LINGUA E LETTERATURA LATINA

LINGUA E LETTERATURA LATINA

_
iten
Codice
84424
ANNO ACCADEMICO
2020/2021
CFU
6 cfu al 1° anno di 8453 CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI (L-1) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
L-FIL-LET/04
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI )
periodo
2° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Lo scopo di questo insegnamento di Lingua e Letteratura latina è esporre gli studenti a un contatto diretto con le fonti principali di alcuni dei miti più celebri dell’antichità, così da riconoscerli, comprenderli e saperli analizzare in tutte le occasioni in cui la fortunatissima iconografia di queste storie meravigliose incrocerà le loro strade di archeologi e storici dell’arte (lo studio riguarderà in particolare le storie narrate dagli affreschi della bellissima Villa del Principe a Genova).

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Fornire metodi e strumenti per l’interpretazione di testi letterari latini; fare individuare i caratteri salienti della letteratura latina attraverso la collocazione degli autori nella trama generale della storia letteraria, i diversi generi letterari, le tradizioni di modelli e di stile; far riconoscere gli apporti di pensiero, di categorie mentali e di linguaggio fornite dalla letteratura latina alla formazione della letteratura e della cultura europea.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Lo scopo di questo insegnamento di Lingua e Letteratura latina è esporre gli studenti a un contatto diretto con le fonti principali di alcuni dei miti più celebri dell’antichità, così da riconoscerli, comprenderli e saperli contestualizzare e analizzare in tutte le occasioni in cui la fortunatissima iconografia di queste storie meravigliose incrocerà le loro strade di archeologi e storici dell’arte. La docente ha selezionato in particolare le bellissime storie che ogni studente genovese ritroverebbe durante una visita a uno dei nostri gioielli, la bellissima Villa del Principe, che Andrea Doria arricchì di affreschi meravigliosi che raccontano storie senza tempo. Una parte delle lezioni sarà dedicata alla lettura delle Metamorfosi di Ovidio, con particolare attenzione al mito di Aracne e alle storie di Perseo. Una seconda sezione di letture, in prosa, sarà dedicata alla fortunatissima favola di Amore e Psiche, nelle Metamorfosi di Apuleio. Le lezioni frontali verteranno sulla lettura di questi testi, mentre sarà a cura dello studente lo studio della storia letteraria latina: in questo modo ciascuno potrà raggiungere anche una buona conoscenza complessiva del panorama letterario di Roma antica.

Al termine del corso lo studente avrà acquisito una buona familiarità con la letteratura latina, avrà ottenuto una conoscenza di prima mano del trattamento di alcuni filoni mitologici nella letteratura antica e sarà in grado di riconoscere alcuni miti in particolare e di apprezzarne maggiormente la fortuna nelle arti moderne.
 

Nello specifico lo studente sarà in grado di:

• analizzare il trattamento di filoni mitologici in alcune opere letterarie antiche

• collocare i testi nel rispettivo contesto storico-letterario

• dedurre dai testi le peculiarità e gli elementi ricorrenti nelle narrazioni di miti antichi.

• ragionare criticamente sulla fortuna del mito antico nell'iconografia moderna

• individuare autonomamente le peculiarità dell'iconografia dei principali protagonisti della letteratura classica 

 

PREREQUISITI

Le lezioni prevedono la lettura e la traduzione dei testi dal latino. Per affrontare efficacemente queste attività, è indispensabile una buona conoscenza della morfologia e della sintassi della lingua latina, oltre a una perfetta padronanza della gramatica e della sintassi della lingua italiana. Gli studenti che ritengano di non possedere questi prerequisiti sono invitati a frequentare il lettorato di latino di livello base e successivamente il lettorato di livello intermedio.

Si presuppone naturalmente una certa dedizione allo studio e una sicura passione, o perlomeno una curiosità per la narrazione e l’ascolto di storie, per la poesia e la storia dell’arte, e insieme la capacità di mettersi alla prova...

 

Modalità didattiche

Lezioni frontali, incentrate su lettura, l'analisi e il commento dei testi di volta in volta selezionati.

La partecipazione alle lezioni è consigliata, ma non comporta una differenziazione di programma per i non frequentanti. Si raccomanda l’iscrizione al corso su aul@web e soprattutto a Office TEAMS, in modo da poter usufruire di diversi canali per ricevere informazioni, materiale e integrare le lezioni in caso di necessità.

In caso di nuova emergenza Covid-19, tutte le attività didattiche e gli esami si svolgeranno a distanza sulla piattaforma Microsoft Teams.

 

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il Principe e il Mito: storie senza tempo negli affreschi di Palazzo del Principe a Genova.

La docente proporrà la lettura di passi selezionati da miti famosissimi rappresentati nei magnifici affreschi di Palazzo del Principe a Genova; altri miti contigui o presenti in altri famosi palazzi genovesi potranno essere letti in italiano. In particolare si affronterà la lettura di Ovidio, Metamorfosi, IV 607-803, VI 1-145 e di Apuleio, Amore e Psiche (selezione di passi da Met. Libri IV-VI).

Tutti i testi saranno letti in latino. Sarà a cura dello studente preparare l'intero programma di storia della letteratura latina (una lista dei principali autori sarà fornita all'inizio delle lezioni)

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Programma d'esame per 6 CFU:

Programma d'esame per 6 CFU – Curriculum in Beni archeologici e archivistico-librari

1: Storia letteraria di Roma: lo studente dovrà essere preparato sulla letteratura latina, dall'età arcaica al V secolo d.C. La prova d'esame mirerà ad accertare la conoscenza dei profili degli autori, dell'evoluzione di temi e generi letterari, e dei principali testi della storia letteraria di Roma antica. Come manuale di riferimento si consiglia G.B. Conte, Profilo storico della Letteratura Latina, Mondadori Education.

2: Il mito di Aracne e le storie di Perseo in Ovidio, Metamorfosi, libri IV 607-803, e  VI 1-145. Come edizione di riferimento di Ovidio si suggerisce: Ovidio, Le Metamorfosi, a cura di G. Rosati, Milano: BUR; è possibile utilizzare edizioni alternative, previamente concordate con la docente.

3: Il mito di Amore e Psiche: lettura delle fonti antiche relative al mito di Amore e Psiche, ovvero: Apuleio, Metamorfosi, selezione di passi dai libri 4,28- 6,23 (la lettura completa è comunque richiesta almeno in italiano). Si consiglia l’edizione BUR, a cura di L. Nicolini, Apuleio, Metamorfosi, Milano 2005.

 

Testi di complemento: A. Traina, Propedeutica al Latino universitario, Bologna (la docente spiegherà quali parti del libro utilizzare e come durante la prima lezione).

 

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento:   Martedì dalle 16 alle 17:00, o qualsiasi altro giorno previo appuntamento. Si prega in ogni caso di comunicare prima le proprie richieste di ricevimento via e-mail.

Commissione d'esame

LARA NICOLINI (Presidente)

GIOVANNI ANDRISANI

BIAGIO SANTORELLI

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali, incentrate su lettura, l'analisi e il commento dei testi di volta in volta selezionati.

La partecipazione alle lezioni è consigliata, ma non comporta una differenziazione di programma per i non frequentanti. Si raccomanda l’iscrizione al corso su aul@web e soprattutto a Office TEAMS, in modo da poter usufruire di diversi canali per ricevere informazioni, materiale e integrare le lezioni in caso di necessità.

In caso di nuova emergenza Covid-19, tutte le attività didattiche e gli esami si svolgeranno a distanza sulla piattaforma Microsoft Teams.

 

INIZIO LEZIONI

Lunedì 15 Febbraio 2021

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

LINGUA E LETTERATURA LATINA

ESAMI

Modalità d'esame

 

L'esame consisterà in un colloquio orale volto ad accertare la conoscenza della storia della letteratura latina e in particolare dei testi affrontati a lezione.

Allo studente sarà richiesto di rispondere a domande sulla storia della letteratura latina, inquadrando la vita e le opere di alcuni dei principali autori della latinità nel loro contesto culturale di riferimento.

Lo studente, inoltre, dovrà dimostrare di conoscere i contenuti delle opere in programma; l'esame mirerà ad accertare l'adeguata conoscenza dei miti narrati nelle opere indicate, la comprensione dei motivi letterari e culturali che essi presuppongono, e la capacità di stabilire relazioni critiche tra le diverse versioni di uno stesso mito.

 

 

Per tutta la durata dell'emergenza Covid-19, gli esami si terranno a distanza sulla piattaforma Microsoft Teams. 

È necessario, per permettere un’organizzazione efficace e un supporto adeguato alle prove di esami, iscriversi agli esami attraverso il sito di Ateneo almeno 5 giorni prima della data della prova.

Modalità di accertamento

La prova d'esame consisterà in un colloquio orale con la docente, durante il quale lo studente risponderà a domande generali sulla letteratura (esposizione di vita, opere e temi di un dato autore, tipologia del genere letterario affrontato e sue caratteristiche, ecc.), qualche quesito più preciso (es. date, contestualizzazione nell’epoca e nella situazione politica di un dato autore, genere letterario praticato da un dato autore, ecc.); seconda parte dedicata alla lettura e all’analisi e traduzione dei testi latini in oggetto;  la conseguente valutazione terrà conto della seguente scala di valore:

  • 30 e lode - 28: lo studente sarà in grado di rispondere in modo corretto alle domande di storia della letteratura, dimostrando di saper inquadrare la vita, le opere e il pensiero dei principali autori nel rispettivo contesto storico e culturale; si richiede naturalmente un’esposizione lucida e chiara in perfetto italiano; lo studente saprà inoltre coprendere e analizzare i testi in esame;
  • 27 - 23: lo studente mostrerà una buona dimestichezza complessiva con la storia della letteratura e con i testi in programma d'esame, ma presenterà incertezze d'analisi e di linguaggio, e non sarà totalmente a suo agio con la traduzione;
  • 22 - 18: lo studente mostrerà lacune grosse nella preparazione della storia letteraria,  dimostrerà di aver raggiunto una comprensione solo parziale dei testi, si esprimerà in modo inadeguato o mostrerà un uso approssimativa della relativa terminologia;
  •  

Lo studente che denoterà lacune o fraintendimenti che pregiudicano la corretta comprensione e analisi dei testi d'esame non supererà la prova d'esame.

ALTRE INFORMAZIONI

COMMISSIONE D'ESAME

LARA NICOLINI (PRESIDENTE)

GIOVANNI ANDRISANI