LANDSLIDE HAZARDS

LANDSLIDE HAZARDS

_
iten
Codice
94641
ANNO ACCADEMICO
2020/2021
CFU
5 cfu al 1° anno di 10553 ENGINEERING FOR NATURAL RISK MANAGEMENT (LM-26) SAVONA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
GEO/05
LINGUA
Inglese
SEDE
SAVONA (ENGINEERING FOR NATURAL RISK MANAGEMENT)
periodo
2° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

“Le catastrofi legate al verificarsi di eventi franosi sono causate dall’esposizione a pericolosi movimenti di suolo e roccia che minacciano insediamenti umani vulnerabili in zone montane, città, coste e isole” (Sendai Partnership Resolution). Come noto, i disastri che si verificano in conseguenza di frane non sono prevedibili, ma possiamo prepararci al meglio.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

The course deals with hazards posed by landslides and erosional processes resulting from natural phenomena and/or man-made actions. Firstly, the geotechnical bases and the principles of landslide classification, investigation and mapping, as well as the basic approaches to assess slope stability conditions will be presented. Later, the various techniques of slope monitoring and the methods available for the assessment of landslide susceptibility will be discussed. At last, the course will deal with aspects of landslide risk management, namely prevention and mitigation measures.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

L'insegnamento si pone l'obiettivo di fornire i concetti generali in materia di pericolosità da frana. Al termine del corso lo studente sarà in grado di:

- comprendere i meccanismi dei principali fenomeni franosi e i fattori che ne regolano il comportamento;

- individuare le tecniche più appropriate per la caratterizzazione e il monitoraggio dei movimenti franosi;

- applicare metodi e approcci di base utili alla valutazione della suscettività e della pericolosità da frana;

- affrontare problemi riguardanti la definizione di strategie per la mitigazione del rischio da frana.

Modalità didattiche

L'insegnamento è articolato in lezioni frontali, esempi applicativi e la trattazione di casi studio. Le lezioni frontali sono erogate mediante presentazioni multimediali.

A seconda delle possibili modifiche dovute alla situazione sanitaria ed epidemiologica, le lezioni frontali verranno fornite in modalità a distanza.

Si rimanda all'applicazione specifica AulaWeb di questo insegnamento per eventuali aggiornamenti dovuti a cambiamenti nella situazione sanitaria ed epidemiologica.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il programma del corso prevede la presentazione e discussione dei seguenti argomenti: 

- Cenni di geologia applicata all'ingegneria;

- Introduzione alle frane e alla loro classificazione, fattori predisponenti e innescanti, stato di attività e velocità delle frane;

- Indagini geologiche e geognostiche in aree franose; mappatura delle frane;

- Definizione di rischio, pericolosità e suscettibilità da frana;

- Tecniche per il monitoraggio dei movimenti di versante superficiali e profondi;

- Metodi per la valutazione della suscettibilità e della pericolosità da frana;

- Tecniche di stabilizzazione dei versanti e approcci per la mitigazione del rischio da frana.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

- Materiale didattico distribuito durante le lezioni e disponibile su Aulaweb

- Abramson L.W., Lee T.S., Sharma S., Boyce G.M. (2002) – Slope stability and stabilization methods. 2nd Ed. Wiley Interscience

- Clague J.J, Stead D. (2012) – Landslides - Types, Mechanisms and Modeling. Cambridge University Press

- Cruden, D. M. (1993). The multilingual landslide glossary. The International Geotechnical Societies UNESCO Working Party for World Landslide Inventory, 5

- Highland, L., & Bobrowsky, P. T. (2008). The landslide handbook: a guide to understanding landslides (p. 129). Reston: US Geological Survey

- Hungr, O., Leroueil, S., & Picarelli, L. (2014). The Varnes classification of landslide types, an update. Landslides, 11(2), 167-194

- Settles, E., Göttle, A., & Von Poschinger, A. (2008). Slope monitoring methods-a state of the art report. ClimChalp Interreg III B Alpine Space Work package, 6

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Il ricevimento degli studenti avviene concordando un appuntamento direttamente con il docente tramite telefono, e-mail o utilizzando aulaweb.

LEZIONI

Modalità didattiche

L'insegnamento è articolato in lezioni frontali, esempi applicativi e la trattazione di casi studio. Le lezioni frontali sono erogate mediante presentazioni multimediali.

A seconda delle possibili modifiche dovute alla situazione sanitaria ed epidemiologica, le lezioni frontali verranno fornite in modalità a distanza.

Si rimanda all'applicazione specifica AulaWeb di questo insegnamento per eventuali aggiornamenti dovuti a cambiamenti nella situazione sanitaria ed epidemiologica.

INIZIO LEZIONI

Come da calendario didattico consultabile al seguente link: https://easyacademy.unige.it/portalestudenti/

ESAMI

Modalità d'esame

L'esame consiste in una prova orale sui vari argomenti trattati durante l'insegnamento.

Si rimanda all'applicazione specifica AulaWeb di questo insegnamento per eventuali aggiornamenti dovuti a cambiamenti nella situazione sanitaria ed epidemiologica.

Modalità di accertamento

Esame orale volto ad accertare l’apprendimento delle tematiche trattate all’interno del corso e la capacità di esposizione delle stesse da parte dello studente

ALTRE INFORMAZIONI

La frequenza regolare delle lezioni è consigliata.