LINGUA SVEDESE II

LINGUA SVEDESE II

_
iten
Codice
61299
ANNO ACCADEMICO
2020/2021
CFU
9 cfu al 2° anno di 8740 LINGUE E CULTURE MODERNE (L-11) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
L-LIN/15
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (LINGUE E CULTURE MODERNE )
periodo
Annuale
materiale didattico

PRESENTAZIONE

L'insegnamento fornisce agli studenti le competenze pratiche di livello A2/B1 nella lingua svedese, approfondendo sul piano teorico i concetti della morfologia, con particolare attenzione alla morfosintassi e alla formazione delle parole. Verranno inoltre introdotti alcuni concetti della lessicologia svedese.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Partendo dalle competenze acquisite nel primo anno, l’insegnamento si pone l’obiettivo di fornire agli studenti ulteriori conoscenze nell'ambito della morfosintassi e della sintassi svedese, sia mediante un corso teorico specifico sia tramite un ciclo di esercitazioni finalizzato all'apprendimento pratico della lingua svedese.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

L'obiettivo dell'insegnamento di Lingua svedese II è quello di portare gli studenti al livello A2/B1 sia nella produzione scritta e orale sia nella comprensione scritta e orale. Alla conclusione del ciclo di esercitazioni pratiche gli studenti saranno in grado di comprendere testi di media difficoltà e di tenere una conversazione in lingua svedese su qualsiasi argomento della vita quotidiana che non preveda competenze specialistiche.
Al termine dell'insegnamento gli studenti avranno inoltre appreso i concetti fondamentali della morfologia svedese, e in particolare della morfosintassi e della formazione delle parole. Essi avranno pertanto acquisito la conoscenza delle funzioni grammaticali e sintattiche dei suffissi flessivi svedesi anche in rapporto alle modalità concorrenti nel veicolare tali funzioni, la padronanza degli strumenti della formazione delle parole, la capacità di analizzare la struttura morfologica di qualsiasi lessema della lingua svedese.

PREREQUISITI

Per poter affrontare con profitto i contenuti dell'insegnamento, è necessario possedere conoscenze pratico-teoriche basilari della lingua svedese, nonché conoscenze approfondite della lingua italiana e di almeno una lingua straniera.

Modalità didattiche

L'insegnamento è strutturato in una parte teorica (modulo teorico nel secondo semestre, destinato agli studenti che hanno scelto lo svedese come lingua di specializzazione e hanno inserito nel piano di studi un secondo insegnamento di lingua svedese da 9 CFU) e in un ciclo di esercitazioni annuali, destinato a tutti gli studenti che abbiano inserito un secondo insegnamento di Lingua svedese nel piano di studi, anche come terza lingua da 6 CFU.
Il modulo di linguistica (modulo teorico) consiste prevalentemente di lezioni settimanali (3 ore alla settimana per 10 settimane, più eventuali recuperi, nel secondo semestre) che, salvo diverse indicazioni dovute all’ evoluzione della situazione sanitaria, si svolgeranno in modalità tradizionale (presenziale).
Il modulo pratico di lingua svedese (esercitazioni linguistiche) consiste di esercitazioni settimanali (4 ore alla settimana per 20 settimane, 10 per semestre) che si svolgeranno a distanza nel primo semestre e, salvo diverse indicazioni dovute all’ evoluzione della situazione sanitaria, in modalità tradizionale (presenziale) nel secondo semestre.
La frequenza non è obbligatoria ma è fortemente consigliata.

PROGRAMMA/CONTENUTO

"Morfologia svedese" (Svensk morfologi), modulo didattico di 30 ore di lezione equivalente a 9 CFU conseguibili con il superamento delle prove d’esame relative al modulo teorico e alle esercitazioni.
Il modulo consiste in un’introduzione alla morfologia, con approfondimenti sulla morfosintassi e sulla formazione delle parole, seguita da altri cenni alla lessicologia svedese. Più in particolare: concetto di parola e lessema, flessione e suffissi flessivi, categorie e funzioni grammaticali, categorie lessicali, morfemi e allomorfi, flessione nominale, flessione verbale, particelle, formazione delle parole, prefissazione, suffissazione, composizione, verbi sintagmatici.
Attività didattiche integrative: un ciclo di 80 ore di esercitazioni di lingua svedese, di durata annuale. I principali argomenti trattati saranno: pronomi possessivi riflessivi e non riflessivi, verbi forti e irregolari, passivo, frasi complesse, congiunzioni subordinanti, ordine delle parole, lessico e fraseologia intermedi, lettura, traduzione e commento di testi, esercizi di comprensione orale.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Dispense e altri materiali per il modulo teorico distribuiti nel corso delle lezioni e reperibili in AulaWeb nel secondo semestre. Ulteriori informazioni verranno fornite nel corso delle lezioni.
La bibliografia relativa alle esercitazioni verrà comunicata nel corso delle lezioni.
Manuale di riferimento consigliato: A. Brännström e a., Grammatica svedese. Manuale di morfologia e sintassi con esercizi, Hoepli 2018.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Si veda la bacheca della pagina docente: http://www.lingue.unige.it/?post_type=dipendente&p=2109

Ricevimento: Consultare la pagina personale sul sito di Dipartimento

Commissione d'esame

PAOLO MARELLI (Presidente)

DAVIDE AGOSTINO FINCO

CELINA NADIA BUNGE

CHIARA BENATI

LEZIONI

Modalità didattiche

L'insegnamento è strutturato in una parte teorica (modulo teorico nel secondo semestre, destinato agli studenti che hanno scelto lo svedese come lingua di specializzazione e hanno inserito nel piano di studi un secondo insegnamento di lingua svedese da 9 CFU) e in un ciclo di esercitazioni annuali, destinato a tutti gli studenti che abbiano inserito un secondo insegnamento di Lingua svedese nel piano di studi, anche come terza lingua da 6 CFU.
Il modulo di linguistica (modulo teorico) consiste prevalentemente di lezioni settimanali (3 ore alla settimana per 10 settimane, più eventuali recuperi, nel secondo semestre) che, salvo diverse indicazioni dovute all’ evoluzione della situazione sanitaria, si svolgeranno in modalità tradizionale (presenziale).
Il modulo pratico di lingua svedese (esercitazioni linguistiche) consiste di esercitazioni settimanali (4 ore alla settimana per 20 settimane, 10 per semestre) che si svolgeranno a distanza nel primo semestre e, salvo diverse indicazioni dovute all’ evoluzione della situazione sanitaria, in modalità tradizionale (presenziale) nel secondo semestre.
La frequenza non è obbligatoria ma è fortemente consigliata.

INIZIO LEZIONI

Modulo teorico nel secondo semestre (febbraio-maggio), esercitazioni di lingua nel primo e nel secondo semestre (ottobre-maggio).
Orario delle esercitazioni: martedì ore 10-12 e giovedì ore 9-11 (inizio 6/10); lezioni online su teams.
Orario del modulo teorico: da definire.

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

LINGUA SVEDESE II

ESAMI

Modalità d'esame

L'esame di Lingua svedese II consiste in una prova orale per il modulo teorico (per il solo insegnamento da 9 CFU) e in una prova scritta e una prova orale per le esercitazioni linguistiche. Per sostenere le prove è necessario avere superato l'esame di Lingua svedese 1. In ognuna delle tre sessione di esami sono previsti un appello scritto e due appelli orali.
La prova scritta consiste in un esercizio di comprensione orale, un esercizio di comprensione scritta, una composizione in lingua svedese e un test grammaticale sugli argomenti trattati durante l'anno.
La prova orale relativa al modulo teorico consiste nell’analisi di una frase in lingua svedese: suddivisione delle singole parole in morfemi, indicazione delle funzioni sintattiche e semantiche dei singoli morfemi.
La prova orale relativa alle esercitazioni linguistiche consiste in una verifica delle competenze grammaticali e in una conversazione in lingua svedese sugli argomenti trattati durante l'anno.

Modalità di accertamento

L’esame scritto di Lingua svedese II verificherà le conoscenze grammaticali e lessicali degli studenti (test), nonché l'effettiva acquisizione delle competenze relative alla produzione scritta (composizione), alla comprensione scritta e alla comprensione orale.
L'esame orale relativo alle esercitazioni pratiche verificherà l'acquisizione delle competenze relative alla comprensione e alla produzione orale, nonché l'assimilazione delle regole grammaticali e del lessico.
L'esame orale relativo al modulo teorico verificherà l'acquisizione dei principi teorici della morfologia svedese, la capacità di analizzare qualsiasi lessema semplice o complesso della lingua svedese all'interno di una frase semplice o complessa, la comprensione dei rapporti tra morfologia e sintassi.
Il voto finale è calcolato come segue:
il 33% (del voto complessivo) è dato dal voto della prova scritta;
il 33% (del voto complessivo) è dato dal voto della prova orale pratica;
il 33% (del voto complessivo) è dato dal voto della prova orale di linguistica (modulo teorico).