DIRITTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO DEI TURISMI

DIRITTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO DEI TURISMI

_
iten
Codice
98190
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
6 cfu al 1° anno di 10715 VALORIZZAZIONE DEI TERRITORI E TURISMI SOSTENIBILI (LM-80) SAVONA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
IUS/14
LINGUA
Italiano
SEDE
SAVONA (VALORIZZAZIONE DEI TERRITORI E TURISMI SOSTENIBILI )
periodo
2° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

L’insegnamento ha l’obiettivo di dotare i partecipanti dei contenuti essenziali, a livello di principi e norme giuridiche, del diritto internazionale ed europeo del turismo. Esso si articolerà pertanto nello studio dei principi e strumenti di diritto internazionale applicabili alla materia, con cenni di organizzazione internazionale, nonché dei principali strumenti di diritto dell’Unione europea, sia di carattere generale che di carattere settoriale. Verranno, infine, fornite alcune nozioni introduttive sul sistema delle fonti degli ordinamenti di riferimento.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

L’insegnamento ha lo scopo di fornire agli studenti un’adeguata conoscenza e comprensione dei principi, delle norme e delle principali tendenze evolutive che caratterizzano il diritto internazionale ed europeo del turismo. In questa prospettiva, ci si propone di analizzare, anzitutto, il sistema delle fonti del diritto internazionale ed europeo del turismo. Particolare attenzione è poi dedicata agli specifici contenuti degli strumenti di diritto internazionale ed europeo esistenti in materia. Costituisce oggetto dell’insegnamento, inoltre, lo studio delle principali forme di cooperazione internazionale istituzionalizzata di riferimento nonché, infine, del ruolo dell'Unione europea. Nell’affrontare la materia gli studenti saranno costantemente incentivati a valorizzare i rapporti con altre branche del diritto internazionale ed europeo (ivi inclusi il diritto dell’ambiente, il diritto del commercio e degli scambi internazionali, il diritto dei trasporti). Più precisamente, gli studenti acquisiranno nozioni di base sui seguenti argomenti:

1. Le fonti del diritto internazionale e UE del turismo.

2. Il funzionamento e l’attività delle principali organizzazioni internazionali coinvolte nella governance del turismo.

3. Turismo e protezione dell’ambiente

4. Turismo e protezione del paesaggio e del patrimonio culturale.

5. Turismo e mercato interno dell’UE.

7. Politica UE dei visti e assistenza consolare dei cittadini UE all’estero.

8. Disciplina internazionale e UE del trasporto di persone.

9. Turismo e diritto europeo dei consumatori, con particolare riferimento alla disciplina dei cd. “pacchetti turistici”.

 Al termine dell’insegnamento, lo studente sarà in grado di:

  • Conoscere il sistema delle fonti di diritto internazionale e di diritto dell’Unione europea e i loro rapporti con l’ordinamento nazionale.
  • Comprendere e illustrare il funzionamento e l’attività delle principali organizzazioni internazionali attive nel settore del turismo.
  • Conoscere e riportare nei loro contenuti, principi ispiratori e obiettivi le norme internazionali ed europee in materia di tutela dell’ambiente, del paesaggio e del patrimonio culturale.
  • Conoscere e riportare nei loro contenuti, principi ispiratori e obiettivi le libertà fondamentali alla base del processo di integrazione europea e le principali politiche materiali oggetto del programma di insegnamento;
  • Analizzare questioni giuridiche e individuare le norme del diritto internazionale o dell’Unione europea rilevanti per la loro soluzione;
  • Esprimersi con linguaggio tecnico adeguato, sia in forma orale sia in forma scritta, sulle questioni riguardanti il programma dell’insegnamento.

Modalità didattiche

L’insegnamento è costituito da 36 ore di lezione, si svolge in lingua italiana e si basa sull’esame in aula dei principali strumenti normativi esistenti a livello di diritto internazionale e dell’Unione europea. Nel corso delle lezioni verrà proposto l’esame di alcuni casi pratici, sui quali si incentreranno discussioni di approfondimento rispetto alle quali sarà richiesta la partecipazione attiva degli studenti. Il materiale didattico di riferimento sarà reperibile anche sul portale di Ateneo www.aulaweb.unige.it. Per una migliore organizzazione dell’attività didattica, gli studenti sono pregati di registrarsi sul sito del corso il più presto possibile. Al fine di consentire la discussione in occasione delle lezioni, sarà comunicato in anticipo il calendario di tutte le lezioni e verranno altresì indicati i documenti disponibili sul portale di Ateneo.

PROGRAMMA/CONTENUTO

1. Introduzione. Fonti del diritto (internazionale ed europeo) del turismo.

2. Organizzazioni internazionali. L’Organizzazione mondiale del turismo. Il ruolo delle Nazioni Unite, dell’Organizzazione mondiale del commercio e il Comitato mondiale dell’etica del turismo.

3. Diritto europeo del turismo, in generale e con riferimento al diritto di stabilimento, alla libera circolazione dei lavoratori, alla libera prestazione dei servizi e alle regole di concorrenza.

4. Turismo e protezione dell’ambiente nel diritto internazionale ed europeo.

5. Turismo e Convenzione sul paesaggio.

6. Turismo e protezione del patrimonio culturale nel diritto internazionale.

7. Turismo e politica UE dei visti.

8. Turismo e assistenza consolare dei cittadini UE all’estero.

9. Turismo e diritto internazionale e UE del trasporto di persone.

10. Turismo e diritto europeo dei consumatori. Direttiva “pacchetti turistici”.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Per le nozioni fondamentali di diritto internazionale e di diritto dell’Unione europea si può fare riferimento rispettivamente a:

- AA.VV., Istituzioni di diritto internazionale, Giappichelli, 2016.

- R. Adam – A. Tizzano, Manuale di diritto dell’Unione europea, Giappichelli, 2017.

I testi specificamente attenenti al settore del diritto del turismo verranno indicati a lezione.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Lunedì 10-12 e, su prenotazione, giovedì ore 10-12 (salvo diverso avviso comunicato via Aulaweb agli studenti iscritti) c/o Dipartimento di Giurisprudenza, Via Balbi, 22 – V piano. Gli studenti che intendono presentarsi al ricevimento sono invitati, per una migliore gestione dello stesso, a scrivere in anticipo al docente all'indirizzo lorenzo.schianodipepe@unige.it.

Ricevimento: l docente riceve il lunedì e il giovedì, ore 10-13, presso gli uffici del Dipartimento di Via Balbi 22, quinto piano, Genova, preferibilmente previo scambio di e-mail per concordare l'orario (chiara.cellerino@edu.unige.it).  

LEZIONI

Modalità didattiche

L’insegnamento è costituito da 36 ore di lezione, si svolge in lingua italiana e si basa sull’esame in aula dei principali strumenti normativi esistenti a livello di diritto internazionale e dell’Unione europea. Nel corso delle lezioni verrà proposto l’esame di alcuni casi pratici, sui quali si incentreranno discussioni di approfondimento rispetto alle quali sarà richiesta la partecipazione attiva degli studenti. Il materiale didattico di riferimento sarà reperibile anche sul portale di Ateneo www.aulaweb.unige.it. Per una migliore organizzazione dell’attività didattica, gli studenti sono pregati di registrarsi sul sito del corso il più presto possibile. Al fine di consentire la discussione in occasione delle lezioni, sarà comunicato in anticipo il calendario di tutte le lezioni e verranno altresì indicati i documenti disponibili sul portale di Ateneo.

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

DIRITTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO DEI TURISMI

ESAMI

Modalità d'esame

Per gli studenti frequentanti (almeno il 75% delle lezioni) l’acquisizione delle conoscenze verrà verificata attraverso la discussione a lezione sui temi proposti e tramite una verifica scritta od orale con risposte chiuse e/o aperte. I risultati dell’apprendimento potranno poi essere ulteriormente verificati in sede di esame orale. Per gli studenti non frequentanti l’esame è orale. La Commissione è designata dal Consiglio di Dipartimento e presieduta dal docente titolare del corso. La durata è normalmente di 15 minuti circa, con verifica dell’apprendimento attraverso la discussione di almeno tre tematiche.

Modalità di accertamento

Verrà accertata la presenza degli studenti a lezione tramite raccolta di firme o appello nominale. Sia nell’esame in forma scritta, sia nell’esame in forma orale, i quesiti posti allo studente saranno volti ad accertare l’effettiva conoscenza delle nozioni e degli istituti di diritto internazionale e di diritto dell’Unione europea oggetto del programma, nonché a verificare la capacità di analisi critica e di applicazione pratica di tali nozioni e istituti al fine della soluzione di questioni giuridiche concrete. Saranno utilizzati come parametro di valutazione, oltre alla conoscenza dei contenuti del programma dell’insegnamento, la qualità dell’esposizione, l’utilizzo appropriato di linguaggio tecnico specialistico, la capacità di analisi e di ragionamento critico.

Calendario appelli

Data Ora Luogo Tipologia Note
13/01/2020 09:00 GENOVA Orale
27/01/2020 09:00 GENOVA Orale
10/02/2020 09:00 GENOVA Orale
21/05/2020 09:00 GENOVA Orale
08/06/2020 09:00 GENOVA Orale
29/06/2020 09:00 GENOVA Orale
16/07/2020 09:00 GENOVA Orale
07/09/2020 09:00 GENOVA Orale