ISTITUZIONI DI DIRITTO PUBBLICO

ISTITUZIONI DI DIRITTO PUBBLICO

_
iten
Codice
24396
ANNO ACCADEMICO
2020/2021
CFU
6 cfu al 1° anno di 8710 SERVIZIO SOCIALE (L-39) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
IUS/09
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (SERVIZIO SOCIALE )
periodo
1° Semestre
frazionamenti
Questo insegnamento è diviso in 2 frazioni: A, B. Questa pagina si riferisce alla frazione B
propedeuticita
materiale didattico

PRESENTAZIONE

L'insegnamento prevede lo studio del diritto costituzionale italiano con una particolare attenzione al sistema delle fonti e al tema dei diritti. 

Si raccomanda di iscriversi sul portale Aula Web sul sito dell'Università di Genova.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Studio istituzionale dell'organizzazione costituzionale e amministrativa dello Stato, tanto dell'apparato centrale, quanto del sistema delle autonome territoriali e degli altri enti pubblici, con particolare attenzione al sistema delle fonti, alle dinamiche tra i poteri, alla giurisdizione, nonché ai diritti e ai doveri dei singoli e delle formazioni sociali.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Lo scopo dell'insegnamento di Istituzioni di diritto pubblico è quello di fornire una conoscenza di base del diritto costituzionale italiano approfondendo in particolare il sistema delle fonti.  

L'insegnamento fornisce le basi per lo studio delle altre materie giuridiche previste nell'offerta formativa del Corso di laurea triennale in Servizio sociale. E' inoltre correlato con gli altri insegnamenti del corso di studio, con particolare riguardo a quelli impartiti nel primo e nel secondo anno.

Al termine dell'insegnamento gli studenti saranno in grado di:

  • comprendere e commentare la Costituzione italiana;
  • riconoscere le varie fonti del diritto italiano, anche in rapporto alle fonti  del diritto internazionale e sovranazionale;
  • comprendere le relazioni tra gli organi costituzionali dello Stato;
  • conoscere le articolazioni territoriali dello Stato italiano;
  • individuare le modalità di tutela dei diritti fondamentali della persona.

PREREQUISITI

Conoscenza di base della storia e della filosofia.

Modalità didattiche

Il corso si svolgerà prevalentemente attraverso lezioni frontali.  Sono previste alcune lezioni di approfondimento su argomenti specifici e di attualità grazie all'ausilio di ospiti relatori.

Gli studenti saranno, inoltre, coinvolti in esercitazioni che avranno l’obiettivo di valutare il livello di conoscenza fino a quel momento acquisito.

Qualora la didattica non si potesse svolgere in presenza, le modalità di insegnamento saranno rese note anche su aula web. 

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il programma dell'insegnamento di Istituzioni di diritto pubblico prevede lo studio dei seguenti argomenti:

  • Le nozioni di diritto e di Stato;
  • la Costituzione e il sistema delle fonti del diritto;
  • cenni alle forme di Stato
  • i rapporti fra lo Stato, l’Unione europea e l’ordinamento internazionale;
  • i diritti e i doveri dei cittadini e delle persone, con particolare riguardo al diritto alla salute e ai diritti socio-assistenziali;
  • l’ordinamento della Repubblica: gli organi costituzionali e di rilevanza costituzionale e le loro funzioni;
  • le garanzie costituzionali: la Corte costituzionale e il procedimento di revisione costituzionale;
  • Regioni e autonomie locali.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

1) Gli studenti che assicureranno la frequenza minima dei 2/3  delle ore di lezione frontale, prepareranno l’esame sul testo R. Bin, D. Donati, G. Pitruzzella, Lineamenti di diritto pubblico per i servizi sociali, Giappichelli, 2019 (cap. 1, 3, 4, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13)

2) Gli studenti che non potranno assicurare la frequenza minima prepareranno l’esame sull'intero testo: R. Bin, D. Donati, G. Pitruzzella, Lineamenti di diritto pubblico per i servizi sociali, Giappichelli, 2019.. 

Lo studio di tutti i programmi indicati deve essere accompagnato da un’attenta lettura della Costituzione vigente. 

 

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Il ricevimento si svolgerà su appuntamento da concordare con il docente tramite e-mail: eleonora.ceccherini@unige.it   

Commissione d'esame

ELEONORA CECCHERINI (Presidente)

FEDERICO PONTE

SIMONE PITTO

SIMONA RODRIQUEZ

MARINA ROMA

ANDREA PERELLI

NICOLO' FUCCARO

DIEGO BALDONI

FRANCESCO CAMPODONICO

FEDERICA DANINI

ENRICO AJMAR

CRISTINA OTTONELLO

LEZIONI

Modalità didattiche

Il corso si svolgerà prevalentemente attraverso lezioni frontali.  Sono previste alcune lezioni di approfondimento su argomenti specifici e di attualità grazie all'ausilio di ospiti relatori.

Gli studenti saranno, inoltre, coinvolti in esercitazioni che avranno l’obiettivo di valutare il livello di conoscenza fino a quel momento acquisito.

Qualora la didattica non si potesse svolgere in presenza, le modalità di insegnamento saranno rese note anche su aula web. 

INIZIO LEZIONI

I semestre dal 14 settembre al 4 dicembre 2020
II semestre dal 15 febbraio al 7 maggio 2021

ESAMI

Modalità d'esame

 

 

 

L’esame è in forma scritta e consta di 31 quesiti. La votazione è il risultato delle risposte esatte. 

Gli studenti e le studentesse che superano la prova scritta possono chiedere di sostenere una prova orale integrativa (con la quale potranno migliorare o peggiorare la votazione già conseguita nello scritto): essa avrà luogo nella sede e nell’orario indicati il giorno della prova scritta. Se lo studente non desidera sostenere la prova orale integrativa l’esame è concluso con la prova scritta.

Per coloro che non superano la prova scritta, l'esito dell'esame sarà registrato con la valutazione "respinto". In questo caso,  lo studente ha diritto di ripetere la prova dal secondo appello successivo a quello nel corso del quale è stato verbalizzato l’esito, ovvero dal primo appello successivo qualora intercorrano almeno trenta giorni dalla data dell’esame in cui è stato riportato l'esito "respinto".

Per coloro che dopo aver superato la prova scritta, non concludono con esito positivo la fase orale, l'esito dell'esame sarà registrato con la valutazione "ritirato" e ciò consentirà al candidato di ripresentarsi all’appello successivo.

Lo studente deve iscriversi telematicamente all’esame.

La mancata iscrizione comporta l’impossibilità di sostenere l’esame. A fini solo documentali, allo studente è consigliato di stampare la ricevuta dell’avvenuta iscrizione.

Le iscrizioni sono aperte fino a due giorni lavorativi precedenti la data dell’esame.

Si prega di cancellare il proprio nominativo dall’iscrizione all’esame, altrimenti gli studenti iscritti all'esame che non si presentano sono verbalizzati come "assente".

Qualora l'emergenza sanitaria lo imponga, le modalità dell'esame potranno essere modificate; tutte le informazioni saranno rese note anche su aula web. 

Modalità di accertamento

La Commissione d’esame è formata dalla titolare del corso e dai cultori della materia approvati dal Consiglio di dipartimento.

La Commisione d'esame valuterà l'esattezza delle risposte al test scritto e l'utilizzazione della corretta terminologia giuridica. 

L'eventuale orale esaminerà le capacità del/lla candidato/a di effettuare collegamenti tra le varie parti della materia. 

 

ALTRE INFORMAZIONI

Status di studente frequentante  E’ considerato studente frequentante chi sia iscritto regolarmente e che abbia frequentato almeno 2/3 delle lezioni. L’accertamento della frequenza è costituita dalla verifica della firma, che dovrà essere apposta sui fogli di presenza messi a disposizione dalla docente. Qualora venga rilevato – mediante appello – che una firma corrisponde a uno studente assente, lo stesso non potrà più essere considerato studente frequentante.  Lo status di studente frequentante è valido dall’appello di dicembre fino all’appello di settembre  successivo al termine del corso.  L’elenco degli studenti frequentanti è reso noto  tramite aula web.