque non sia soddisfatto del voto conseguito, l’esame finale in forma orale riguarderà l’intero programma.

 

Per gli studenti non frequentanti

L’esame è orale e consiste in una prova orale dinanzi ad un’apposita commissione, sulla base dei testi indicati. Il voto finale è attribuito in trentesimi; Per sostenere la prova lo studente dovrà iscriversi online all’appello ordinario scelto. Si raccomanda vivamente di cancellare l’iscrizione, in caso di rinuncia a presentarsi all’esame.

Modalità di accertamento

Con la prova orale finale si valuterà l’apprendimento e la comprensione da parte dello studente del programma indicato, mediante 3/4 domande rivolte dall’apposita Commissione al candidato.

Con l’eventuale prova scritta parziale, si valuteranno l’apprendimento e la comprensione maturati dallo studente frequentante in relazione alla sola parte del corso trattata a lezione sino ad allora, sulla base delle lezioni già svolte e delle immagini proiettate.

Lo studente dovrà dimostrare di aver compreso le peculiarità dell’ordinamento giuridico della Chiesa cattolica attraverso la conoscenza dei suoi principali istituti e il contenuto delle norme dello Stato che regolano il fenomeno religioso nei suoi vari aspetti. In sede d’esame costituiranno parametri di valutazione anche la qualità dell’esposizione, l’utilizzo corretto del lessico giuridico e soprattutto la capacità di ragionamento critico sui contenuti studiati.

ALTRE INFORMAZIONI

Il docente per ogni chiarimento è sempre reperibile tramite mail all'indirizzo lorenzo.sinisi@unige.it