LINGUISTICA GENERALE (LM)

LINGUISTICA GENERALE (LM)

_
iten
Ultimo aggiornamento 11/02/2021 09:15
Codice
72647
ANNO ACCADEMICO
2020/2021
CFU
9 cfu al 1° anno di 9918 LETTERATURE MODERNE E SPETTACOLO (LM-14) GENOVA

9 CFU al 1° anno di 8769 INFORMAZIONE ED EDITORIA (LM-19) GENOVA

SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
L-LIN/01
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (LETTERATURE MODERNE E SPETTACOLO )
periodo
2° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

«Storia e presente dei segnali discorsivi»
I segnali discorsivi sono delle espressioni linguistiche che, perdendo in parte il loro significato originario, hanno assunto in cambio dei significati procedurali legati alla strutturazione del discorso, la connessione tra enunciati e la presa di posizione degli interlocutori.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Obiettivo generale del corso è la conoscenza delle categorie della linguistica pragmatica che più si prestano a un raccordo con la prospettiva retorica e stilistica. Il corso si propone inoltre di fornire: a) una conoscenza dei principi della testualità verificando anche su testi reali il loro funzionamento; b) una maggiore consapevolezza dei meccanismi di comprensione dei testi, anche rispetto alla dimensione degli impliciti.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

I segnali discorsivi sono delle espressioni linguistiche che, perdendo in parte il loro significato originario, hanno assunto in cambio dei significati procedurali legati alla strutturazione del discorso, la connessione tra enunciati e la presa di posizione degli interlocutori. Sono formalmente invariabili o poco variabili e caratterizzate da un'indipendenza sintattica, semantica e prosodica. L'insegnamento, dopo un'introduzione ad alcuni concetti indispensabili di semantica e pragmatica, si dedicherà alle proprietà formali e funzionali dei segnali discorsivi e al loro origine e sviluppo diacronico, con particolare attenzione a processi e fenomeni quali l'estensione semantica, la rianalisi, l'adattamento o attualizzazione formale, la grammaticalizzazione, la pragmaticalizzazione e la lessicalizzazione. La trattazione teorica sarà sempre accompagnata dall'analisi di testi (possibilmente informali e/o non letterari) contemporanei e storici dell'italiano e delle principali lingue europee, in modo da promuovere nello studente la consapevolezza dell'origine e del funzionamento dei segnali discorsivi.
Al termine dell'insegnamento lo studente avrà preso coscienza dell'importanza e utilità della prospettiva pragmatica, sarà in grado di riconoscere i segnali discorsivi più importanti in testi contemporanei e storici e conoscerà inoltre i meccanismi fondamentali del mutamento linguistico.

PREREQUISITI

Come prerequisiti fondamentali sono necessari la curiosità e l'interesse per le lingue e il linguaggio. È richiesta inoltre la conoscenza delle nozioni di base della linguistica generale, soprattutto dei suoi aspetti semantici e pragmatici.

Modalità didattiche

L'insegnamento ha luogo nell'aula virtuale alla quale si accede attraverso il link in AulaWeb (si consigliano Chrome o Firefox).

I testi dell'insegnamento sono disponibili nel sito http://www.stefan-schneider.at. Per il nome di utente e la password consultare AulaWeb.

Senza l’iscrizione all'insegnamento in AulaWeb non si può né accedere all'aula virtuale né sostenere l'esame. Ciò vale anche per gli studenti non frequentanti.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Programma per frequentanti e non frequentanti: concetti di base della semiotica e comunicazione, semantica, pragmatica, segnali discorsivi, mutamento linguistico.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Testi di riferimento:
Bazzanella, Carla 1995. I segnali discorsivi. In Lorenzo Renzi, Giampaolo Salvi, Anna Cardinaletti (a cura di). «Grande grammatica italiana di consultazione. Vol. 3. Tipi di frase, deissi, formazione delle parole». Bologna: Il Mulino, 225-257.
Bazzanella, Carla 2010. I segnali discorsivi. In Giampaolo Salvi, Lorenzo Renzi (a cura di). «Grammatica dell'italiano antico». Bologna: Il Mulino, 1339-1357.
Ulteriori indicazioni bibliografiche verranno fornite durante le lezioni.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Martedì, ore 17:00-18:00 (previa mail a stefan.schneider@uni-graz.at), nell'aula virtuale https://conf.aulaweb.unige.it/b/ste-utm-wra (si consigliano Chrome o Firefox).

Commissione d'esame

STEFAN SCHNEIDER (Presidente)

CLAUDIA CAFFI

SIMONE TURCO (Supplente)

IRENE DE FELICE (Supplente)

LEZIONI

Modalità didattiche

L'insegnamento ha luogo nell'aula virtuale alla quale si accede attraverso il link in AulaWeb (si consigliano Chrome o Firefox).

I testi dell'insegnamento sono disponibili nel sito http://www.stefan-schneider.at. Per il nome di utente e la password consultare AulaWeb.

Senza l’iscrizione all'insegnamento in AulaWeb non si può né accedere all'aula virtuale né sostenere l'esame. Ciò vale anche per gli studenti non frequentanti.

INIZIO LEZIONI

Mercoledì, 3 marzo 2021

Orario:
Mercoledì: 15:00-16:30
Giovedì: 15:00-16:30
Venerdì: 15:30-17:00

ESAMI

Modalità d'esame

L'esame consiste in una presentazione, una tesina di 40000 caratteri (spazi compresi) e la discussione della tesina (= esame orale).

Modalità di accertamento

La presentazione e la tesina valuteranno la capacità di analizzare dei testi contemporanei e storici e di classificare e descrivere i segnali discorsivi presenti in essi. La tesina e i suoi risultati verranno discussi durante l'esame orale.

ALTRE INFORMAZIONI