FILOSOFIA DEL DIALOGO INTERRELIGIOSO (LM)

FILOSOFIA DEL DIALOGO INTERRELIGIOSO (LM)

_
iten
Codice
98793
ANNO ACCADEMICO
2021/2022
CFU
9 cfu al 1° anno di 8465 METODOLOGIE FILOSOFICHE (LM-78) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
M-FIL/03
SEDE
GENOVA (METODOLOGIE FILOSOFICHE )
periodo
1° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

La filosofia del dialogo interreligioso, che ha i suoi antecedenti nella sequenza dei dialoghi immaginari tra rappresentanti delle religioni che, dall’età patristica all’Illuminismo si sono susseguiti nel pensiero europeo - da Giustino ad Abelardo, a Cusano, a Bodin, a Lessing - si propone di indagare le vie di un’ermeneutica della relazione e dell’incontro tra le diverse fedi, in vista della localizzazione di un punto di incontro che ne propizi il dialogo e il mutuo arricchimento.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Obiettivo del corso è mettere in grado gli studenti di condurre un discorso filosofico come possibile piattaforma di un incontro dialogico, non soltanto apologetico o polemico, tra differenti atteggiamenti religiosi, a partire da domande comuni, strutturali per l'esistenza umana, e dal confronto con diverse tradizioni di risposte. Attraverso percorsi seminariali saranno esaminati testi classici per la tematica, messi a confronto con contributi e dibattiti contemporanei.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Educare a una coscienza critica e filosofica del pluralismo religioso contemporaneo

Modalità didattiche

Le lezioni si terranno auspicabilmente in presenza, con possibilità per gli studenti di seguire anche a distanza tramite la piattaforma Teams (codice xgk3owg).

PROGRAMMA/CONTENUTO

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu: 

Concordia discors. Condizioni e possibilità di un dialogo tra le religioni nell’età della globalizzazione.

Le lezioni si propongono di analizzare, su basi speculative, le condizioni di un dialogo tra le religioni nel nostro tempo, fissando, dopo aver delucidato l’insorgenza moderna del problema, le linee di una teoria del dialogo interreligioso in orizzonte inclusivo e pluralistico.

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

Parte I: Concordia discors. Condizioni e possibilità di un dialogo tra le religioni nell’età della globalizzazione.

Le lezioni si propongono di analizzare, su basi speculative, le condizioni di un dialogo tra le religioni nel nostro tempo, fissando, dopo aver delucidato l’insorgenza moderna del problema, le linee di una teoria del dialogo interreligioso in orizzonte inclusivo e pluralistico.

Parte II: La parabola dei tre anelli. Un paradigma per il dialogo interreligioso?

Il secondo modulo ricostruirà la storia della novella dei tre anelli, il racconto reso celebre dal Decameron di Boccaccio e ripreso in età illuminista da Lessing in Nathan il Saggio.

 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

R. Celada Ballanti, Filosofia del dialogo interreligioso, Morcelliana, Brescia 2020.

F. Pajer - G. Filoramo, Tante religioni un solo mondo. Pluralismo e convivenza, SEI, Torino 2010.

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

R. Celada Ballanti, Filosofia del dialogo interreligioso, Morcelliana, Brescia 2020.

F. Pajer - G. Filoramo, Tante religioni un solo mondo. Pluralismo e convivenza, SEI, Torino 2010.

R. Celada Ballanti, La parabola dei tre anelli. Migrazioni e metamorfosi di un racconto tra Oriente e Occidente, Edizioni di Storia e Letteratura, Roma 2021.

G.E. Lessing, Nathan il Saggio, Garzanti, Milano 2015.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Giovedì 14-15 (DAFIST, Sez. Filosofia,V. Balbi 4, II p.)

LEZIONI

Modalità didattiche

Le lezioni si terranno auspicabilmente in presenza, con possibilità per gli studenti di seguire anche a distanza tramite la piattaforma Teams (codice xgk3owg).

INIZIO LEZIONI

28 Settembre 2021

ESAMI

Modalità d'esame

Esame orale

Modalità di accertamento

L'esame si svolgerà in forma orale, mediante un dialogo finalizzato a far emergere i contenuti trattati durante in corso.  Sarà accertata inoltre la capacità espositiva e il ragionamento critico dello studente.

ALTRE INFORMAZIONI

È raccomandata la frequenza alle lezioni