INDUSTRIAL CHEMISTRY

INDUSTRIAL CHEMISTRY

_
iten
Codice
56534
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
10 cfu al 1° anno di 10376 INGEGNERIA CHIMICA E DI PROCESSO (LM-22) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
ING-IND/27
SEDE
GENOVA (INGEGNERIA CHIMICA E DI PROCESSO )
moduli
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Nell'insegnamento, strutturato in due moduli, verranno descritti i processi di trattamento del gas naturale, i processi di raffineria e di trasformazione del carbone e delle biomasse, la sintesi degli intermedi organici, le polimerizzazioni e le caratteristiche dei principali prodotti della chimica industriale organica (detergenti,solventi,lubrificanti, polimeri, coloranti,prodotti della chimica fine). Si realizzeranno esercitazioni relative al calcolo dei bilanci di massa di processi complessi.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

L’insegnamento si prefigge di fornire una approfondita conoscenza e un’analisi critica dei principali processi della petrolchimica e della raffineria, oltreché dei trattamenti industriali dei gas naturali, del carbone e delle biomasse. Si realizzerà un’ analisi critica delle motivazioni delle soluzioni utilizzate nei processi di produzione dei principali intermedi chimici, e dei criteri per un corretto approccio alla progettazione di un processo chimico industriale in termini di economicità, produttività, sicurezza e rispetto dell’ambiente. Si enfatizzeranno le relazioni tra gli aspetti cinetici e termodinamici e la progettazione e ottimizzazione dei processi.

Inoltre, nel secondo modulo, si affronteranno i processi di produzione e si approfondiranno le caratteristiche dei prodotti della chimica industriale organica, cioè dei polimeri, dei detergenti, dei lubrificanti, dei solventi, dei coloranti e dei prodotti della chimica fine. Inoltre si apprenderanno le tecniche per il bilanciamento di massa di processi complessi.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

 

 

PREREQUISITI

E' necessaria una conoscenza relativamente approfondita della chimica organica di base e dei fondamenti della termodinamica e della cinetica chimica. Inoltre, è utile una conoscenza di buon livello delle principali operazioni unitarie.

Modalità didattiche

Lezioni cattedratiche in inglese, esercitazioni numeriche, visite a impianti industriali.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Il docente riceve su appuntamento.

Ricevimento: Incontri a richiesta  

Ricevimento: Il docente riceve su appuntamento.

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni cattedratiche in inglese, esercitazioni numeriche, visite a impianti industriali.

ESAMI

Modalità d'esame

L'insegnamento prevede tre prove di esame:

1. Prova Orale relativa agli argomenti del modulo Refinery and Petrochemistry che potrà essere sostenuta sin dalla fine delle lezioni di tale modulo. La votazione massima per tale prova sarà 10, e la prova sarà superata con la votazione minima di  6.

2. Prova Orale relativa agli argomenti del modulo Industrial Chemical Products che potrà essere sostenuta sin dalla fine delle lezioni di tale modulo. La votazione massima per tale prova sarà 5, e la prova sarà superata con la votazione minima di  3.

3. Prova Scritta relativa costituita da due esercizi; il primo finalizzato alla discussione di un processo industriale della chimica industriale organica non trattato durante l'insegnamento (caratteristiche termodinamiche delle reazioni coinvolte, reattori, condizioni di processo, separazione e purificazione di reagenti e/o prodotti); il secondo finalizzato alla valutazione numerica, calcoli applicativi e alla stesura di bilanci di materia di un processo chimico complesso tra quelli trattati durante l'insegnamento. La votazione massima per tale prova sarà 15, e la prova sarà superata con la votazione minima di 9. Tale prova dovrà essere sostenuta al termine dell'insegnamento (completamento di entrambi i moduli).

Modalità di accertamento

Tramite la discussione critica delle caratteristiche richieste ai prodotti della chimica industriale organica, e dei processi industriali trattati nel corso nonché dei singoli impianti e reattori utilizzati, e la capacità di stesura dei bilanci sui processi complessi, sarà possibile valutare le conoscenze e la profondità di comprensione dello studente della termodinamica chimica, degli aspetti cinetici, della natura delle operazioni unitarie e delle apparecchiature utilizzate nell'industria chimica, oltreché degli aspetti di gestione di un processo complesso, degli aspetti di natura economica e relativi al rispetto dell'ambiente.