SVEDESE.LINGUAGGI SETTORIALI

SVEDESE.LINGUAGGI SETTORIALI

_
iten
Codice
65248
ANNO ACCADEMICO
2020/2021
CFU
6 cfu al 3° anno di 8740 LINGUE E CULTURE MODERNE (L-11) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
L-LIN/15
LINGUA
Svedese
SEDE
GENOVA (LINGUE E CULTURE MODERNE )
periodo
2° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

L'insegnamento fornisce agli studenti le competenze essenziali nelle varietà settoriali di lingua svedese dell'economia e del turismo, da una parte approfondendo sul piano teorico i concetti della terminologia e della lessicografia, dall'altra parte effettuando in aula l'analisi e la traduzione di alcuni testi specialistici. L'insegnamento è destinato in primo luogo agli studenti del terzo anno di Lingue e Culture Moderne, curriculum Lingue e culture moderne per l'impresa e il turismo.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

L’insegnamento si propone di fornire allo studente gli strumenti lessicali, sintattici e stilistici necessari alla corretta comprensione dei testi specialistici in lingua svedese e alla loro adeguata traduzione. Particolare attenzione verrà dedicata ai linguaggi dell’economia e del turismo.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

L’insegnamento si propone di fornire allo studente gli strumenti lessicali, sintattici e stilistici necessari alla corretta comprensione dei testi specialistici in lingua svedese e alla loro adeguata traduzione. Particolare attenzione verrà dedicata al lessico economico, commerciale e turistico.

Alla conclusione del ciclo di lezioni gli studenti saranno in grado di comprendere testi pragmatici e informativi di vario genere, avranno appreso i concetti fondamentali della terminologia e della lessicografia svedese e avranno approfondito le loro conoscenze della sintassi svedese, in particolare ciò che riguarda la struttura dei periodi, i costituenti delle frasi e l'ordine delle parole. Essi avranno inoltre acquisito la capacità di tradurre verso l'italiano diversi testi specialistici, informativi e pragmatici in lingua svedese, in particolare testi economici e turistici.

PREREQUISITI

Per poter affrontare con profitto i contenuti dell'insegnamento, è necessario possedere conoscenze pratico-teoriche intermedie della lingua svedese (in particolare comprensione scritta di livello B1). Per poter sostenere l'esame è necessario avere superato le prove di Lingua svedese I.

Modalità didattiche

L'insegnamento prevede 36 ore di lezioni settimanali (3 ore alla settimana per 12 settimane, più eventuali recuperi) nel secondo semestre che, salvo diverse indicazioni dovute all’ evoluzione della situazione sanitaria, si svolgeranno in modalità tradizionale (presenziale). Sono previste attività da svolgere a casa (traduzione, compilazione di schede terminologiche e di brevi glossari). La frequenza non è obbligatoria, ma è fortemente consigliata.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Linguaggi specialistici dell'economia e del turismo (Svenskt fackspråk: ekonomi och turism). Modulo didattico di 36 ore di lezione equivalente a 6 CFU.
Il modulo consiste in un’introduzione alla terminologia, con approfondimenti su alcuni concetti della sintassi, della semantica e della lessicografia, seguiti dalla traduzione dallo svedese all'italiano di alcuni testi specialistici e informativi e dalla traduzione di alcuni brevi testi dall’italiano allo svedese nell’ambito del turismo. Più in particolare verranno trattati i seguenti argomenti: principi di terminologia, lessicologia e lessicografia, varietà specialistiche della lingua e loro caratteristiche, sintassi del periodo, elementi di stilistica, aspetti pragmatici, semantica lessicale, connettivi testuali, strutturazione del testo, utilizzo dei dizionari, delle risorse online e dei programmi di traduzione assistita. Nel corso delle lezioni verranno inoltre compilati dei brevi glossari tematici.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Dispense distribuite nel corso delle lezioni e reperibili in Aulaweb.
Ulteriori indicazioni bibliografiche e i testi da tradurre verranno forniti nel corso delle lezioni.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Si veda la bacheca della pagina docente: http://www.lingue.unige.it/?post_type=dipendente&p=2109

Commissione d'esame

PAOLO MARELLI (Presidente)

DAVIDE AGOSTINO FINCO

CELINA NADIA BUNGE

CHIARA BENATI

LEZIONI

Modalità didattiche

L'insegnamento prevede 36 ore di lezioni settimanali (3 ore alla settimana per 12 settimane, più eventuali recuperi) nel secondo semestre che, salvo diverse indicazioni dovute all’ evoluzione della situazione sanitaria, si svolgeranno in modalità tradizionale (presenziale). Sono previste attività da svolgere a casa (traduzione, compilazione di schede terminologiche e di brevi glossari). La frequenza non è obbligatoria, ma è fortemente consigliata.

INIZIO LEZIONI

Lezioni nel secondo semestre: Aule e orari da definire

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

SVEDESE.LINGUAGGI SETTORIALI

ESAMI

Modalità d'esame

L'esame di Svedese Linguaggi settoriali consiste in una prova orale a fine modulo, durante la quale verranno commentati e valutati i lavori scritti prodotti dagli studenti durante il corso - a meno che non siano già stati visionati dal docente a lezione o in altra occasione prima della prova orale. La parte orale consiste nella traduzione verso l'italiano e nel commento (in particolare lessicale, sintattico e stilistico) di alcuni passaggi dei testi tradotti nel corso delle lezioni. Per la parte scritta verrà richiesto agli studenti di tradurre autonomamente alcuni brevi testi non trattati a lezione e di presentare un lavoro di carattere terminologico o lessicografico (compilazione di schede terminologiche e/o di brevi glossari, eventualmente commentati). Per sostenere la prova è necessario avere superato l'esame di Lingua svedese I. In ognuna delle tre sessioni di esami sono previsti due appelli orali.

Modalità di accertamento

La parte orale dell’esame verificherà le competenze lessicali e sintattiche attraverso la traduzione dallo svedese all’italiano dei testi trattati a lezione (di ambito economico, amministrativo, politico, artistico, turistico o gastronomico), nonché la conoscenza delle peculiarità dei registri informali e tecnici. La parte scritta preliminare dell'esame verificherà l'acquisizione delle conoscenze teoriche e pratiche della terminologia e della lessicografia svedese.
Il voto finale è calcolato come segue:
il 67% (del voto complessivo) è dato dal voto della parte orale;
il 33% (del voto complessivo) è dato dal voto della parte scritta preliminare.

ALTRE INFORMAZIONI

La frequenza non è obbligatoria, ma è caldamente consigliata.