ENTOMOLOGIA FORENSE

ENTOMOLOGIA FORENSE

_
iten
Codice
72572
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
4 cfu al 2° anno di 8762 SCIENZE BIOLOGICHE (L-13) GENOVA

4 CFU al 2° anno di 9916 SCIENZE AMBIENTALI E NATURALI (L-32) GENOVA

SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
BIO/05
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (SCIENZE BIOLOGICHE )
periodo
2° Semestre

PRESENTAZIONE

L'entomologia forense è quella disciplina che studia gli insetti al fine di rispondere ai quesiti investigativi ed in particolare alla stima del tempo del decesso ed allo spostamento del cadavere. La disciplina si applica sia ai crimini contro l'uomo che contro animali da compagnia o apparteneti alla fauna selvatica. La materia non si limita agli aspetti dei crimini violenti ma anche alla contaminazione di beni e luoghi frequentati dall'uomo

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Il corso prende in considerazione gli aspetti applicativi dell'approccio entomologico nel contesto investigativo, prestando particolare attenzione alla stima del tempo dal decesso. Più in generale il corso offrirà allo studente una visione generale dell'approccio alla scena del crimine e alle tecniche in uso per la stima del tempo del decesso. Inoltre verranno fornite informazioni circa gli insetti di interesse forense associati ai beni di consumo e agli edifici

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Ad insegnamento superato  lo studente sarà capace di dimostrare:

 

a) una comprensione generale del processo della “crime scene investigation”

b) una comprensione generale dei più importanti metodi per la stima del tempo del decesso

c) una comprensione generale del ruolo degli insetti nella vita umana e degli altri animali (contaminazioni del cibo, trasmissione di malattie)

d) una comprensione generale della sistematica degli insetti

e) una comprensione dettagliata del ruolo degli insetti nella decomposizione di un corpo

f) comprensione dettagliata dei fattori che influenzano la colonizzazione di un corpo

g) comprensione dettagliata dei fattori che influenzano lo sviluppo di un insetto

h) una comprensione dettagliata del contributo  degli insetti nella stima del PMI (post mortem interval)

i) una comprensione dettagliata sulla stima della stagione del decesso 

j) una comprensione dettagliata sulla stima del trasferimento del cadavere

 

Alla fine del corso lo studente sarà in grado di:

 

a) identificare I diversi stadi di sviluppo degli insetti

b) identificare le specie più comunemente associate alla decomposizione di un corpo

c) generare una ricostruzione termica della scena del crimine

d) stimare, criticamente, il tempo del decesso utilizzando l’approccio entomologico

e) identificare I principali insetti associati alle derrate alimentari

 

PREREQUISITI

Per affrontare efficacemente i contenuti dell’insegnamento sono necessarie conoscenze di base di biologia generale, ecologia e zoologia: 1) sistematica generale degli invertebrati 2) conoscenza del  ciclo di sviluppo degli artropodi 3) conoscenza della struttura delle reti trofiche 4) conoscenza dei rapporti preda-predatore, parassita ospite 5) il DNA

Modalità didattiche

L’insegnamento si compone di lezioni frontali, discussioni su casi reali, lavori di gruppo e di attività di laboratorio. Essendo previste attività per l’applicazione delle conoscenze acquisite, attività pratiche e metodologiche, la frequenza a lezioni, discussioni ed esercitazioni di laboratorio è fortemente consigliata.

 

Le lezioni frontali in aula sono erogate mediante presentazioni multimediali.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il programma del corso prevede la presentazione e la discussione dei seguenti argomenti

 

 

• Il processo della “crime scene investigation”

  o Il concetto di crimine

  o Il concetto di scena del crimine 

  o Il concetto di prova

  o Le operazioni sulla scena del crimine (documentazione, repertamento, la catena di custodia)

• La morte e la stima del tempo dalla morte

  o Decomposizione, mummificazione e saponificazione

• Insetti: Anatomia generale, Biologia e fisiologia

  o Sviluppo e riproduzione negli insetti

  o Fattori che infleuenzano lo sviluppo degli insetti

• Sistematica (filogenesi e classificazione)

  o Identificazione

• Gli insetti di interesse forense

• Le ondate di colonizzazione

  o Fattori che influenza la colonizzazione di un corpo

  o Temperatura e ricostruzione termica

• Entomotossicologia e DNA in entomologia forense

• Campionamento, preparazione ed identificazione

• Stima del PMI con l’approccio entomologico

 

 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Tutte le slides utilizzate durante le lezioni e altro materiale didattico saranno disponibili su AulaWeb al termine di ogni ciclo di lezioni/esercitazioni di laboratorio insieme ad altro materiale bibliografico in formato pdf.

I libri indicati sono suggeriti come testo di appoggio e sono disponibili e consultabili insieme ad altri libri per eventuali approfondimenti presso il docente.

 

Testi consigliati per eventuali approfondimenti:

 

Tilstone, W.J.; Hastrup, M.L.; Hald, C. 2012 Fisher’s Techniques of Crime Scene Investigation, First International Edition. CRC Press

 

David B. Rivers, Gregory A. Dahlem 2014. The Science of Forensic Entomology. Willey Blackwell

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Il docente risponderà a specifiche domande al termine di ogni lezione, mentre il ricevimento degli studenti avviene per appuntamento, concordato direttamente via e-mail (stefano.vanin@unige.it)

LEZIONI

Modalità didattiche

L’insegnamento si compone di lezioni frontali, discussioni su casi reali, lavori di gruppo e di attività di laboratorio. Essendo previste attività per l’applicazione delle conoscenze acquisite, attività pratiche e metodologiche, la frequenza a lezioni, discussioni ed esercitazioni di laboratorio è fortemente consigliata.

 

Le lezioni frontali in aula sono erogate mediante presentazioni multimediali.

INIZIO LEZIONI

si rimanda al sito di Ateneo

ESAMI

Modalità d'esame

L'esame consiste in una prova pratica con report scritto ed una prova orale.

 

La prova pratica con  report scritto sono relative ad un caso e coprono gli argomenti e alle attività pratiche svolte durante le lezioni e le esercitazioni di laboratorio. L'esame è superato se lo studente ha ottenuto un voto maggiore o uguale a 18.

 

Lo studente accede all’esame orale se ha conseguito almeno 18/30 nella prima prova. L'esame orale consiste nell'esposizione del report scritto e nella risposta a domande poste dal docente inerenti al caso in esame.

Modalità di accertamento

I dettagli sulle modalità di preparazione per l’esame e sul grado di approfondimento richiesto per ogni argomento saranno forniti all’inizio del corso e ribaditi durante lezioni ed esercitazioni.

 

Il report della prova pratica verificherà l’effettiva acquisizione delle conoscenze e dei metodi di indagine tipici della disciplina, ponendo lo studente stesso in uno scenario reale.

 

L’esame orale permetterà di verificare la capacità di esporre gli argomenti in modo chiaro e con una terminologia corretta e di difendere le conclusioni ottenute dallo studente nell'analisi del caso.

ALTRE INFORMAZIONI

La frequenza regolare alle lezioni e alle esercitazioni di laboratorio è fortemente raccomandata così come una partecipazione attiva alle discussioni e lavori di gruppo.