FILOLOGIA GRECA (LM)

FILOLOGIA GRECA (LM)

_
iten
Codice
65663
ANNO ACCADEMICO
2021/2022
CFU
6 cfu al 2° anno di 9023 SCIENZE DELL'ANTICHITÀ: ARCH., FILOL.E LETT., STORIA (LM-15) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
L-FIL-LET/02
SEDE
GENOVA (SCIENZE DELL'ANTICHITÀ: ARCH., FILOL.E LETT., STORIA)
periodo
1° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

La tradizione della letteratura greca è costellata di perdite: di molte opere non si conservano che riferimenti indiretti, di altre sappiamo solo che sono esistite, di altre ancora (le più lette e diffuse nel corso del tempo) abbiamo molti o moltissimi testimoni manoscritti. Ma anche in quest’ultimo caso, sovente i dati testuali che abbiamo sono ambigui, insoddisfacenti, o problematici e sollecitano la riflessione su questioni di metodo.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Il modulo si propone di declinare gli obiettivi formativi dell’insegnamento Filologia classica con specifico riferimento ai testi della grecità classica e alle loro tradizioni: approfondita conoscenza dei meccanismi e della terminologia della critica del testo; competenze in relazione alla ricostruzione di tradizioni manoscritte, alla discussione tra varianti, alla proposta di congetture; capacità di leggere un’edizione critica di un testo della letteratura greca antica, comprendendo appieno le informazioni fornite nell’apparato e nella praefatio e le loro conseguenze; capacità di utilizzare gli strumenti bibliografici e i database online pertinenti alla disciplina.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

La partecipazione alle attività formative e/o lo studio individuale consentiranno allo studente di:

– conoscere e comprendere i meccanismi della critica del testo applicata ai testi della grecità classica;

– applicare le conoscenze generali alla fruizione di edizioni critiche;

– usare gli strumenti bibliografici e i database online pertinenti alla disciplina;

– comprendere e interpretare i dati relativi a tradizioni manoscritte greche;

– acquisire un lessico appropriato per presentare e discutere criticamente i diversi aspetti della disciplina.

PREREQUISITI

Solida conoscenza della lingua greca antica.

Modalità didattiche

Lezioni frontali con proiezione di immagini e presentazioni Powerpoint (rese disponibili su Aulaweb). Agli studenti verrà richiesto inoltre di intervenire attivamente, con l’elaborazione, in piccoli gruppi o in forma individuale, di un intervento di circa 20/30 minuti su un argomento concordato da esporre oralmente a lezione: tale esercitazione non ha scopo di valutazione e non concorre al voto d’esame.

Le lezioni si terranno auspicabilmente in presenza, con possibilità per gli studenti di seguire anche a distanza (sarà data conferma della modalità adottata appena possibile).

La frequenza alle lezioni e la partecipazione alle attività sono caldamente consigliate. Eventuali studenti non frequentanti sono pregati di prendere contatto con la docente per concordare un programma alternativo. Tutti gli studenti sono tenuti a registrarsi su Aulaweb.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Lettura di una selezione di passi dai poemi omerici e dai rispettivi corpora scoliastici, con disamina delle rispettive genesi (entrambe, per ragioni diverse, problematiche) e panoramica sulle tradizioni manoscritte, lettura degli apparati critici e osservazione delle riproduzioni di una selezione di testimoni manoscritti, riflessione sui diversi problemi ecdotici posti e conseguenti tecniche ecdotiche applicate e applicabili.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

– M.L. West, Critica del testo e tecnica dell’edizione, Palermo, L’Epos, 1991 (trad. it. di Textual criticism and editorial technique, Stuttgart 1973);

– G. PASQUALI, Storia della tradizione e critica del testo (premessa di D. Pieraccioni), Firenze, Le Lettere 1988 (rist. anastatica della seconda edizione, Firenze 1952), capitolo VI Varianti antiche e antiche edizioni (pp. 185-393).

– Un volume a scelta tra:

F. MONTANA, La filologia ellenistica. Lineamenti di una storia culturale, Pavia, Pavia University Press 2012;

oppure

G. Nagy, Homer’s Text and Language, Urbana-Chicago, University of Illinois Press 2004;

oppure

M.L. West, Studies in the Text and Transmission of the Iliad, München-Leipzig, Saur 2001.

 

I passi esaminati a lezione saranno resi disponibili su Aulaweb. Delle parti di manoscritti esaminate a lezione e utili per le esercitazioni saranno fornite riproduzioni digitali.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: In qualsiasi giorno e orario, previo appuntamento da concordarsi via email, presso DAFIST, Sezione Ellenica, via Balbi 4, oppure sulla piattaforma Teams. NB In ottemperanza al protocollo COVID19, gli eventuali colloqui in presenza potranno avvenire rigorosamente solo su appuntamento.

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali con proiezione di immagini e presentazioni Powerpoint (rese disponibili su Aulaweb). Agli studenti verrà richiesto inoltre di intervenire attivamente, con l’elaborazione, in piccoli gruppi o in forma individuale, di un intervento di circa 20/30 minuti su un argomento concordato da esporre oralmente a lezione: tale esercitazione non ha scopo di valutazione e non concorre al voto d’esame.

Le lezioni si terranno auspicabilmente in presenza, con possibilità per gli studenti di seguire anche a distanza (sarà data conferma della modalità adottata appena possibile).

La frequenza alle lezioni e la partecipazione alle attività sono caldamente consigliate. Eventuali studenti non frequentanti sono pregati di prendere contatto con la docente per concordare un programma alternativo. Tutti gli studenti sono tenuti a registrarsi su Aulaweb.

INIZIO LEZIONI

La data di inizio delle lezioni verrà comunicata appena possibile.

ESAMI

Modalità d'esame

Prova orale.

Modalità di accertamento

Agli studenti verrà richiesto sia di esporre discorsivamente argomenti del programma sia di tradurre e commentare, dal punto di vista critico-tradizionale ed ecdotico, brani affrontati a lezione, per accertare la conoscenza e la comprensione dei meccanismi e degli strumenti della critica del testo, delle specifiche tradizioni in programma, degli strumenti propri della disciplina, nonché le capacità di fruire degli apparati critici e di padroneggiare la terminologia tecnica.

La soglia di base si intende raggiunta nei casi in cui lo studente dimostri di aver sostanzialmente compreso il funzionamento degli strumenti concettuali della filologia, sappia riferire correttamente quali sono i problemi metodologici e sia in grado di ricavare le informazioni offerte da un’edizione critica, utilizzando in maniera appropriata la terminologia tecnica.

La soglia di eccellenza si intende raggiunta nei casi in cui lo studente dimostri una totale padronanza degli strumenti concettuali e della terminologia tecnica della filologia, al punto di essere in grado di elaborare in maniera autonoma e critica i problemi metodologici della disciplina e le informazioni offerte da un’edizione critica.

ALTRE INFORMAZIONI

La frequenza alle lezioni e la partecipazione alle attività sono caldamente consigliate. Eventuali studenti non frequentanti sono pregati di prendere contatto con la docente per concordare un programma alternativo. Tutti gli studenti sono tenuti a registrarsi su Aulaweb.