RIABILITAZIONE IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA I

RIABILITAZIONE IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA I

_
iten
Codice
68187
ANNO ACCADEMICO
2020/2021
CFU
2 cfu al 2° anno di 9281 FISIOTERAPIA (L/SNT2) CHIAVARI
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MED/34
LINGUA
Italiano
SEDE
CHIAVARI (FISIOTERAPIA)
periodo
1° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

RIABILITAZIONE IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA I

La Disciplina di RIABILITAZIONE IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA I  persegue l’obiettivo di fornire allo studente la conoscenza del processo di guarigione del paziente traumatizzato, per definire, dopo un'attenta valutazione di segni e sintomi, un adeguato intervento riabilitativo secondo il modello biomedico e psico-sociale.

 

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

OBIETTIVI FORMATIVI

Principale obiettivo del corso è quello di fornire la conoscenza del processo di guarigione del paziente traumatizzato per definire un adeguato intervento riabilitativo secondo il modello biomedico e psico-sociale. Per raggiungere questo obiettivo risulta importante saper valutare segni e sintomi  del paziente, conoscere le principali scale di misurazione in riabilitazione, saper declinare l’intervento riabilitativo a seconda della storia clinica del paziente. La disciplina conduce lo studente a conoscere principi ed obiettivi della riabilitazione nelle problematiche a carico dell’apparato locomotore per un efficace intervento su edema, dolore, recupero dell’articolarità, della forza muscolare e delle funzioni; inoltre, permette di conoscere ed applicare la Terapia fisica strumentale, e saper osservare i reperti della diagnostica per immagini.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Al termine del corso e dopo un opportuno periodo di studio lo studente sarà in grado di:

  1. conoscere il processo di guarigione del paziente traumatizzato per definire un adeguato intervento riabilitativo secondo il modello biomedico e psico-sociale;
  2. collocare il quesito riabilitativo nella storia clinica del paziente a seconda delle fasi;
  3. conoscere principi ed obiettivi della riabilitazione nelle problematiche a carico dell’apparato locomotore: edema, dolore, recupero dell’articolarità, della forza muscolare e della funzione, compresa stazione eretta e deambulazione;
  4. comprendere l’importanza della formulazione del progetto riabilitativo individualizzato e della valutazione della sua efficacia;
  5. conoscere le principali scale di valutazione clinica;
  6. saper osservare i reperti della diagnostica per immagini per identificare indicazioni e controindicazioni all'esercizio terapeutico;
  7. conoscere effetti biologici, indicazioni e controindicazioni della Terapia Fisica.

Modalità didattiche

L’insegnamento si compone di lezioni frontali per un totale di 20 ore.

Le lezioni frontali saranno tenute nelle 5 sedi del Corso di Laurea dai rispettivi  docenti nominati e verranno erogate attraverso l’utilizzo di slide e filmati esplicativi. Il rapporto numerico Studenti/Docenti permette un confronto diretto fra insegnante e discente e la possibilità di utilizzo di metodologie didattiche collaborative, discussioni guidate sulla riabilitazione delle patologie ortopedico/traumatologiche/reumatologiche, lavoro in piccoli gruppi.

 

 

PROGRAMMA/CONTENUTO

Le fasi principali del trattamento in Ortopedia e Traumatologia:

  • Premesse metodologiche:
    a. Collocare il quesito riabilitativo nella storia clinica del paziente: riabilitazione dopo trattamento conservativo o chirurgico, training pre-operatorio nei trattamenti di elezione, gestione degli esiti, programma domiciliare ecc.

          b. La documentazione: letteratura, linee guida e protocolli riabilitativi

          c. Saper osservare i reperti della diagnostica per immagini per identificare indicazioni e controindicazioni all'esercizio terapeutico.

  • I principali nodi in riabilitazione ortopedica e traumatologica:
  1. La fase successiva all’immobilizzazione e l’immediato post-operatorio: gestione dei tessuti molli e prevenzione di edemi, aderenze e retrazioni; tempi e modalità della mobilizzazione precoce; prevenzione delle complicanze
  2. La fase del recupero dell’articolarità, del movimento attivo e del carico: prevenzione e trattamento delle rigidità articolari.
  3. La fase del rinforzo e della ripresa delle normali attività: programmi e protocolli per il recupero di forza e destrezza.
  4. La fase del trattamento dell’instabilità articolare.
  5. La gestione degli esiti funzionali: preparazione a re-interventi, ADL e ausili, prevenzione delle deformità.
  • La Terapia Fisica Strumentale: conoscere azione fisica e terapeutica, principi di scelta e utilizzo della terapia fisica:
    a. Elettroterapia
  • Elettrostimolazione: Muscolo Innervato e Denervato: Correnti interferenziali, Kotz, Stimolazione elettrica funzionale (S.E.F.), Correnti rettangolari.- triangolari – esponenziali   
  • Correnti Antalgiche: definizione e utilizzo secondo i principi neurofisiologici (Gate control)

         b. Vibrazioni Meccaniche: Ultrasuoni

         c. Radiazioni Elettromagnetiche: Marconi, Onde radar, Infrarossi, Ultravioletti A - B - C, Soft Laser, Campi magnetici                                      

         d. Onde d’urto e Tecar: terapia resistiva e capacitiva

         e. Cenni di Crenoterapia e Talassoterapia

 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Le Slides utilizzate durante  le lezioni e altro materiale didattico (quali tutorial di approfondimento, dispensa elettronica) saranno fornite dai Docenti; possono , inoltre, essere consigliati dai Docenti libri, articoli e riviste scientifiche.

In generale, gli appunti presi durante le lezioni ed il materiale fornito dai Docenti sono sufficienti per la preparazione dell'esame.

Vengono suggeriti come testi/articoli di supporto:

 - Valobra " Trattato di Medicina Fisica e Riabilitazione " Ed. UTET

- Gialanezza, D'Alessandro, Santoro "Terapia Fisica Pratica" Ed. Marrapese Roma

- Ferrari S, Pillastrini P, Testa M, Vanti C. “La riabilitazione postchirurgica del paziente ortopedico - Sezione I Principi  Generali”  Elsevier 2010

- Porter S. - Tidy’s Manuale di Fisioterapia - EdiErmes

- http://www.who.int/classifications/icf/training/icfbeginnersguide.pdf

 

Vanno bene anche altri testi di carattere universitario, purchè siano edizioni pubblicate negli ultimi 5 anni.

 

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Il ricevimento è su appuntamento. Gli Studenti potranno contattare il docente all’indirizzo e-mail: a.robutti@asl2.liguria.it

Ricevimento: alberto.piacenza@gmail.com

Ricevimento: Gli studenti potranno contattare il docente all'indirizzo e-mail:  dgaraventa@asl4.liguria.it . Il ricevimento è su appuntamento.  

Ricevimento: focacci.a@libero.it

LEZIONI

Modalità didattiche

L’insegnamento si compone di lezioni frontali per un totale di 20 ore.

Le lezioni frontali saranno tenute nelle 5 sedi del Corso di Laurea dai rispettivi  docenti nominati e verranno erogate attraverso l’utilizzo di slide e filmati esplicativi. Il rapporto numerico Studenti/Docenti permette un confronto diretto fra insegnante e discente e la possibilità di utilizzo di metodologie didattiche collaborative, discussioni guidate sulla riabilitazione delle patologie ortopedico/traumatologiche/reumatologiche, lavoro in piccoli gruppi.

 

 

INIZIO LEZIONI

Le lezioni saranno svolte nel periodo che va da ottobre a dicembre.

ESAMI

Modalità d'esame

L’esame è orale; esso sarà diretto principalmente a valutare un'appropriata conoscenza degli argomenti trattati nel modulo.

Saranno disponibili 2 appelli di esame per la sessione invernale (gennaio - febbraio)  e 5 appelli per la sessione estiva (giugno, luglio e settembre).

Modalità di accertamento

I dettagli sulle modalità di preparazione per l’esame e sul grado di approfondimento di ogni argomento verranno comunicati nel corso delle lezioni.

L’esame orale verterà principalmente sugli argomenti trattati durante le lezioni frontali e comunque su tutti quelli specificati nel programma, e avrà lo scopo di valutare non soltanto se lo studente ha raggiunto un livello adeguato di conoscenze, ma se ha acquisito la capacità di analizzare criticamente i problemi fisioterapici in campo traumatologico e ortopedico che verranno posti nel corso dell'esame. Lo studente dovrà anche dimostrare di avere acquisito la capacità di descrivere i processi fisioterapici in modo chiaro e con una terminologia corretta.

 

ALTRE INFORMAZIONI

Pre-requisitI:

Conoscenza dei fondamenti di Anatomia e Patologia