STRUTTURE NARRATIVE E NUOVI MEDIA

STRUTTURE NARRATIVE E NUOVI MEDIA

_
iten
Codice
90621
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
6 cfu al 1° anno di 9913 DIGITAL HUMANITIES - COMUNICAZIONE E NUOVI MEDIA (LM-92) SAVONA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
L-FIL-LET/14
LINGUA
Italiano
SEDE
SAVONA (DIGITAL HUMANITIES - COMUNICAZIONE E NUOVI MEDIA )
periodo
2° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

La disciplina dimostra l'applicazione di alcuni tra i principali strumenti metodologici elaborati per l’analisi delle strutture narrative (dalla semiologia narrativa di Greimas alla retorica del racconto di Genette) la nella costruzione di una concezione allargata di narrazione, debitrice delle forme letterarie, visive e performative della tradizione ma promotrice di nuove sperimentazioni legate alle tecnologie interattive e multimediali della partecipazione e immersione del fruitore.

 

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Obiettivo del corso è quello di analizzare le nuove forme di narrazione, dai videogames agli spettacoli multimediali, dalle installazioni ai musei di narrazione. Durante il corso si propone il confronto e l’applicazione di teorie narratologiche che, da Aristotele a Genette, interrogano tecniche, ideologie e metodi delle strutture narrative prodotte dalla nostra storia culturale. L’applicazione di queste teorie ai prodotti dei nuovi media permette di offrire strumenti interpretativi imprescindibili per comprendere significati e prospettive delle tecnologie multimediali, e contemporaneamente il confronto produce una possibilità di ripensare, storicamente, criticamente e creativamente, le forme artistiche tradizionali.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Al termine del corso le studentesse e gli studenti saranno in grado di

conoscere le principali metodologie critiche di analisi del fenomeno narrativo (in ambito letterario, pittorico, cinematografico

applicare le diverse metodologie alla concreta pratica di analisi di esperienze multimodali interattive, sapendo valutare autonomamente la congruenza specifica e la portata euristica della scelta applicativa del modello critico

esprimere nella soddisfacente padronanza del linguaggio tecnico, elaborato dalle principali metodologie critiche le caratteristiche narrative di un prodotto (o un processo) multimediale interattivo, incrementando, in questo modo, le proprie capacità di riflessione astratta e abilità argomentativa, sensibile ai contesti

dimostrare la capacità di trasformare la riflessione critica in sperimentazione progettuale di narrazioni multimodali interattive

 

PREREQUISITI

Il corso si impegna, come sua prima finalità, a rendere omogenee le conoscenze di studentesse e studenti provenienti da formazioni universitarie eterogenee, creando un virtuoso scambio tra le prospettive di ricerca e le competenze relative a differenti percorsi disciplinari, dimostrando la necessità di dialogo e collaborazione interdisciplinare (umanistica e scientifica, artistica, critica e teoretica) nella progettazione di efficaci narrazioni multimediali

Modalità didattiche

L’insegnamento si articola in 36 ore di lezione. Il metodo di insegnamento prevede una stretta e continua interconnessione tra momenti di lezione frontale (nella presentazione delle metodologie analitiche) e attività partecipativa delle studentesse e degli studenti (nella discussione critica dei modelli teorici e nella loro applicazione, collettiva e individuale, alla pratica analitica e alla progettazione dei prodotti interattivi multimediali). 

PROGRAMMA/CONTENUTO

Analisi della narrazione:

1. temporalità (frequenza, velocità, anacronia)

2. prospettiva

3. livelli

4. strutturazione semiotica dei contenuti

Teoria generale del montaggio e della composizione di sistemi semiotici differenti (linguistici, iconici, musicali)

Applicazione dei contenuti appresi ad un progetto di gruppo volto a trasformare una narrazione in installazione multimediale interattiva.

 

 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Giovannetti,  Il racconto. Letteratura cinema televisione Carocci 2012

Cometa Archeologie del dispositivo. Regimi scopici della letteratura, Pellegrini 2016

Ferraro, Teorie della narrazione. Dai racconti tradizionali all’odierno storytelling, Carocci 2015

Careri, Voli d'amore, Mimesis 2018

Ejzenstein Teoria generale del montaggio Marsilio 1985

Benjamin, L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica, Einaudi 2014

Benjamin, Il Narratore, Einaudi 2011

Baricco, The Game, Einaudi 2019

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Si può telefonare (345 4558112) in qualsiasi momento per informazioni sul corso o sull'esame.

Commissione d'esame

NICOLA FERRARI (Presidente)

ANTONIO CAMURRI

LEZIONI

Modalità didattiche

L’insegnamento si articola in 36 ore di lezione. Il metodo di insegnamento prevede una stretta e continua interconnessione tra momenti di lezione frontale (nella presentazione delle metodologie analitiche) e attività partecipativa delle studentesse e degli studenti (nella discussione critica dei modelli teorici e nella loro applicazione, collettiva e individuale, alla pratica analitica e alla progettazione dei prodotti interattivi multimediali). 

INIZIO LEZIONI

Le lezioni si terranno nel secondo semestre.

ESAMI

Modalità d'esame

L’esame si compone di una parte scritta ed una orale.

La parte scritta consiste nell’elaborazione di un progetto interattivo basato sull'analisi e la traduzione multimediale di una narrazione letterari. Il progetto, presentazione personale di un lavoro di gruppo, dovrà essere in precedenza concordato e discusso con l’insegnante, inviato nella sua forma definitiva almeno una settimana prima dell’appello.

 

La parte orale,  discuterà criticamente l’elaborato scritto.

Modalità di accertamento

La valutazione dell’elaborato scritto considererà:

la proprietà terminologica 

la capacità di progettare e portare a termine un lavoro condiviso e laboratoriale

la comprensione del modello critico e la capacità di rielaborazione personale dei contenuti studiati

l’efficacia della applicazione del modello analitico alla progettazione di un prodotto multimediale interattiva

la riflessione sull’organizzazione formale [dispositio] nella presentazione dei risultati della ricerca

 

La valutazione della discussione orale considererà:

le conoscenze generali sui contenuti delle teorie narratologiche

il grado di personale rielaborazione critica dei contenuti

la capacità di riflessione astratta e abilità argomentativa, sensibile ai contesti di discorso

la capacità di presentare i risultati della propria attività progettuale

Calendario appelli

Data Ora Luogo Tipologia Note
02/09/2020 09:00 SAVONA Orale

ALTRE INFORMAZIONI

Le studentesse e gli studenti non frequentanti sono pregati di contattare il docente per concordare un programma adeguato al loro percorso di studi.