LABORATORIO SOFTWARE E HARDWARE DI ELETTRONICA DI POTENZA

LABORATORIO SOFTWARE E HARDWARE DI ELETTRONICA DI POTENZA

_
iten
Codice
101452
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
8 cfu al 2° anno di 8731 INGEGNERIA ELETTRICA (LM-28) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
ING-IND/32
SEDE
GENOVA (INGEGNERIA ELETTRICA )
periodo
Annuale
materiale didattico

PRESENTAZIONE

La maggior parte dell'energia elettrica non viene utilizzata nella forma in cui viene prodotta, trasmessa e distribuita: viene convertita in funzione delle esigenze dell'utenza, per massimizzarne le prestazioni. L'elettronica di potenza raggruppa le conoscenze di conversione statica dell'energia elettrica nelle applicazioni industriali, per le energie rinnovabili, per i trasporti e domestiche, ed in particolare per la regolazione di velocità e coppia negli azionamenti elettrici in tali ambiti.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Capacità di applicazione dei principi fondamentali della conversione statica dell’energia elettrica, dei convertitori principali e dei relativi metodi di comando, dei principali azionamenti in corrente continua e alternata in attività di laboratorio hardware e software. Capacità di effettuare modellizzazione, simulazione ed implementazione pratica e di convertitori e controllo di motori elettrici.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Fornire agli allievi la capacità di applicare in laboratorio le conoscenze acquisite nell'ambito dell'elettronica, dell'elettrotecnica e delle macchine elettriche, integrandole con quelle legate ai sistemi di controllo ed al funzionamento dei convertitori statici di potenza, al fine di consentirne la modellizazione e l'implementazione pratica.

Al termine dell'insegnamento lo studente dovrà dimostrare di:​

  1. saper descrivere il modello matematico di un sistema elettrico complesso contenente convertitori e relativi sistemi di controllo e modulazione ed effettuare simulazioni per la verifica del funzionamento col supporto di un adeguato strumento di calcolo
  2. saper sviluppare in  laboratorio il sistema di potenza analizzato al punto precedente, testarne il funzionamento, eseguire le misure necessarie e diagnosticarne il corretto funzionamento  

Modalità didattiche

Le modalità didattiche sono orientate a stimolare l'interesse pratico degli allievi, l'attitudine al lavoro di gruppo, le capacità di risoluzione dei problemi. Le lezioni, che si tengono in laboratorio informatico ed in laboratorio hardware, prevedono il coinvolgimento diretto nelle attività di allievi e docenti, anche mediante suddivisione di compiti e responsabilità. 

PROGRAMMA/CONTENUTO

  1. Codice di calcolo da utilizzare per modellistica e simulazione
  2. Applicazione del codice ai sottosistemi
  3. Intergazione dei modelli
  4. Test e simulazione
  5. Linguaggio di programmazione C per sistemi real-time
  6. Linguaggio VHDL per dispositivi FPGA
  7. Applicazione a sistemi di elettronica di potenza

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Materiale fornito dai docenti.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Il docente riceve su appuntamento in qualsiasi data e orario (tel. 0103352181, cell. 3472335477, paolo.pozzobon@unige.it)  

Commissione d'esame

LUIS RAMON VACCARO (Presidente)

PAOLO POZZOBON (Presidente)

LEZIONI

Modalità didattiche

Le modalità didattiche sono orientate a stimolare l'interesse pratico degli allievi, l'attitudine al lavoro di gruppo, le capacità di risoluzione dei problemi. Le lezioni, che si tengono in laboratorio informatico ed in laboratorio hardware, prevedono il coinvolgimento diretto nelle attività di allievi e docenti, anche mediante suddivisione di compiti e responsabilità. 

INIZIO LEZIONI

Secondo calendario ufficiale delle lezioni.

ESAMI

Modalità d'esame

Esame orale e pratico di laboratorio.

Modalità di accertamento

Gli allievi sono tenuti ad illustrare al docente i risultati delle attività di laboratorio informatico ed hardware e a rispondere a specifiche richieste in relazione a quanto presentato, nonchè a dimostrare il funzionamento di modelli e prototipi.