RECUPERO DELLE FERTILITÀ DELLE AREE DISMESSE

RECUPERO DELLE FERTILITÀ DELLE AREE DISMESSE

_
iten
Codice
65823
ANNO ACCADEMICO
2020/2021
CFU
2 cfu al 2° anno di 9006 PROGETTAZIONE DELLE AREE VERDI E DEL PAESAGGIO (LM-3) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
AGR/13
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (PROGETTAZIONE DELLE AREE VERDI E DEL PAESAGGIO)
periodo
1° Semestre
moduli
materiale didattico

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Il modulo avrà come obiettivo quello di descrivere: 1) le limitazioni di siti industriali dismessi per quanto riguarda una loro riqualificazione ad aree verdi e 2) tecniche per migliorare la fertilità di queste aree, con particolare riferimento a metodologie a basso impatto ambientale e a costi sostenibili. Durante il corso verranno presentati casi di studio derivanti dal recupero a verde di aree industriali dismesse di grandi dimensioni all’interno del tessuto urbano.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Obiettivo del modulo è quello di fornire agli studenti conoscenze di base circa le principali problematiche chimiche, fisiche, ambientali dei suoli degradati e/o contaminati, per indirizzarli ad un corretto approccio per la gestione e il recupero della fertilità chimica, fisica e biologica di aree soggette ad un forte impatto antropico.

Al termine del corso gli studenti saranno in grado di:

- eseguire una corretta valutazione delle principali problematiche dei suoli in esame

- individuare procedimenti adatti per gestire le criticità dei suoli (quali contaminazione, impermeabilizzazione, stabilità dei versanti, perdita di fertilità)

- integrare le conoscenze sulle problematiche inerenti il suolo nell’elaborazione di proposte progettuali

Modalità didattiche

L’insegnamento è articolato in lezioni frontali, presentazioni sulle attività di laboratorio, sopralluoghi, esercitazioni, articolate in lavoro di gruppo e individuale discussione dei risultati. Saranno effettuate verifiche periodiche sullo stato di avanzamento del lavoro. L’organizzazione e le date di svolgimento saranno comunicate direttamente dai docenti all’inizio delle lezioni e durante le attività di laboratorio.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il programma prevede la trattazione delle principali limitazioni della fertilità fisica, chimica e biologica dei suoli; dei rischi connessi ai suoli contaminati; delle tecniche per valutare e per migliorare la fertilità di queste aree.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

- P. Sequi, C. Ciavatta, T. Miano – Fondamenti di Chimica del suolo. Bologna, Pàtron Editore (2017).

Per approfondimenti:

- Decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, norme in materia ambientale

https://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2006-04-14&atto.codiceRedazionale=006G0171

- ISPRA - Ambiente paesaggio infrastrutture Vol I e segg.

http://www.isprambiente.gov.it/it/pubblicazioni/manuali-e-linee-guida/ambiente-paesaggio-e-infrastrutture-volume-1

- ISPRA Manuale per le indagini ambientali nei siti contaminati. Manuali e linee guida 43/2006.

http://www.isprambiente.gov.it/it/pubblicazioni/manuali-e-linee-guida/manuale-per-le-indagini-ambientali-nei-siti

- Curtaz F., Filippa G., Freppaz M., Stanchi S., Zanini E., Costantini E. – Guida pratica di pedologia. 

http://www.iaraosta.isiportal.com/UploadDocs/898_NAPEA_Manuale_pedologia.pdf

- Bassignana M., Curtaz A., Curtaz F., D’Amico M., Filippa G., Freppaz M., Icardi M.- Manuale tecnico dei miglioramenti fondiari in zona montana

http://www.iaraosta.isiportal.com/UploadDocs/897_NAPEA_Miglioramenti_fondiari.pdf

- EPA Research on the Management of Contaminated Sites.

https://www.epa.gov/land-research/research-management-contaminated-sites

DOCENTI E COMMISSIONI

LEZIONI

Modalità didattiche

L’insegnamento è articolato in lezioni frontali, presentazioni sulle attività di laboratorio, sopralluoghi, esercitazioni, articolate in lavoro di gruppo e individuale discussione dei risultati. Saranno effettuate verifiche periodiche sullo stato di avanzamento del lavoro. L’organizzazione e le date di svolgimento saranno comunicate direttamente dai docenti all’inizio delle lezioni e durante le attività di laboratorio.

ESAMI

Modalità d'esame

Presentazione degli elaborati

Modalità di accertamento

Le modalità di elaborazione dell’esercitazione, le scadenze per la presentazione degli elaborati durante le revisioni, gli elaborati grafici per l’esame saranno comunicati all’inizio del laboratorio.

Lo studente dovrà essere in grado di integrare le conoscenze apprese durante le lezioni frontali e di applicarle all’esercitazione progettuale, di collaborare nell’ambito di un gruppo di lavoro e sviluppare una parte di lavoro individuale, di interagire con il docente durante le revisioni, di presentare con chiarezza le soluzioni progettuali. I criteri per la valutazione degli elaborati per l’esame saranno:

capacità di utilizzare modelli e riferimenti progettuali congruenti con il tema dell’esercitazione

capacità di individuare soluzioni progettuali e utilizzare materiali e specie vegetali idonee

capacità di utilizzare in modo avanzato strumenti informatici e diverse modalità grafiche per la rappresentazione della proposta progettuale