STORIA E CULTURA DELL'EUROPA ORIENTALE: ITINERARI DI STUDIO (LM)

STORIA E CULTURA DELL'EUROPA ORIENTALE: ITINERARI DI STUDIO (LM)

_
iten
Codice
98451
ANNO ACCADEMICO
2021/2022
CFU
9 cfu al 1° anno di 9917 SCIENZE STORICHE (LM-84) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
M-STO/03
SEDE
GENOVA (SCIENZE STORICHE )
periodo
1° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Caterina di Russia

Ricorrendo ad una metodologia che attinge alla storia politica, culturale, sociale e religiosa della Russia del Settecento, il corso analizza il regno della zarina Caterina II che dal 1762 al 1796 ha trasformato l'impero russo. Spaziando dall'analisi delle istituzioni politiche e sociali dell'epoca allo studio della cultura e delle religioni le lezioni si concentreranno sulle caratteristiche di un mondo percorso, allora come oggi, da turbinosi cambiamenti.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

L’obiettivo dell'insegnamento è offrire allo studente una conoscenza approfondita della storia della Russia dal IX secolo ai giorni nostri con particolare riguardo alla storia delle diverse culture e religioni del mondo russo in età moderna e contemporanea. Grande attenzione viene dedicata all'acquisizione di un metodo di interpretazione critica della letteratura storiografica.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

L’obiettivo del corso è quello di fornire agli studenti un quadro dettagliato della situazione storica, politica, economica e sociale della Russia all'epoca di Caterina II. L’ottica è quella di fornire agli studenti un'adeguata chiave di lettura della costituzione dello Stato e della società russi e del loro nesso con la situazione delle altre compagini statuali dell'Europa e dell'Asia.

Lo studente dovrà acquisire una profonda conoscenza del periodo della storia russa caratterizzato dall'azione riformatrice della zarina Caterina II, dimostrando di saper adottare il linguaggio tecnico specifico della disciplina, di conoscere gli eventi e le dinamiche politiche, sociali e culturali dell'impero russo nella seconda metà del Settecento. Inoltre lo studente dovrà dimostrare di aver acquisito una buona comprensione dei metodi di analisi e di interpretazione dei grandi processi della storia russa del Settecento  sia dal punto di vista della politica interna sia da quello della cultura e della religione e di possedere conoscenze adeguate sui principali dibattiti storiografici intorno ai temi cardine del corso allo scopo di saper valutare i principali problemi della Russia del XVIII secolo.

PREREQUISITI

Per affrontare efficacemente i contenuti dell’insegnamento è auspicabile una conoscenza di base della storia europea e della storia della cultura nel XVIII secolo.

Modalità didattiche

Le lezioni si terranno auspicabilmente in presenza, con possibilità per gli studenti di seguire anche a distanza tramite videoconferenza sulla piattaforma Teams.

Il codice d'accesso è il seguente: 1p863k8

 

Le lezioni prevederanno un largo uso della lavagna per meglio fissare date, concetti e fasi della storia russa del XVIII secolo, ma anche l’utilizzo di filmati e carte storico-geografiche.

Per aiutare la/lo studente nell'apprendimento, il corso mette a disposizione degli studenti un sito web (Aulaweb) dove vengono inseriti materiali didattici relativi alle lezioni.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il corso intende fornire le conoscenze necessarie per affrontare i temi e i problemi della storia russa e dell'Europa orientale durante la seconda metà del XVIII secolo, e in particolare durante gli anni del regno di Caterina II (1792-1796).

Il programma del corso prevede la presentazione e discussione dei seguenti argomenti:

- L'ascesa della granduchessa Caterina

- Il colpo di stato

- Le riforme legislative

- Le guerre russo-turche

- Le riforme amministrative

- L'impero multietnico

- La letteratura, le arti, il teatro

- La religione

- L'economia

- Giudizio storico

TESTI/BIBLIOGRAFIA

 

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l’insegnamento per 6 CFU

 

M. Natalizi, Caterina di Russia, Salerno Editrice, Roma, 2021

 

 

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l’insegnamento per 9 CFU

 

P. Bushkovitch, Breve storia della Russia. Dalle origini a Putin, Torino, Einaudi, 2013.

 

M. Natalizi, Caterina di Russia, Salerno Editrice, Roma, 2021.

 

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Martedì ore 17.00 via Balbi 6, 3° piano

LEZIONI

Modalità didattiche

Le lezioni si terranno auspicabilmente in presenza, con possibilità per gli studenti di seguire anche a distanza tramite videoconferenza sulla piattaforma Teams.

Il codice d'accesso è il seguente: 1p863k8

 

Le lezioni prevederanno un largo uso della lavagna per meglio fissare date, concetti e fasi della storia russa del XVIII secolo, ma anche l’utilizzo di filmati e carte storico-geografiche.

Per aiutare la/lo studente nell'apprendimento, il corso mette a disposizione degli studenti un sito web (Aulaweb) dove vengono inseriti materiali didattici relativi alle lezioni.

INIZIO LEZIONI

21 settembre 2021

ESAMI

Modalità d'esame

Le conoscenze richieste verranno verificate attraverso una prova orale finale. Lo studente dovrà rispondere a quattro/cinque domande aperte sui temi del corso. Inoltre sono previsti durante il corso alcuni momenti di confronto aperto sulle tematiche più importanti tra docente e studenti al fine di preparare questi ultimi alla prova di esame.

Modalità di accertamento

L’effettivo raggiungimento dei risultati di apprendimento attesi verrà verificato attraverso un esame orale che accerterà:

  • l’effettiva acquisizione delle conoscenze impartite dal corso sulla storia della Russia del XVIII secolo, la capacità di collocare i singoli eventi storici all’interno del più vasto contesto internazionale, (15/30)
  • l’attitudine a effettuare collegamenti causali tra avvenimenti storici nell’ambito politico, sociale e culturale, la conoscenza dei dibattiti storiografici, (10/30)
  • la qualità dell’esposizione, l’acquisizione del corretto lessico della disciplina (5/30).

ALTRE INFORMAZIONI

Curriculum Docente

Marco Natalizi (1963) è professore associato di Storia dell’Europa orientale. Si è formato presso l’Università di Pisa, Firenze e Siena. Le sue pubblicazioni comprendono: Il burattinaio dell’ultimo Zar. Grigorij Rasputin (Salerno editrice, 2016); Pietro il Grande. Uno zar in Europa (EDISES, 2014); L’ingresso della Russia in Europa, in Storia d’Europa e del Mediterraneo. Dal Medioevo all’età della globalizzazione, Sezione V. L’Età moderna (secoli XVI-XVIII), Vol. XII. Popoli, stati, equilibri del potere(Salerno Editrice, 2013); La rivolta degli orfani. La vicenda del ribelle Pugačëv (Donzelli Editore, 2011); Il caso Černyševskij (Bruno Mondatori, 2006); All’ombra della legge. L’amministrazione delle comunità urbane in Russia nella metà del XVIII secolo (Bruno Mondatori, 2003); Nikolaj Gavrilovič Černyševskij, Scritti politico-filosofici, traduzione, introduzione e note a cura di Marco Natalizi (Maria Pacini Fazzi, 2001). E’ socio della Società Italiana per la Storia dell'Età Moderna (SISEM) e della Società Italiana di Studi sul Secolo Diciottesimo (SISSD).