METODOLOGIE CHIMICO-FISICHE PER I BENI CULTURALI

METODOLOGIE CHIMICO-FISICHE PER I BENI CULTURALI

_
iten
Codice
53102
ANNO ACCADEMICO
2020/2021
CFU
6 cfu al 2° anno di 8453 CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI (L-1) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
CHIM/02
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI )
periodo
1° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il corso di  “Metodologie chimico fisiche per i Beni Culturali”  viene caratterizzato da  un approccio  prima teorico, poi sperimentale e strumentale , allo studio ed indagine dei diversi materiali  costituenti Beni artistico-archeologici.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

L'insegnamento di “Metodologie chimico fisiche per i Beni Culturali” si pone come obiettivo di fornire gli strumenti chimico fisici necessari per la caratterizzazione e la diagnostica dei diversi materiali costituenti i Beni archeologici e i Beni artistici allo scopo di una migliore valorizzazione, fruizione e conservazione.

Modalità didattiche

Lezioni frontali on-line, tenute tramite piattaforma TEAMS,  con descrizioni e rappresentazioni grafiche,  proiezioni PPT ed utilizzo di aula web.

Gli studenti si devono collegare al Teams, tramite Codice accesso9d2tc2r

PROGRAMMA/CONTENUTO

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Il corso è articolato secondo le linee A-B-C (più la linea D riservata agli studenti frequentanti) come segue:
Linea A- Introduzione su:
1-lettura e comprensione del significato di grafici, diagrammi e tabelle
2- analisi del significato di alcune formule di fisica
3- l'effetto di alcune reazioni chimiche sul degrado dei beni culturali
Linea B- I Materiali:
1 Descrizione chimica e chimico fisica di alcuni materiali di interesse per i Beni Culturali. in particolare verranno considerati: materiali metallici, materiali ceramici, lapidei, malte, materiali pittorici (affreschi, pittura su legno, su tela…)
2- Cause di degrado e principali prodotti di alterazione dei materiali considerati.
3- Metodi di studio e obiettivi.(qui viene presentato un progetto diagnostico conservativo)
Linea C- I Metodi di indagine chimico fisica e loro caratteristiche (non distruttive, non invasive, paradistruttive, microdistruttive...)
a. esame macro e microscopico.
b. microscopia ottica ed elettronica
c. esame fotografico
d. tecniche fotografiche speciali (UV, IR..)
e spettrofotometria per riflessione in luce visibile
f. esame radiografico
g. metodi di diffrattometria dei Raggi X
h. fluorescenza dei Raggi X
i analisi termica e termogravimetrica
Linea D-(riservata agli studenti frequentanti) Elaborazione da parte degli studenti, eventualmente divisi in gruppi, di un progetto diagnostico-conservativo come parte integrante del corso. Il progetto sarà preceduto da due esercitazioni di Laboratorio tra le seguenti esercitazioni possibili:
Esercitazioni : L'esame macro e microscopico;  La ricerca bibliografica sui materiali (ad es. legno, ardesia, bronzi, patine, materiali ceramici, affreschi, ecc.);  Indagine spettrofotometrica per riflessione in luce visibile;  Indagine attraverso diffrattometria X;  Indagine tramite analisi termica e termogravimetrica;  Studi sulla corrosione; o Indagine attraverso la fluorescenza dei Raggi X.
ATTENZIONE! Le Esercitazioni di Laboratorio verranno effettuate presso il DCCI (Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale) - Via Dodecaneso 31-16146 GENOVA

 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

- M. MATTEINI, A. MOLES, Scienza e restauro. Metodi di indagine, Firenze, Nardini Editore, 2002. attenzione, questo testo è ormai disponibile solo in biblioteca o come remainder. Può essere complicato procurarselo. In sostituzione, come supporto, al termine del corso è prevista la pubblicazione di un quaderno di appunti

- P.ATKINS - J DE PAOLA Chimica Fisica 2011 Zanichelli Bologna (Esclusivamente per le parti indicate a lezione e su aula web).

-  A. Napoli, C. Pelosi, V. Vinciguerra. PRINCIPI DI ANALISI SPETTROSCOPICA con Applicazioni ai Beni Culturali (2010). ARACNE editrice S.r.l. [ ISBN 978–88–548–3344–9 ]

- Appunti ad hoc distribuiti in Aula.

- Documentazione varia (fotocopie) Disegni, Tabelle., Dispense 

 

DOCENTI E COMMISSIONI

Commissione d'esame

PIETRO MANFRINETTI (Presidente)

SILVIA VICINI

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali on-line, tenute tramite piattaforma TEAMS,  con descrizioni e rappresentazioni grafiche,  proiezioni PPT ed utilizzo di aula web.

Gli studenti si devono collegare al Teams, tramite Codice accesso9d2tc2r

INIZIO LEZIONI

Lunedì 5 ottobre 2020 ore 14

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

METODOLOGIE CHIMICO-FISICHE PER I BENI CULTURALI

ESAMI

Modalità d'esame

Esame Orale

Modalità di accertamento

. L'esame verte sugli argomenti del programma.Le domande di esame sono codificate secondo un documento pubblicato su aula WEB nella sezione MI PREPARO ALL'ESAME
e sono volte alla verifica del raggiungimento degli obiettivi formativi. (vedi sotto) La durata dell'esame è di almeno 30 minuti.
ATTENZIONE! Gli esami si svolgeranno presso il DCCI - Via Dodecaneso 31-16146 GENOVA. In aula di volta in volta indicata da apposito Monitor presente all'ingresso del DCCI