FLUVIAL HYDRAULICS AND MORPHODYNAMICS

FLUVIAL HYDRAULICS AND MORPHODYNAMICS

_
iten
Codice
98156
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
5 cfu al 2° anno di 10720 ENVIRONMENTAL ENGINEERING (LM-35) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
ICAR/01
LINGUA
Inglese
SEDE
GENOVA (ENVIRONMENTAL ENGINEERING )
periodo
1° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:

PRESENTAZIONE

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

The course provides competences on how the morphology of rivers and tidal estuaries is shaped by the action of steady and unsteady free-surface flows, with an eye to the mutual interactions between the flow, the morphology and the ecosystem.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Il modulo intende fornire strumenti interpretativi e predittivi per l’idrodinamica dei moti a superficie libera e per la meccanica del trasporto di sedimenti. Viene considerato il caso di moti stazionari uniformi, stazionari non-uniformi e non stazionari con particolare attenzione alla determinazione dei profili di rigurgito e propagazione delle onde di piena. Il corso intende inoltre analizzare le implicazioni legate al trasporto di sedimenti sulla morfodinamica dei corsi d’acqua. Il corso si rivela propedeutica alla:

-  progettazione di opere di difesa delle coste e dalle piene dei corsi d’acqua e per la valutazione del loro impatto ambientale;

- progettazione di opere per la navigazione fluviale e costiera;

- progettazione di opere per lo sfruttamento (energetico, irriguo, );

- progettazione di interventi di riqualificazione ambientale dei corsi d’acqua e delle coste; e, in generale, per la redazione dei piani di bacino.

Modalità didattiche

Il corso è articolato in circa 50 ore di lezione frontale.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Parte prima: I modelli nell'idrodinamica naturale. Correnti uniformi e stazionarie a superficie libera. Profili in alvei cilindrici. Fenomeni localizzati. Afflussi e deflussi laterali. Correnti non stazionarie a superficie libera. Onde di piena: il modello cinematico e il modello parabolico.

Parte seconda: Meccanica del Trasporto solido. Caratteristiche dei sedimenti, Modi di trasporto di sedimenti incoerenti, Incipiente trasporto e trasporto solido di fondo, Incipiente trasporto e trasporto solido in sospensione.

Parte terza: Correnti a fondo mobile. Equazione di Exner e formulazione del problema matematico della morfodinamica. Correnti in equilibrio morfodinamico: profili di equilibrio a fondo mobile in alvei rettilinei.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Dispense del corso (aulaweb)

Garcia, Ed., 2007, Sedimentation Engineering: Processes, Management, Modeling, and Practice. ASCE Manual and Reports on Engineering Practice No. 110. 1st Edition

Principles of River Engineering - The non-tidal alluvial river, Jansen et al. (in English)

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Su prenotazione inviando un'email all'indirizzo: nicoletta.tambroni@unige.it

Ricevimento: Gli studenti saranno ricevuti dal docente su appuntamento concordato tramite email o contatto telefonico.

LEZIONI

Modalità didattiche

Il corso è articolato in circa 50 ore di lezione frontale.

INIZIO LEZIONI

Settembre 2019

ESAMI

Modalità d'esame

L'esame prevede un'unica prova orale, al fine d’accertare il grado di conoscenza degli argomenti svolti durante le lezioni. Solitamente vengono fatte tre domande su argomenti relativamente ampi, rimandando i dettagli alla conseguente discussione.

Modalità di accertamento

Se necessario, durante l’esame, verrà richiesta la soluzione di semplici problemi al fine di valutare le capacità operative dello studente.