PSICOFARMACOLOGIA

PSICOFARMACOLOGIA

_
iten
Codice
66955
ANNO ACCADEMICO
2020/2021
CFU
1 cfu al 2° anno di 9286 TECNICA DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA (L/SNT2) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MED/25
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (TECNICA DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA)
periodo
1° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il corso fornirà elementi di conoscenza riguardanti i principi cardine della Psicofarmacologia clinica, per poi entrare nello specifico dell’analisi delle principali famiglie di psicofarmaci (meccanismi d’azione, efficacia clinica, criteri di scelta, collateralità).

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Acquisire gli elementi fondamentali sulle funzioni psichiche, sui principali disturbi psichiatrici e loro classificazione nosografica. Sviluppare la capacità di relazione coll'utente. Conoscere la psicopatologia e sviluppare competenze di base per il trattamento del comportamento sessuale. Conoscere le modalità di cura e presa in carico del paziente difficile ed aquisire la capacità di formulare i relativi processi terapeutico-riabilitativi. Acquisire nozioni di psicofarmacologia: classificazione e utilizzo degli psicofarmaci, meccanismi d'azione, effetti desiderati ed indesiderati.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

- Conoscenza delle generali basi della psicofarmacologia clinica e competenze sull’utilizzo clinico delle principali classi di psicofarmaci (meccanismo d’azione, classificazione, indicazioni cliniche, effetti collaterali)

- Acquisizione attraverso la conoscenza della materia di competenze che favoriscono il lavoro integrato in équipe

- Capacità di integrare le conoscenze per erogare interventi di riabilitazione psichiatrica sicuri, efficaci e basati sulle evidenze

- Saper monitorare, prevenire, affrontare situazioni critiche relative all'aggravamento clinico della persona attivando tempestivamente, quando necessario, anche altri professionisti, con particolare riferimento alla rilevazione e alla corretta gestione degli effetti collaterali collegati al trattamento farmacologico in atto

- Acquisire corrette informazioni sulla gestione e sugli obiettivi del trattamento farmacologico

- Acquisire la capacità di presentare correttamente le proprie conoscenze scientifiche

Modalità didattiche

Lezioni frontali con esemplificazioni su casi clinici

PROGRAMMA/CONTENUTO

Introduzione alla Psicofarmacologia clinica 

• Campi di interesse della psicofarmacologia clinica

• Aspetti generali della neurotrasmissione

• Principi generali di farmacodinamica e farmacocinetica

• Criteri clinici di scelta di un trattamento psicofarmacologico

Antipsicotici

• Cenni generali sul trattamento farmacologico delle psicosi

• Meccanismo d’azione degli antipsicotici

• FGA e SGA

• Differenze tra i diversi antipsicotici

• Interventi per migliorare l’aderenza al trattamento 

• Uso degli antipsicotici long acting

Antidepressivi

• Cenni generali sul trattamento della depressione

• Meccanismo d’azione degli antidepressivi

• Classificazione e differenze tra gli antidepressivi

• Fasi del trattamento antidepressivo

Ansiolitici

• Cenno generali sul trattamento dell’ansia

• Meccanismo d’azione degli ansiolitici

• Vantaggi e svantaggi nell’utilizzo clinico degli ansiolitici

Stabilizzatori dell’umore

• Cenni generale sul trattamento del disturbo bipolare

• Definizione di stabilizzatore dell’umore

• Vantaggi e svantaggi nell’uso clinico dei principali stabilizzatori (litio, anticomiziali, SGA)

 

 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

S.M. Stahl “Psicofarmacologia essenziale”  II Ed. -  Centro Scientifico Ed. 2002

Il docente fornirà il materiale didattico delle lezioni

DOCENTI E COMMISSIONI

Commissione d'esame

GIANLUCA SERAFINI (Presidente)

MARCO VAGGI

MARINA BELLOMO

MARIO AMORE

ANDREA AMERIO

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali con esemplificazioni su casi clinici

INIZIO LEZIONI

Ottobre

ESAMI

Modalità d'esame

Colloquio orale. Il punteggio verrà espresso in trentesimi e contribuirà alla media del voto finale del Corso integrato.

Modalità di accertamento

Saranno oggetto di valutazione la conoscenza della materia e la capacità di applicare tale conoscenza alla pratica professionale del profilo specifico. Si valuterà inoltre la capacità specifica di linguaggio tecnico appropriato.