LABORATORIO DI DIDATTICA DELLA MATEMATICA

LABORATORIO DI DIDATTICA DELLA MATEMATICA

_
iten
Codice
42924
ANNO ACCADEMICO
2020/2021
CFU
5 cfu al 1° anno di 9011 MATEMATICA (LM-40) GENOVA

5 CFU al 3° anno di 8766 STATISTICA MATEM. E TRATTAM. INFORMATICO DEI DATI (L-35) GENOVA

SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MAT/04
SEDE
GENOVA (MATEMATICA)
periodo
2° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il Laboratorio, in continuità con il corso, fornisce un modello di didattica della matematica, coerente con gli sviluppi della ricerca in didattica della matematica, che promuove la costruzione consapevole delle competenze matematiche per la scuola secondaria, secondo quanto previsto dalle vigenti Indicazioni nazionali.

In particolare, il laboratorio riguarda l'inquadramento e l'analisi di situazioni didattiche relative all’approccio al pensiero probabilistico e al linguaggio algebrico.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Fornire un modello di didattica della matematica, coerente con gli sviluppi della Ricerca, che faciliti la costruzione consapevole dei concetti matematici indagati.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

- Promuovere lo sviluppo di competenze relative all'analisi di processi di insegnamento-apprendimento

- Promuovere lo sviluppo di competenze relative alla progettazione di attività didattiche

PREREQUISITI

I contenuti della laurea triennale.

Modalità didattiche

Le lezioni saranno prevalentemente di tipo laboratoriale (su schede di lavoro guidato) con elementi di riflessione di tipo teorico relativi agli argomenti affrontati.

 

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il Laboratorio riguarda l'inquadramento e l'analisi di situazioni didattiche di vario tipo:

 

A)- l'approccio al pensiero probabilistico e il suo sviluppo, con riferimento a quanto previsto dalle Indicazioni nazionali per il curriculum e in particolare con attenzione ai collegamenti con la statistica e con la modellizzazione matematica (con riferimento al lavoro sperimentale svolto nella classe di II liceo del prof. Domingo Paola nel 2013/14 su problemi quali: problema delle parti, lanci di due dadi, estrazioni di palline da urne, questioni di tipo statistico, etc. ). Lo scopo di questa parte sarà di approfondire questioni di insegnamento e apprendimento connesse con lo sviluppo di competenze statistico-probabilistiche; a tal scopo verranno introdotte riflessioni di tipo didattico/storico-epistemologico sui problemi affrontati. 

Questa parte sarà svolta dalla prof. Guala (3 crediti/24 ore);

B)- l'approccio al linguaggio algebrico, e il suo uso nella risoluzione dei problemi di geometria, nella modellizzazione matematica di situazioni non matematiche e nella dimostrazione in teoria elementare dei numeri, con particolare attenzione al suo intreccio con il linguaggio verbale nell'argomentazione. Saranno illustrati ed analizzati episodi tratti da teaching experiment riguardanti il primo approccio al linguaggio algebrico per l’argomentazione e la modellizzazion

Questa parte sarà svolta dalla prof. Morselli (2 crediti/16 ore).

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Durante il corso saranno caricate sulla pagina aulaweb le presentazioni power point utilizzate, le schede di lavoro proposte, letture di approfondimento.

Bigliografia suggerita:

Natalini, Baccaglini-Frank, Di Martino, Rosolini (2018). Didattica della Matematica. Mondadori Universita'

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Elda Guala Ricevimento: Su appuntamento richiesto per email all’indirizzo guala@dima.unige.it Francesca Morselli: morselli@dima.unige.it  

Ricevimento: Su appuntamento presso il DISFOR o il DIMA. Contattare la docente morselli@dima.unige.it

Commissione d'esame

ELDA GUALA (Presidente)

FRANCESCA MORSELLI (Presidente)

ELISABETTA ROBOTTI

LEZIONI

Modalità didattiche

Le lezioni saranno prevalentemente di tipo laboratoriale (su schede di lavoro guidato) con elementi di riflessione di tipo teorico relativi agli argomenti affrontati.

 

INIZIO LEZIONI

In accordo con il calendario acccademico

ESAMI

Modalità d'esame

Per la valutazione della parte A, verrà praticata la metodologia della valutazione continua (basata sugli elaborati scritti individuali degli studenti durante il corso: schede di lavoro) integrata dall'auto-valutazione finale individuale del proprio percorso di apprendimento.

La valutazione della parte B si baserà sulla realizzazione di un progetto finale, così articolato :

 

1) Selezione di un'attività/problema all’interno di un elenco assegnato.

2) Analisi a priori del problema selezionato 

3) Progettazione della metodologia di lavoro in classe

4) Analisi del ruolo dell’insegnante

5) Creazione di uno stralcio di ipotetica discussione di classe

5a) Per gli studenti frequentanti: 

  • Presentazione del lavoro svolto durante il corso, con simulazione della discussione di classe. Correzione del lavoro svolto in funzione dei feedback ricevuti al momento della presentazione.

5b) Per gli studenti NON frequentanti: 

Il lavoro di progettazione sarà discusso durante una prova orale alla fine del corso.

Modalità di accertamento

La relazione finale scritta e la realizzazione di un progetto didattico sono finalizzati ad accertare il raggiungimento degli obiettivi individuati nel corso e la relativa capacità di analisi del lavoro svolto. 

ALTRE INFORMAZIONI

Modalità di frequenza: obbligatoria

Modalità di iscrizione agli esami: via mail