CHIRURGIA PLASTICA

CHIRURGIA PLASTICA

_
iten
Codice
67508
ANNO ACCADEMICO
2020/2021
CFU
1 cfu al 5° anno di 8745 MEDICINA E CHIRURGIA (LM-41) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MED/19
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (MEDICINA E CHIRURGIA)
periodo
1° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Possibilità di integrazione delle attività medico chirurgiche al fine di ottimizzare il bilanciamento delle terapie con una corretta pianificazione e attuazione delle tecniche demolitive e ricostruttive

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Dopo l'acquisizione di nosografia, eziologia, fisiopatologia, segni e sintomi delle malattie, il corso è finalizzato allo sviluppo di specifiche competenze cliniche attraverso la presentazione di casi clinici, della problematica diagnostica-terapeutica, relativa ai quadri morbosi di maggior interesse e di più frequente riscontro nella pratica chirurgica. Al termine del corso, lo studente deve essere in grado di affrontare la discussione su problemi di rilevanza clinica, mostrandosi capace di impostare il ragionamento diagnostico differenziale, basato sull’osservazione, sulla conoscenza dei dati epidemiologici, sull’uso razionale delle indagini strumentali e di laboratorio, sulle possibilità di prevenzione delle patologie più comuni. Deve dimostrare la capacità di porre indicazioni terapeutiche corrette, di essere genericamente orientato sulle tecniche chirurgiche più comuni, sul "timing" chirurgico e sulla prognosi, tenendo presenti le caratteristiche psicofisiche e sociali del malato. E' inoltre richiesta un’adeguata conoscenza delle problematiche relative ai periodi pre- e post-operatorio, correlate sia agli interventi in regime di day-surgery, sia a quelli di chirurgia maggiore.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

I discenti devono aver presenti le varie possibilità ricostruttive o di pronto intervento per le varie tipologie di patologie che richiedano un atto ricostruttivo e le varie tipologie di applicazioni ed interventi in tema di Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica

Modalità didattiche

Lezioni teoriche frontali

Pratica di corsia e sala operatoria

PROGRAMMA/CONTENUTO

Lembi ed innesti

Ricostruzione mammaria

Sindromi compressive degli arti superiori

Morbo di Dupuytren

Terapia chirurgica delle emicranie e cefalee muscolo-tensive

Terapia dell'iperidrosi degli arti superiori

Tumori cutanei: conoscenza della diagnosi differenziale delle lesioni cutanee

Ustione: classificazione e trattamento nella fase di pronto soccorso, acuta, post acuta. Malattia da ustione.

Malformazioni: conoscenza di base delle malformazioni cranio faciali e toraciche

Chirurgia estetica

​Microchirurgia

 

 

 

 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

P.L. Santi, E. Raposio. Principi di Chirurgia Plastica. Libellula Edizioni. 2012.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: SU APPUNTAMENTO. Telefono o email per gli studenti: 0105558827/25 – ilaria.baldelli@unige.it 

Ricevimento: PREVIO APPUNTAMENTO e-mail: edoardo.raposio@unige.it

Commissione d'esame

CESARE STABILINI (Presidente)

PAOLO TRAVERSO (Presidente)

GREGORIO SANTORI

FRANCESCO SAVERIO PAPADIA

FEDERICA MURELLI

GIOVANNI CAMERINI

DANIELE FRIEDMAN

ILARIA BALDELLI

FRANCESCO BOCCARDO

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni teoriche frontali

Pratica di corsia e sala operatoria

ESAMI

Modalità d'esame

L’esame, nell'ambito dell'insegnamento integrato, consiste nel verificare – attraverso una prova orale – la preparazione acquisita dallo studente relativamente agli obiettivi dell’insegnamento/modulo

Modalità di accertamento

La verifica dell’apprendimento avviene attraverso il solo esame finale che mira ad accertare l’  effettiva acquisizione da parte dello studente dei risultati di apprendimento attesi.

Lo studente per superare l’esame, riportare quindi un voto non inferiore a 18/30

Concorrono al voto finale espresso in trentesimi:

- Capacità di trattare in maniera trasversale e critica gli argomenti richiesti;

-Correttezza, chiarezza, sintesi e fluidità espositiva;

-Padronanza della materia;

- Adozione di  una terminologia  appropriata

ALTRE INFORMAZIONI

Per eventuali informazioni aggiuntive contattare il Prof. Edoardo Raposio: edoardo.raposio@unige.it.