PSICOLOGIA DELL'INTERVENTO ORGANIZZATIVO

PSICOLOGIA DELL'INTERVENTO ORGANIZZATIVO

_
iten
Codice
56077
ANNO ACCADEMICO
2020/2021
CFU
8 cfu al 2° anno di 8753 PSICOLOGIA (LM-51) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
M-PSI/06
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (PSICOLOGIA )
periodo
1° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il corso introduce alla complessità dell’intervento nelle organizzazioni con particolare attenzione alle organizzazioni di servizi.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Arricchire i quadri di riferimento concettuale e i riferimenti metodologici sui processi di intervento nelle organizzazioni produttive di beni e di servizi. Promuovere competenze ad accompagnare processi di cambiamento individuale, microsociale e macrosociale nei contesti organizzativi. Sviluppare capacità di analisi della domanda negli interventi organizzativi

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

I risultati di apprendimento dell'insegnamento prevedono che lo studente:

- dimostri padronanza sui quadri di riferimento concettuale e sui riferimenti metodologici relative ai processi di intervento nelle organizzazioni

- dimostri competenze di lettura dei contesti e di costruzione di ipotesi di intervento ad accompagnare processi di cambiamento individuale, microsociale e macrosociale

- dimostri di saper utilizzare capacità di analisi della domanda negli interventi organizzativi secondo la prospettiva psicosociologica. Lo studente frequentante, in particolare, sarà in grado di discutere un caso di intervento psicologico attraverso l'uso della prospettiva dell'analisi della domanda.

Modalità didattiche

Il setting formativo prevede sia il lavoro in plenaria, sia il lavoro in piccolo gruppo.

Pur in modalità a distanza, saranno utilizzate metodologie attive, tra cui esercitazioni e il metodo di analisi casi.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Saranno indagate le diverse concezioni epistemologiche di organizzazione e le connesse categorie di analisi organizzativa.
Si approfondiranno le diverse forme di consulenza organizzativa, con particolare attenzione al contributo della psicosociologia con riferimento alla metodologia dell’analisi della domanda.

In dettaglio:

- concezioni epistemologiche di organizzazione: la relazione tra concezioni epistemologiche e differenti modelli di intervento organizzativo e gestione manageriale

- modelli di consulenza

- l'analisi della domanda

- il sostegno alla professionalità riflessiva

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Per gli studenti frequentanti:

C. Kaneklin, F. Olivetti Manoukian, Conoscere l'organizzazione, Carocci, Roma, 1990 (parte seconda).

R. Carli, M.R. Paniccia Lancia, Analisi della domanda, il Mulino, Bologna, 2003.

materiale lezioni

 

Per gli studenti non frequentanti:

C. Kaneklin, F. Olivetti Manoukian, Conoscere l'organizzazione, Carocci, Roma, 1990 (parte seconda).

R. Carli, M.R. Paniccia Lancia, Analisi della domanda, il Mulino, Bologna, 2003.

E. H. Schein, La consulenza di processo, Raffaello Cortina, Milano, 2001.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: I semestre: on line previo appuntamento II semestre: Martedì ore 12 -13 presso il DISFOR stanza A5, IV piano, Corso Andrea Podestà 2

LEZIONI

Modalità didattiche

Il setting formativo prevede sia il lavoro in plenaria, sia il lavoro in piccolo gruppo.

Pur in modalità a distanza, saranno utilizzate metodologie attive, tra cui esercitazioni e il metodo di analisi casi.

INIZIO LEZIONI

22 settembre 2020 ore 13-16 su Teams

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

PSICOLOGIA DELL'INTERVENTO ORGANIZZATIVO

ESAMI

Modalità d'esame

La modalità d'esame sarà diversa se svolto in presenza o a distanza.

Se avolto a distanza, l'esame consiste in una prova orale, che consente di approfondire e mettere criticamente in relazione le diverse fonti di conoscenza.

Se svolto in presenza, l'esame consiste in una prova scritta (a 2 domande aperte) e in una prova orale.

La  prova scritta è differenziata nei contenuti per frequentanti e non frequentanti.

Nella prova scritta, i frequentanti discutono un caso di analisi della domanda. Inoltre, approfondiscono una tematica, a partire dal materiale costruito in aula.

I non frequentanti rispondono a due domande aperte, una sulla teoria dell'analisi della domanda, una sulla formazione psicosociologica o sui modelli di consulenza.

La prova orale seguente è svolta nello stesso giorno e consente di approfondire e mettere criticamente in relazione le diverse fonti di conoscenza.

Si consigliano gli studenti con certificazione di DSA, di disabilità o di altri bisogni educativi speciali di contattare i docenti all’inizio del corso per concordare modalità didattiche e d’esame che, nel rispetto degli obiettivi dell’insegnamento, tengano conto delle modalità di apprendimento individuali e forniscano idonei strumenti compensativi.

Modalità di accertamento

L'esame consente di valutare la padronanza e l'approfondimento delle conoscenze, e la capacità d'uso delle competenze sviluppate.

Costituiscono crtieri della valutazione: la qualità dell’esposizione, l’utilizzo corretto del lessico specialistico, la capacità di analisi e di riflessione critica.