SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI

SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI

_
iten
Codice
80211
ANNO ACCADEMICO
2020/2021
CFU
6 cfu al 3° anno di 8713 INGEGNERIA BIOMEDICA (L-8) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
ING-IND/22
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (INGEGNERIA BIOMEDICA )
periodo
1° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il Corso di Scienza dei Materiali si propone di introdurre lo studente alla natura dei differenti materiali, Metalli, Polimeri e Ceramici, utilizzati nell'ambito delle applicazioni biomediche. Muovendo dalle strutture nanometriche della materia, per le quali si considera che lo studente possa appoggiarsi alle informazioni conseguite nei Corsi di Fisica e Chimica, ci si muovera' sulle proprieta' microscopiche e infine macroscopiche dei materiali piu' applicati.

 

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Scopo dell'insegnamento è quello di rendere chiaro allo studente quanto il materiale, i trattamenti termici, chimici e le modificazioni dei processi produttivi possono influire e modificare le caratteristiche dei materiali in uso in ambito Biomedico. Verrà analizzata in dettaglio la differenza prestazionale tra il materiale in forma massiva (bulk) rispetto alle sue applicazioni microscopiche dove le caratteristiche delle superfici diventano fondamentali nell'ambito delle interfacce con l'ambiente organico.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Lo studio dei materiali verra' effettuato, in un contesto bioingegneristico, affiancandolo di volta in volta alle principali necessita' progettuali e realizzative dell'oggetto che si intende costruire. E' infatti fondamentale separare le proprieta' del materiale come da "tabella", quindi puro e semplice, da quelle del materiale lavorato e strutturato per realizzare un dispositivo biomedicale. Il processo verra' continuamente discusso in aula con l'apporto e l'interazione degli studenti nell'ambito della maturazione della propria capacita' di gestire autonomamente una componente di Progetto.

PREREQUISITI

Consigliati i contenuti di Fisica e Chimica

Modalità didattiche

Lezioni in aula tenute dal Docente. Discussione di casi reali. Valutazione insieme alla classe delle varie modalita' operative relative al trattamento dei materiali.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Struttura dei materiali Metallici, Polimerici e Compositi. Analisi dei materiali applicati nell'ambiente protesico, acciai, leghe non ferrose (titanio, leghe a memoria di forma). Polimeri per bioapplicazioni, elastomeri, matrici per materiali compositi. Trattamenti termici in equilibrio e fuori equilibrio, trattamenti superficiali per modifica delle caratteristiche  chimiche fisiche dei materiali. Adsorbimenti superficiali, trattamenti energetici, plasma ad ossigeno. Interazioni Liquido-Solido, Wetting macroscopico e microscopico. Cenni ai materiali compositi.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Slides delle lezioni e Testi di appoggio proposti dal Docente.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Tramite accordo col Docente

Commissione d'esame

RODOLFO BOTTER (Presidente)

ALBERTO LAGAZZO

FABRIZIO BARBERIS

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni in aula tenute dal Docente. Discussione di casi reali. Valutazione insieme alla classe delle varie modalita' operative relative al trattamento dei materiali.

INIZIO LEZIONI

Secondo Calendario Didattico pubblicato.

ESAMI

Modalità d'esame

Orale, secondo gli appelli pubblicati

Modalità di accertamento

Valutazione della preparazione sul programma discusso in aula. I Candidati dovranno rispondere su problematiche e temi loro proposti ed inerenti a quanto spiegato a lezione. La conversazione sara' di tipo diffuso, analizzando le problematiche proposte ed incentivando un approccio professionale con risposte meditate sulla interezza del problema proposto. Ai Candidati viene permesso, ma non reso obbligatorio, portare un primo argomento di loro scelta nell'ambito di quelli trattati a lezione.