URBANISTICA

URBANISTICA

_
iten
Codice
83882
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
8 cfu al 1° anno di 9915 ARCHITETTURA (LM-4) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
ICAR/21
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (ARCHITETTURA )
periodo
1° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Vedi Scheda insegnamento

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Il percorso formativo è finalizzato ad acquisire conoscenze e competenze in merito agli strumenti con i quali sono analizzate, controllate e progettate le trasformazioni della città, del territorio, dell’ambiente e del paesaggio. Il piano urbanistico e territoriale sono considerati nella loro valenza interpretativa e progettuale, nelle applicazioni di scala e settore diversi come quadro di riferimento per avviare all’impiego critico delle conoscenze, degli apparati analitici, degli strumenti operativi e progettuali dell’urbanista.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Principale obbiettivo è istruire il futuro architetto a considerare la complessità dei territori nei quali dovrà operare e ad intendere il progetto come capacità di dialogare con l’ambiente, fisico e sociale, per costruire scenari di futuro credibili e svilupparli con competenza tecnica, nel rispetto dei valori irrinunciabili del paesaggio. 

L’insegnamento accompagna lo studente a costruirsi riferimenti culturali ed etici per affrontare il progetto territoriale, ad affinare tecniche e strumenti di analisi, a verificare le proprie capacità di condurre il percorso progettuale.

Risultato atteso è l’acquisizione della capacità di impostare e sviluppare autonomamente un programma per lo studio di un territorio, lo sviluppo di proposte di intervento, la loro validazione, argomentazione e presentazione

Modalità didattiche

Lo studio di un territorio e il riconoscimento di criticità e valori sono funzionali a sviluppare e verificare un’ipotesi di progetto, secondo un processo di apprendimento prevalentemente induttivo, basato sull’interazione tra conoscenze, esperienza diretta di luoghi e situazioni, nuova ricerca.

L’insegnamento si articola in:

  • lezioni nelle quali il docente tratterà riferimenti generali e temi specifici del territorio caso studio;
  • ricerche ed elaborazione di dati, che gli studenti eseguiranno preferibilmente in aula, utilizzando computer individuali e con l’assistenza del docente e di tecnici;
  • esperienza diretta del caso studio, attraverso sopralluoghi e contatti con esperti e testimoni qualificati;
  • proposta d’intervento che gli studenti, per gruppi di 2-5 componenti, svilupperanno discutendone con il docente.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Sono affrontate questioni emergenti del governo del territorio sia trattandole da un punto di vista generale, sia focalizzando l’attenzione su uno specifico caso studio che sarà oggetto di analisi, valutazioni e proposte.

Argomenti generali

  • Postmetropoli: il fenomeno urbano a una svolta.
  • La nuova dimensione metropolitana del governo del territorio.
  • L’urbanistica di fronte all’emergenza ambientale e alla “riparazione” del territorio. Ecologia e progetto.
  • Il paesaggio nella legislazione (Codice dei Beni Culturali e Paesaggistici, Carta europea del paesaggio) e come dimensione progettuale dell’urbanistica contemporanea.
  • Modi di leggere lo spazio. Analisi morfologiche, letture e interpretazioni dell’insediamento storico, degli spazi urbani e degli spazi aperti per riprogettare il territorio e produrre nuovi paesaggi.

Tema specifico

Verranno affrontate le problematiche tipiche di un paesaggio costiero mediterraneo che ha raggiunto livelli limite di crescita e presenta elementi di degrado, per formularne interpretazioni finalizzate a proporre nuovi modelli di sviluppo. 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Besio, M., a cura di, Ingegneria e paesaggio in Italia.  Un progetto per le valli e per le coste, Roma, 2014, Donzelli.

Bobbio, R., a cura di, Progettare nuovi paesaggi costieri. Metodi e proposte per la Liguria occidentale, Venezia, 2008, Marsilio.

Bobbio, R., a cura di, Bellezza ed economia dei paesaggi costieri, Roma, 2016, Donzelli.

Bonini, G.; Visentin, C., a cura di, Paesaggi in trasformazione, Istituto Alcide Cervi – Editrice Compositori, Gattico-Bologna, 2014.

Convenzione europea del Paesaggio, 2000.

Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio, dLgs 42/2004.

La Cecla, Franco, Perdersi. L’uomo senza ambiente, Economica Laterza, Roma-Bari, 2000.

Magnaghi, Alberto, Il progetto locale, Bollati Boringhieri, Torino, 2000.

McHarg, Ian, Progettare con la natura, Franco Muzzio, Roma, 2007.

Quaini, M., “La Liguria invisibile” in: A. Gibelli, P. Rugafiori, a cura di, Storia d’Italia. La Liguria, Einaudi, Torino, 1994.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Mercoledì ore 10,00 - 12,30  DAD, Dipartimento di Architettura e Design, Stradone di Sant'Agostino, 37 Piazza Sarzano, 18

Commissione d'esame

ROBERTO BOBBIO (Presidente)

LUCA VOLPIN

CHIARA VACCARO

PAOLO ROSASCO

MARCO LARI

LEZIONI

Modalità didattiche

Lo studio di un territorio e il riconoscimento di criticità e valori sono funzionali a sviluppare e verificare un’ipotesi di progetto, secondo un processo di apprendimento prevalentemente induttivo, basato sull’interazione tra conoscenze, esperienza diretta di luoghi e situazioni, nuova ricerca.

L’insegnamento si articola in:

  • lezioni nelle quali il docente tratterà riferimenti generali e temi specifici del territorio caso studio;
  • ricerche ed elaborazione di dati, che gli studenti eseguiranno preferibilmente in aula, utilizzando computer individuali e con l’assistenza del docente e di tecnici;
  • esperienza diretta del caso studio, attraverso sopralluoghi e contatti con esperti e testimoni qualificati;
  • proposta d’intervento che gli studenti, per gruppi di 2-5 componenti, svilupperanno discutendone con il docente.

INIZIO LEZIONI

Settembre 2019

ESAMI

Modalità d'esame

Orale; in comune con Estimo (vedi scheda generale).

Modalità di accertamento

Vedi scheda generale