LETTERATURA E CULTURA RUSSA III

LETTERATURA E CULTURA RUSSA III

_
iten
Codice
65312
ANNO ACCADEMICO
2020/2021
CFU
9 cfu al 3° anno di 8740 LINGUE E CULTURE MODERNE (L-11) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
L-LIN/21
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (LINGUE E CULTURE MODERNE )
periodo
Annuale
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il corso, propone la lettura e l'analisi della prosa, della poesia, e dei film russi del '900. Nell'a.a. 2020/2021 il tema del corso è il seguente: 

"Strade, cortili, cucine: esterni e interni urbani tra Disgelo e stagnazione"

 

 

 

 

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

L’insegnamento offre introduzioni e approfondimenti della letteratura e della cultura russa dalle sue origini medievali fino ad oggi. I corsi di base forniscono un quadro generale della cultura russa nel contesto del suo sviluppo storico, mentre i corsi di approfondimento si indirizzano ad argomenti più specifici: singoli temi e problematiche determinate, periodi, autori, generi.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Il corso  fornirà (1) una familiarità con gli elementi di base dell'analisi del testo letterario; (2) una conoscenza approfondita di alcune opere significative della tradizione russa; (3) una conoscenza generale dei principali personaggi e fatti culturali del periodo sotto esame. 

PREREQUISITI

nessuno

Modalità didattiche

Nel primo semestre (36 h) l'insegnamento si svolgerà in modalità a distanza tramite piattaforme Teams e Aulaweb.

Nel secondo semestre (18 h), salvo diverse indicazioni dovute all'evoluzione della situazione sanitaria, il corso si svolgerà in modalità tradizionale (presenziale); in caso di prolungamento dell'emergenza sanitaria, il corso si terrà in modalità a distanza attraverso le piattaforme Teams ed Aulaweb.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il corso è articolato in Corso A e Corso B. Per entrambi corsi il programma per frequentanti e non-frequentanti è lo stesso.​

CORSO A (I semestre, 6 cfu, 36 ore) prevede un'introduzione generale alle tematiche in questione ed è destinato a tutti gli studenti iscritti ed è la scelta obbligatoria per gli studenti con solo 6 cfu di Letteratura e cultura russa nel piano di studio. 

CORSO B (II semestre, 3 cfu, 18 ore) rappresenta il proseguimento al II semestre del Corso A ed è destinato solo agli studenti con 9 cfu di Letteratura e cultura russa nel piano di studio. 

Strade, cortili, cucine: esterni e interni urbani tra Disgelo e stagnazione

Dopo la morte di Stalin (1953) la società sovietica aveva, per così dire, tirato il fiato e si erano avvertiti i primi segnali di liberalizzazione. Con il XX congresso del Partito Comunista Sovietico (1956) e l’inizio della destalinizzazione parve davvero aprirsi un’epoca nuova. Dopo decenni di chiusura, di estrema prudenza nei rapporti interpersonali (unica protezione da un sistema di delazione istituzionalizzata) e di coreografiche manifestazioni collettive di tripudio istituzionalizzato e rigidamente controllato, la popolazione fu finalmente libera di socializzare, di esprimersi con spontaneità e di occupare “autonomamente” gli spazi deputati a questa attività: le aule delle università, i teatri, persino gli stadi, ma soprattutto, partendo dal basso, le case, i cortili, le piazze cittadine. Il potere incoraggiò tale tendenza e cercò di incanalarla verso obiettivi ben definiti, per esempio quello di una nuova presa di possesso e colonizzazione degli immensi spazi della campagna sovietica. I protagonisti di questa rinascita furono comprensibilmente i giovani. Il corso attraverso l’analisi di testi letterari (romanzi, racconti, canzoni) e cinematografici, cercherà di rievocare le idee, le emozioni, le illusioni e le successive disillusioni di un’epoca breve che sfociò nella lunga stagnazione brežneviana, lasciando comunque tracce indelebili nella società sovietica.

 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Corso A - Prof. Curletto, I sem: Strade, cortili, cucine: esterni e interni urbani tra Disgelo e stagnazione

 

TESTI LETTERARI E CINEMATOGRAFICI PER TUTTI GLI STUDENTI Per cambiamenti e precisazioni vedi Aulaweb.

Libri

V. Aksënov, Il biglietto stellato, Mondadori, Milano 2009 (o altra edizione).

B. Okudžava, L'ultimo filobus, Canzone dell’Arbat, Un cortiletto dell'Arbat, in B. Okudžava, Arbat, mio Arbat (a cura di G.P. Piretto), Guerini e Associati, Milano 1989 (pp. 64-65, 70-73).

M. Chuciev, G. Špalikov, La Barriera di Il'ič, Einaudi, Torino 1965.

V. Vysockij, Bol’šoj Karetnyj, Il mio amico se n'è andato a Magadan, Ero l’anima di una cattiva compagnia, «Ehi, autista, portami alla masseria della Butyrka…», La gelata, Verbale di polizia, in E. Buvina, M.A. Curletto, L’anima di una cattiva compagnia, I libri di Emil, Bologna 2009 (pp. 18-20, 26-29; p. 38-42, pp. 65-67, pp. 131-132).

Ju. Trifonov, La casa sul lungofiume, Editori Riuniti, Roma 1988 (o altra edizione).

Film

Ja šagaju po Moskve (A zonzo per Mosca, 1963), regia di G. Danelija

https://www.youtube.com/watch?v=vuEWpdLatLI

Zastava Il’iča (La Barriera di Il'ič, 1965), regia di M. Chuciev 

https://www.youtube.com/watch?v=zWtPR-2hwz8

https://www.youtube.com/watc

h?v=QDzQbgkZRzQ

OPERE SAGGISTICHE DA LEGGERE PER LA PREPARAZIONE DELL’ESAME

G.P. Piretto, 1961. Il Sessantotto a Mosca, Moretti & Vitali, Bergamo 1998, pp. 31-47, 86-100, 124-138.

G.P. Piretto, Il radioso avvenire. Mitologie culturali sovietiche, Einaudi, Torino 2001, pp. 229-239, 290-329.

G.P. Piretto, Indirizzo: Unione Sovietica. 25 luoghi di un altro mondo, Sironi, Milano 2015.

G. Buttafava, Il cinema russo e sovietico, Fondazione Scuola Nazionale di Cinema, Roma, 2000, pp. 163-169, 174-177.

M.A. Curletto, Il motivo dell’alcol nell’opera poetica di Vladimir Vysockij, in “Il Confronto Letterario (Quaderni di Letterature Straniere Moderne e Comparate dell'Università di Pavia)”, vol. 60, dicembre 2013, Como-Pavia, Ibis, pp. 307-332.

 

Corso B

TESTI LETTERARI

E. Limonov, Eddy-baby ti amo, Salani, Milano, 2005.

M. Kuraev, Lo specchio di Montačka, Il Saggiatore, Milano, 1996

V. Vysockij, Bol’šoj KaretnyjIl ballo in maschera, La ginnastica mattutina, Dialogo davanti al televisore, Mi sono spaccato la faccia per niente, Sul diavolo,  in E. Buvina, M.A. Curletto, L’anima di una cattiva compagnia, I libri di Emil, Bologna 2009 (pp. 68-70;  pp. 147-149;  pp. 237-238, pp. 298-304).

Film 

Čerëmuški (1962), regia di G. Rappaport

https://youtu.be/wmKsJ2JfWug

 

 

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Nel primo semestre, salvo diverse indicazioni, il ricevimento studenti avverrà a distanza sulla piattaforma Teams, su appuntamento.  

Commissione d'esame

SARA DICKINSON (Presidente)

MARIO ALESSANDRO CURLETTO (Presidente)

LEZIONI

Modalità didattiche

Nel primo semestre (36 h) l'insegnamento si svolgerà in modalità a distanza tramite piattaforme Teams e Aulaweb.

Nel secondo semestre (18 h), salvo diverse indicazioni dovute all'evoluzione della situazione sanitaria, il corso si svolgerà in modalità tradizionale (presenziale); in caso di prolungamento dell'emergenza sanitaria, il corso si terrà in modalità a distanza attraverso le piattaforme Teams ed Aulaweb.

INIZIO LEZIONI

Primo semestre: 28 settembre 2020.

Orario primo semestre:

lunedì h 14-15

venerdì  h 10-12

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

LETTERATURA E CULTURA RUSSA III

ESAMI

Modalità d'esame

Orale. 

 

 

Modalità di accertamento

Gli studenti di 9 cfu avranno la facoltà di sostenere un preappello per i primi 6 cfu del corso a gennaio/febbraio. Maggiori dettagli verranno comunicati a lezione e su Aulaweb.

Ci si iscrive all'esame tramite il sito di ateneo. L'esame potrà essere sostenuto in italiano o in russo a discrezione dello studente. 

Verrà verificata la effettiva lettura o visione da parte dello studente delle opere letterarie e cinematografiche in programma e valutata la capacità di darne una interpretazione critica. Si terrà conto anche della qualità dell'esposizione e dell'utilizzo di un corretto lessico specialistico. 

 

ALTRE INFORMAZIONI

La frequenza è fortemente consigliata.