INSTITUCIONES RELIGIOSAS EN LOS PAÍSES MEDITERRÁNEOS

INSTITUCIONES RELIGIOSAS EN LOS PAÍSES MEDITERRÁNEOS

_
iten
Codice
104859
ANNO ACCADEMICO
2020/2021
CFU
6 cfu al 1° anno di 11162 RELAZIONI INTERNAZIONALI (LM-52) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
IUS/11
SEDE
GENOVA (RELAZIONI INTERNAZIONALI )
periodo
2° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Los objetivos del curso son: 1) el estudio del fenómeno religioso tanto en la dimensión interordinacional y en la dimensión institucional, para profundizar el tema de la sacralización de la política y nacionalización de la religión en el sistema italiano y en otros sistemas; 2) la profundización crítica de la relación entre religiones, cultura y derecho del área mediterránea, refiriéndose particularmente a institutos comunes específicos como, por ejemplo, familia, ministros de adoración, Anzananza, las reglas alimentarias para identificarlas, a través de un análisis comparativo sobre una base histórico-jurídico, analogías, diferencias, aspectos problemáticos, modalidades de actuación en particular analizando institutos individuales comunes al catolicismo, el islamismo y el judaísmo. Al final del curso, el alumno deberá conocer, describir, comprender y analizar la dinámica entre el factor religioso y la comunidad política y la manifestación del fenómeno religioso en la ley a través de los modelos de comparación y relación entre religiones, cultura y orden legal en la zona euro mediterránea.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Los objetivos del curso son: el estudio del fenómeno religioso en la dimensión interordinacional y en la dimensión institucional, para profundizar el tema de la sacralización de la política y nacionalización de la religión en el sistema italiano y en otros sistemas; la profundización crítica de la relación entre religiones, cultura y derecho del área mediterránea, refiriéndose particularmente a institutos comunes específicos como familia, ministros de adoración, reglas alimentarias.

Al final del curso, el alumno deberá conocer, describir, comprender y analizar la dinámica entre el factor religioso y la comunidad política y la manifestación del fenómeno religioso en la ley a través de los modelos de comparación y relación entre religiones, cultura y orden legal en la zona euro mediterránea.

Modalità didattiche

Salvo diverse indicazioni dovute all'evoluzione della situazione sanitaria, il corso e gli esami si svolgeranno in modalità tradizionale (presenziale). L'esame sarà orale. Durante il corso saranno svolti seminari creditizzati di approfondimento, esercitazioni orali o scritte facoltative con distribuzione del relativo materiale tramite inserimento su aulaweb, che potrà sostituire o integrare parti del programma, da concordare con la docente.

PROGRAMMA/CONTENUTO

L'attenzione si concentra nello spazio pubblico di cristianesimo, ebraismo e islam, approfondendo le analogie e le antinomie riguardanti gli istituti religiosi esaminati e gettando uno sguardo sul significato del diritto delle religioni, sulle principali fonti dei diritti religiosi e sulle relative metodologie di studio. Il corso analizza da un lato il rapporto tra fattore religioso e comunita' politica in eta' contemporanea, con particolare attenzione al caso italiano, e dall'altro il fenomeno religioso nel diritto attraverso i modelli di comparazione e relazione tra religioni, cultura ed ordinamento giuridico nell'area euro mediterranea, con particolare riferimento a specifici ambiti problematici riguardanti il concetto di laicita', la nozione di liberta' religiosa, le regole religiose alimentari, l'istituto del matrimonio e la funzione dei ministri di culto.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Per la parte relativa al rapporto fattore religioso e comunità politica:

Studenti frequentanti: Verrà inserito il materiale da studiare in aula web. Sarà possibile integrarlo con i seguenti testi:

G. Dammacco, Diritti e religioni nel crocevia del Mediterraneo, Bari, 2016

P. Consorti, Diritto e religione. Basi e prospettive, Laterza, Bari 2020 (limitatamente ai capitoli 5, 7, 8, 9)

Per la parte relativa al fenomeno religioso nel diritto:

Studenti frequentanti: Verrà inserito il materiale da studiare in aula web. Sarà possibile integrarlo con i seguenti testi:

S. Ferrari, “Introduzione al diritto comparato delle religioni” (Bologna, Il Mulino 2008), limitatamente ai capitoli III (pp. 35-56), V (pp. 111-172) e VI (pp. 173-226); G. Barberini – M. Canonico, “Elementi essenziali dell’ordinamento canonico” (Giappichelli, Torino 2013), limitatamente al capitolo V (pp. 139-212).

Studenti Erasmus frequentanti: Verrà inserito il materiale da studiare in aula web. Sarà possibile integrarlo con i seguenti testi:

G. Dammacco, Diritti e religioni nel crocevia del Mediterraneo, Bari, 2016; S. Ferrari, “Introduzione al diritto comparato delle religioni” (Bologna, Il Mulino 2008), limitatamente ai capitoli III (pp. 35-56), V (pp. 111-172) e VI (pp. 173-226) o in alternativa H. P. Glenn, “Legal Traditions of the World” (Oxford University Press 2010), limitatamente ai capitoli I, IV, VI; G. Barberini – M. Canonico, “Elementi essenziali dell’ordinamento canonico” (Giappichelli, Torino 2013), limitatamente al capitolo V (pp. 139-212).

Studenti non frequentanti: G. Dammacco, Diritti e religioni nel crocevia del Mediterraneo, Bari, 2016; AA.VV., Libertà di espressione e libertà religiosa in tempi di crisi economica e di rischi per la sicurezza, Pisa, 2016 (solo da pag. 145 a p.337);

S. Ferrari, “Introduzione al diritto comparato delle religioni” (Bologna, Il Mulino 2008), limitatamente ai capitoli I (9-21), II (pp. 23-34), III (pp. 35-56), V (pp. 111-172) e VI (pp. 173-226); G. Barberini – M. Canonico, “Elementi essenziali dell’ordinamento canonico” (Giappichelli, Torino 2013), limitatamente ai capitoli II (pp. 25-57) e V (pp. 139-212).

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: La docente riceve presso il Dipartimento di Giurisprudenza in Via Balbi 30, sez. di Storia del Diritto, II piano o presso l'Albergo dei Poveri, Torre Centrale, V piano, su appuntamento da concordare tramite mail all'indirizzo daniela.tarantino@unige.it. Se la situazione sanitaria non dovesse consentire di svolgere il ricevimento in presenza, questo si terrà sulla piattaforma Teams nel canale "Ricevimenti Tarantino" codice 37c83m3, ogni lunedì e mercoledì dalle 14 alle 15 su appuntamento scrivendo a daniela.tarantino@unige.it o iscrivendosi al Teams e inviando un messaggio alla docente direttamente dalla piattaforma. Sempre su appuntamento si possono concordare altri giorni ed altri orari di ricevimento.

Commissione d'esame

DANIELA TARANTINO (Presidente)

STEFANIA MANGANO (Presidente)

LORENZO SINISI

GIAN MARCO UGOLINI

FRANCESCO PIERINI

LARA PICCARDO

MATTEO CARMINE FIOCCA

PIETRO PIANA

ANDREA CATANZARO

LEZIONI

Modalità didattiche

Salvo diverse indicazioni dovute all'evoluzione della situazione sanitaria, il corso e gli esami si svolgeranno in modalità tradizionale (presenziale). L'esame sarà orale. Durante il corso saranno svolti seminari creditizzati di approfondimento, esercitazioni orali o scritte facoltative con distribuzione del relativo materiale tramite inserimento su aulaweb, che potrà sostituire o integrare parti del programma, da concordare con la docente.

INIZIO LEZIONI

Secondo semestre

ESAMI

Modalità di accertamento

Esercitazioni durante il corso e attività seminariali creditizzate