MODULO DI IMPIANTI MECCANICI

MODULO DI IMPIANTI MECCANICI

_
iten
Codice
72343
ANNO ACCADEMICO
2020/2021
CFU
6 cfu al 3° anno di 8720 INGEGNERIA MECCANICA (L-9) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
ING-IND/17
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (INGEGNERIA MECCANICA )
periodo
2° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Fornire le conoscenze base per affrontare realtà di carattere produttivo industriale dal punto di vista metodologico e progettuale. In particolare si forniscono i criteri valutativi di idoneità per specifiche attività produttive e relativi ambienti di lavoro, fornendo le conoscenze atte alla scelta ed ottimizzazione prestazionale della produzione e della logistica interna. Verranno acquisite conoscenze specifiche di carattere tecnico-progettuale di impianti per i principali sistemi di trasporto e manipolazione di materiali in unità di carico e sfusi. Gli allievi acquisiranno le basi conoscitive per affrontare problematiche inerenti la scelta, la progettazione ed il collaudo di specifiche tipologie di impianti meccanici.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

 

Il corso si propone di fornire agli studenti gli strumenti di carattere generale e progettuale volti ad affrontare scelte e valutazioni di idoneità tecnica al fine di affrontare semplici problematiche di impiantistica meccanica e di trasporti interni relativi a realtà produttive di tipo discreto. La valutazione degli obiettivi di apprendimento di carattere progettuale e generale della disciplina è svolta mediante gli esami di profitto, che constano di una prova scritta e di un colloquio orale temporalmente sequenziali.

 

 

Modalità didattiche

Lezioni tenute in aula dal docente secondo il programma generale consolidato. Le lezioni vengono sviluppate tradizionalmente con l'ausilio della lavagna, seguendo lo stesso ordine espositivo delle dispense del corso, che vengono distribuite ai discenti su supporto informatico nella prima lezione del corso.

Gli allievi possono seguire il testo principale su qualsiasi supporto di lettura informatica e prendere appunti esclusivamente per le nozioni di specifico e puntuale approfondimento.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Generalità sugli impianti di processo e dei sistemi produttivi. Caratteristiche dei fabbricati industriali e relativi criteri costruttivi, carichi strutturali, illuminotecnica , climatizzazione degli ambienti di lavoro. Trasporti interni e mezzi di contenimento, unità di carico. Elementi di progettazione e collaudo di: carroponti, carrelli motorizzati, traslo-elevatori, trasportatori a rulli a gravità e motorizzati, trasportatori a catena a mono e birotaia, trasportatori a carrelli e speciali. Sistemi di trasporto AGV, LGV e logiche di controllo dei sistemi automatizzati. Progettazione di impianti di trasporto a nastro, elevatori a tazze e trasporti pneumatici. Caratteristiche ed obiettivi della progettazione degli impianti produttivi e di servizio.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Armando Monte "Elementi di impianti industriali" , volumi 1 e 2, Edizioni Libreria Cortina, Torino , 2009

V. Zignoli "Trasporti meccanici - tecnica ed economia" ed. Hoepli

Pietro Giribone, “Impianti meccanici”, Dispense del corso, versione pdf

DOCENTI E COMMISSIONI

Commissione d'esame

PIETRO GIRIBONE (Presidente)

MELISSA DEMARTINI

FLAVIO TONELLI

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni tenute in aula dal docente secondo il programma generale consolidato. Le lezioni vengono sviluppate tradizionalmente con l'ausilio della lavagna, seguendo lo stesso ordine espositivo delle dispense del corso, che vengono distribuite ai discenti su supporto informatico nella prima lezione del corso.

Gli allievi possono seguire il testo principale su qualsiasi supporto di lettura informatica e prendere appunti esclusivamente per le nozioni di specifico e puntuale approfondimento.

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

MODULO DI IMPIANTI MECCANICI

ESAMI

Modalità d'esame

 La valutazione degli obiettivi di apprendimento è svolta mediante gli esami di profitto, che constano di due distinte prove temporalmente sequenziali:

- prova scritta

- colloquio orale

Prima del colloquio orale il candidato ha la disponibilità di esaminare prova scritta corretta, dalla quale ha modo di comprendere l'entità degli eventuali errori commessi, con la possibilità di discussione e chiarimenti conseguenti.

 

 

Modalità di accertamento

I test di esame si ritengono idonei all'accertamento delle abilità disciplinari acquisite dagli allievi.

La prova scritta, della durata di due ore, ha l'obiettivo di accertare la capacità di risolvere aspetti progettuali quantitativi della disciplina con la libera consultazione di dispense, appunti e manuali tecnici. Tale prova è orientata alla verifica del saper fare e alla valutazione della sensibilità ai valori numerici derivati dal calcolo progettuale di semplici impianti.

Il colloquio orale completa l'esame e consta di due domande su argomenti di conoscenza generale di natura teorica, generale o sulla conoscenza di argomenti specifici di impiantistica meccanica. Questa prova ha l'obiettivo di valutare la comprensione della disciplina da parte dello studente, unitamente all'abilità comunicativa dimostrata.

ALTRE INFORMAZIONI

Propedeuticità :

Esami fondamentali di Ingegneria Meccanica della Laurea di I Livello.