SUSTAINABLE PLANNING

SUSTAINABLE PLANNING

_
iten
Codice
56880
ANNO ACCADEMICO
2020/2021
CFU
5 cfu al 2° anno di 10799 INGEGNERIA CIVILE (LM-23) GENOVA

5 CFU al 2° anno di 9914 INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA (LM-4) GENOVA

5 CFU al 2° anno di 10720 ENVIRONMENTAL ENGINEERING (LM-35) GENOVA

SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
ICAR/20
SEDE
GENOVA (INGEGNERIA CIVILE)
periodo
1° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il corso intende presentare i principali temi riferibili alla sostenibilità a livello urbano e territoriale.

In particolare, approfondisce le principali competenze istituzionali e le relative procedure. Nel corso vengono altresì illustrate esperienze virtuose nel panorama internazionale.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

The course aims at providing a vast and up-to-date knowledge on the main policies, laws and tools for sustainable planning. It examines in depth the most important spatial issues at the local and international level and analyses the European and Italian landscape in relation to: urban safety and security, natural/anthropic risk prevention, smart and sustainable mobility, waterfront renewal, waste management, eco-responsible tourism, energy planning.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Sustainable Planning mira a far raggiungere una maggiore sensibilità nei confronti di una disciplina, quale quella urbanistica che si pone, di fatto, come elemento connettivo delle scelte di riqualificazione e rivitalizzazione sociale ed economica del territorio. Nello specifico, il corso intende affrontare le maggiori tematiche a livello urbano e territoriale, secondo i principi e la prospettiva, ormai imprescindibile, della sostenibilità declinata in tutte le sue dimensioni.

Modalità didattiche

Lo svolgimento della prima parte del corso avviene con esposizione diretta. Nella seconda parte, ad un inquadramento generale ex cathedra, fanno seguito approfondimenti tematici guidati, riferiti a singoli od a piccoli gruppi di allievi.

 


 

PROGRAMMA/CONTENUTO

L’approccio metodologico porterà l’allievo a:

  • Conoscere le tematiche fondamentali in campo civile-ambientale per l’attività di un ingegnere nel campo pianificatorio e urbanistico, mediante la proposta di lezioni frontali, unite a momenti di didattica partecipata;
  • Approfondire le tematiche trattate, attraverso elaborazioni di gruppo/ presentazioni/report su casi studio, al fine di far maturare una maggiore consapevolezza delle diverse criticità e soluzioni.

 

Programma didattico

Si articola in alcune priorità tematiche:

 

  • Sostenibilità: tappe principali, Agenda 21 e buone pratiche
  • Gestione sostenibile dei rifiuti
  • Il turismo lento e responsabile
  • Sicurezza del territorio nei confronti dei rischi
  • Pianificazione strategica: strumenti e monitoraggio
  • Sostenibilità in ambito portuale e waterfront renewal
  • Piano Urbano della Mobilità Sostenibile
  • Infomobilità e ICT
  • Sustainable Energy Action Plan e azioni sulle rinnovabili

TESTI/BIBLIOGRAFIA

  • Pirlone F., 2015. I rifiuti e i Piani di gestione urbana all’interno dellagovernance. Collana Città e territorio, Franco Angeli, Milano.
  • Ugolini P., 2009. Approccio alla sostenibilità nella governance del territorio. Collana Città e Territorio, Franco Angeli, Milano.
  • Pirlone F. 2009, I rischi naturali nelle prassi ordinarie di pianificazione e gestione urbanistica. L’importanza della temporalità nella sicurezza del territorio, Alinea Editrice, Firenze.
  • Verones S. e Zanon B. (a cura di), 2009. Energia e Pianificazione Urbanistica. Verso una integrazione delle politiche urbane. Collana Città e Territorio, Edizioni Franco Angeli, Milano.
  • Delponte I., 2008. Evoluzione degli spazi portuali e strumenti di pianificazione. Aracne Editrice, Lanuvio Roma.
  • Busi R., Pezzagno M. (a cura di), 2006. Mobilità dolce e turismo sostenibile. Un approccio interdisciplinare. Gangemi Editore, Roma.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Su appuntamento, telefonando ai docenti o inviando una e-mail

Ricevimento: Il docente riceve su appuntamento, preferibilmente per gli studenti in corso alla fine della lezione.

Commissione d'esame

FRANCESCA PIRLONE (Presidente)

ILARIA DELPONTE (Presidente)

LEZIONI

Modalità didattiche

Lo svolgimento della prima parte del corso avviene con esposizione diretta. Nella seconda parte, ad un inquadramento generale ex cathedra, fanno seguito approfondimenti tematici guidati, riferiti a singoli od a piccoli gruppi di allievi.

 


 

ESAMI

Modalità d'esame

Il corso prevede una prova di tipo orale.

L’esame consta sostanzialmente di due parti:

  • la prima consiste nell’esposizione degli argomenti illustrati durante le lezioni;
  • la seconda riguarda la presentazione e successiva discussione dei risultati acquisiti su di un tema a scelta analizzato.

 

Modalità di accertamento

L’accertamento dell’apprendimento dei temi del corso verrà effettuato tramite un colloquio orale, nell’ambito del quale saranno valutati la preparazione, l’esposizione e il lavoro a gruppi svolto durante il corso.