BOTANICA E LABORATORIO (1° MODULO)

BOTANICA E LABORATORIO (1° MODULO)

_
iten
Codice
70044
ANNO ACCADEMICO
2020/2021
CFU
5 cfu al 1° anno di 8762 SCIENZE BIOLOGICHE (L-13) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
BIO/01
SEDE
GENOVA (SCIENZE BIOLOGICHE )
periodo
2° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

La Botanica studia i vari aspetti della vita delle piante, comprendenti la cellula vegetale, i diversi livelli di organizzazione, la struttura morfologica ed anatomica delle piante, i meccanismi di sviluppo e riproduttivi, evidenziando le relazioni tra struttura e funzione

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

I vegetali nell'economia della natura. La cellula vegetale. I tessuti e le strutture anatomiche nei vari gruppi. La riproduzione nelle Angiosperme. Organizzazione dei vegetali. Inquadramento tassonomico dei principali gruppi.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

L'insegnamento fornisce le basi per la conoscenza della biologia vegetale e dell'importanza delle piante negli ecosistemi, nei diversi campi della botanica e nella conservazione della biodiversità. Le nozioni fornite  sono  propedeutiche  agli insegnamenti di Fisiologia vegetale, oltre che ai diversi insegnamenti a scelta di argomento botanico.

Nello specifico lo studente sarà in grado di:

  • spiegare e descrivere la struttura e la funzione delle piante, con particolare riferimento alle piante terrestri;
  • applicare metodi di indagine istologica e anatomica su tessuti e su organi vegetali;
  • confrontare i cicli riproduttivi dei principali gruppi tassonomici delle piante;
  • descrivere la struttura e le funzioni degli organi riproduttivi delle Spermatofite;
  • distinguere i principali gruppi tassonomici del regno vegetale;
  • identificare le principali famiglie di Angiosperme e sapere il loro uso nelle attività umane quotidiane;
  • utilizzare le chiavi di riconoscimento dicotomiche per l'identificazione di spermatofite;
  • descrivere le caratteristiche floreali con diagramma floreale e formule.

PREREQUISITI

Agli studenti si richiede una conoscenza di base di citologia e biologia dello sviluppo.

Modalità didattiche

Lezioni frontali e/o on-line e test on-line o se possibile in aula (60 ore)

Esercitazioni in laboratorio oppure on-line (16 ore)

Esperienze in campo (16 ore)

Si rimanda all'istanza AulaWeb specifica dell'insegnamento per eventuali aggiornamenti a causa di variazioni della situazione sanitaria ed epidemiologica.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il corso tratterà I seguenti argomenti principali:

- Importanza delle piante per l’uomo e gli altri esseri viventi. Affinità e differenze tra piante superiori e animali superiori.
· La cellula vegetale eucariotica. Dimensioni, forma e organizzazione cellulari. Cenni sui diversi composti chimici e su alcuni organuli citoplasmatici.
· Parete cellulare: citodieresi e origine della parete. Crescita, funzioni e composizione della parete. Lamella mediana, parete primaria e parete secondaria. Apoplasto e simplasto (cenni). Modificazioni della parete (cutinizzazione, lignificazione, suberificazione, mineralizzazione, gelificazione, deposizione di cere e di gomme) e loro significato funzionale.
· Plastidi: proplastidi, cloroplasti e amido primario, ezioplasti, leucoplasti e amido secondario (amilosio e amilopectina), cromoplasti.
· Vacuolo: origine, sviluppo, funzioni. Contenuto vacuolare, caratteristiche e funzioni dei principali inclusi vacuolari; importanza degli inclusi vacuolari nelle relazioni piante-animali.
· Organizzazione dei vegetali, tallo e cormo: conquista dell'ambiente terrestre e adattamenti.
· Accrescimento cellulare per divisione e per distensione. Il differenziamento della cellula vegetale. Cenni sulle caratteristiche di Arabidopsis thaliana come modello sperimentale per la biologia vegetale.
· I tessuti dei vegetali superiori: caratteristiche, funzioni e localizzazione. Meristemi primari e secondari; embriogenia continuata e totipotenza. Tessuti parenchimatici, tessuti tegumentali: tessuti segregatori, tessuti meccanici e tessuti conduttori (xilema e floema, fasci cribro-vascolari, diversi tipi di stele).
· Gli apparati vegetativi del cormo. La radice e le sue funzioni; strutture primaria e secondaria; ramificazioni. Il fusto e le sue funzioni; anatomia del fusto in Gimnosperme e Dicotiledoni (strutture primaria e secondaria; cerchie annuali; alburno e duramen; legno omoxilo ed eteroxilo); anatomia del fusto nelle Monocotiledoni. La foglia e le sue funzioni; anatomia della foglia in Gimnosperme e Angiosperme (foglia dorsoventrale e isolaterale). Differenziamenti e adattamenti delle foglie.
· Generalità sulla riproduzione dei vegetali eucarioti. Riproduzione vegetativa. Riproduzione per sporogonia. La riproduzione sessuale e i cicli metagenetici. Il fiore delle Angiosperme: morfologia, funzioni; evoluzione delle parti fiorali. L’impollinazione e la fecondazione. Il seme e le sue riserve. Le prime fasi della germinazione e la plantula.

Argomenti di Laboratorio:
· Tecniche di osservazione ed analisi di materiale vegetale. Taglio e tecniche di colorazione.
· Osservazioni di alcuni elementi di citologia vegetale: parete, vacuoli, amiloplasti, cloroplasti.
· Osservazioni morfologiche e anatomiche degli apparati costituenti il cormo. La radice e le sue tipologie; strutture primaria e secondaria. Il fusto e le sue tipologie; anatomia del fusto in Gimnosperme, Dicotiledoni (struttura primaria e secondaria) e Monocotiledoni. La foglia e le sue tipologie; anatomia di foglie di Gimnosperme e Angiosperme (foglia dorsoventrale e isolaterale).

 Escursioni finali per osservazione diretta di piante in ambiente naturale o in Giardini botanici.
 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Diapositive delle lezioni

Disponibili in formato pdf su AulaWEB al sito https://2020.aulaweb.unige.it

Le lezioni erogate on-line saranno anche registrate

 

Testi principali:

Speranza A. e Calzoni G. L. Struttura delle piante per immagini. Ed. Zanichelli, Bologna, 1996.

Pasqua G., Abbate G., Forni C. Botanica generale e diversità vegetale. Ed. Piccin, Padova, 2019.

 

Testi di consultazione:

Pancaldi S. et al., Fondamenti di Botanica generale- Teoria e pratica. McGraw-Hill, 2011

Tripodi G. Introduzione alla Botanica sistematica EdiSES, 2006

Rost et al. Biologia delle piante, Zanichelli, 2008.

 

Tavole di anatomia dei vegetali vascolari:

http://www.dipbot.unict.it/frame/botgenit.htm

http://www.atlantebotanica.unito.it/page.asp?xsl=tavoleAll

 

Altre lezioni e approfondimenti su diversi argomenti dell’insegnamento, terminologia, ecc:

http://waynesword.palomar.edu/bot115.htm

 

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: In ogni momento, concordato direttamente con il docente per telefono o tramite e-mail (minuto@dipteris.unige.it).

Ricevimento: Concordato direttamente con il docente tramite e-mail (cornara@dipteris.unige.it).

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali e/o on-line e test on-line o se possibile in aula (60 ore)

Esercitazioni in laboratorio oppure on-line (16 ore)

Esperienze in campo (16 ore)

Si rimanda all'istanza AulaWeb specifica dell'insegnamento per eventuali aggiornamenti a causa di variazioni della situazione sanitaria ed epidemiologica.

INIZIO LEZIONI

Le lezioni del primo semestre avranno inizio a partire dal 23 Settembre 2020, ed avranno termine entro il 16 Gennaio 2021. Le lezioni del secondo semestre avranno inizio a partire dal 16 Febbraio 2021 e avranno termine entro il 11 Giugno 2021.Consultare orario dettagliato al seguente link: https://easyacademy.unige.it/portalestudenti/

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

BOTANICA E LABORATORIO (1° MODULO)

ESAMI

Modalità d'esame

Si rimanda all'istanza AulaWeb specifica dell'insegnamento per eventuali aggiornamenti a causa di variazioni della situazione sanitaria ed epidemiologica.

L'esame prevede tre prove scritte in itinere, una relativa alla botanica generale, una alla botanica sistematica, e una alle esercitazioni di laboratorio. Ai test in itinere di laboratorio sono ammessi solo gli studenti con almeno il 75% di frequenza alle lezioni. L'esame finale prevede la presentazione di un piccolo erbario; il voto complessivo è la media ponderata dei voti ottenuti nelle varie prove. I voti parziali sono validi per la sola sessione estiva (giugno, luglio e settembre) dell'anno accademico in corso.

Gli studenti che non sostengono o non superano le prove in itinere devono sostenere un esame orale sul programma completo dell’insegnamento.

Gli studenti che sostengono o superano solo una delle prove in itinere di botanica generale e botanica sistematica possono recuperare la prova mancante con un solo tentativo, entro gli appelli di giugno e luglio dell'anno accademico in corso.

 

Matrice di valutazione

 

Scrit.Gen.

Scrit.Sist.

Lab.test

Erbario

Valore ponderato %

50

25

20

5

spiegare e descrivere la struttura e la funzione delle piante

X

 

 

 

applicare metodi di indagine istologica e anatomica su tessuti e su organi vegetali

X

 

 

 

confrontare i cicli riproduttivi dei principali gruppi tassonomici

X

X

 

 

descrivere la struttura e le funzioni degli organi riproduttivi delle Spermatofite

X

X

X

X

distinguere i principali gruppi tassonomici del regno vegetale

 

X

 

 

identificare le principali famiglie di Angiosperme

 

 

X

X

utilizzare le chiavi di riconoscimento dicotomiche

 

 

X

X

utilizzare diagramma e formule fiorale

 

 

 

X

 

Modalità di accertamento

Saranno effettuati dei test in itinere. Per la parte teorica (Bot. Gen. e Bot. Sist.) sono previsti due test, uno alla fine di ogni modulo. Per il laboratorio verrà svolta una prova finale, comprensiva di riconoscimento di campioni vegetali. A completamento della valutazione sarà richiesta la presentazione di un piccolo erbario.

Chi non avrà sostenuto o superato le prove in itinere dovrà sostenere un classico esame orale, riguardante tutti gli argomenti trattati durante le lezioni frontali dell’insegnamento (Bot. Gen. + Bot. Sist. + Lab) e comprensivo di riconoscimenti di una sezione anatomica e di campioni vegetali. L'esame orale avrà lo scopo di valutare non soltanto se lo studente ha raggiunto un adeguato livello di conoscenze, ma se ha acquisito la capacità di collegare struttura e funzioni nelle piante.

ALTRE INFORMAZIONI

Frequenza fortemente consigliata. La frequenza alla parte teorica dell’insegnamento (Bot. Gen. e Bot. Sist.) sarà saltuariamente monitorata al fine di verificare l’interesse all’insegnamento. Per sostenere la prova scritta finale di Laboratorio è indispensabile una frequenza alle esercitazioni non inferiore al 75%.