SEISMIC HAZARD AND RISK

SEISMIC HAZARD AND RISK

_
iten
Codice
94639
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
5 cfu al 1° anno di 10553 ENGINEERING FOR NATURAL RISK MANAGEMENT (LM-26) SAVONA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
GEO/10
LINGUA
Inglese
SEDE
SAVONA (ENGINEERING FOR NATURAL RISK MANAGEMENT)
periodo
1° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il corso consisterà in 40 ore di lezione in cui saranno trattati argomenti inerenti l’ambito del rischio sismico. L’obiettivo è quello di fornire le competenze di base su temi quali pericolosità sismica, risposta sismica locale, microzonazione sismica, monitoraggio sismico e gestione dell’emergenza post-sisma.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

The course is designed to provide the fundamental principles of seismic hazard and risk mitigation. Basic concepts of seismology, earthquakes, and strong ground motion will be firstly presented to introduce procedures of deterministic and probabilistic seismic hazard analysis. Subsequently, methods for ground response analysis will be discussed in order to provide insight into problems as site effects and seismic slope stability. The course will end presenting procedures and systems for seismic monitoring and earthquake early warning.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

L'obiettivo dell'insegnamento è quello di formare lo studente sul tema del rischio sismico. Lo studente sarà istruito con l'intento di creare una figura in grado di:

  • comprendere studi di pericolosità sismica
  • valutare l'impatto della risposta del terreno sullo scuotimento sismico al sito
  • possedere competenze di base riguardo alla microzonazione sismica del territorio
  • possedere competenze di base riguardo alla gestione dell'emergenza post-sisma 

Modalità didattiche

L’insegnamento si compone di lezioni frontali (erogate mediante presentazioni multimediali)

PROGRAMMA/CONTENUTO

-  Elementi di sismologia:

  • genesi dei terremoti e sismicità
  • onde sismiche
  • propagazione delle onde
  • relazioni sforzo-deformazione
  • magnitudo ed intensità macrosismica
  • ciclo sismico

- Monitoraggio e allerta sismica:

  • reti di monitoraggio sismico
  • procedure di early warning

- Pericolosità sismica:

  • catalogo sismico
  • zonazione sismogenetica e faglie
  • parametri di scuotimento
  • leggi di attenuazione dello scuotimento
  • metodi per stime di pericolosità probabilistiche ovvero deterministiche

- Risposta sismica del terreno:

  • amplificazione dello scuotimento (effetti di sito 1D, 2D, 3D)
  • metodi sperimentali per lo studio degli effetti di sito
  • metodi numerici per la valutazione della risposta sismica
  • fenomeni co- e post-sismici: frane sismo-indotte, liquefazione dei terreni

- Norme tecniche per le costruzioni, microzonazione sismica e valutazione delle Condizione Limite per L'Emergenza (CLE)

TESTI/BIBLIOGRAFIA

  • Materiale didattico distribuito durante il corso al termine di ogni ciclo di lezioni (i pdf delle lezioni sono caricati su Aulaweb)
  • S.L. Kramer, Geotechnical Earthquake Engineering, Prentice Hall.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Il ricevimento degli studenti avviene per appuntamento, concordato direttamente con il docente telefonicamente, per mail o via aulaweb.

LEZIONI

Modalità didattiche

L’insegnamento si compone di lezioni frontali (erogate mediante presentazioni multimediali)

INIZIO LEZIONI

Per l'inizio delle lezioni consultare il calendario al seguente link: https://easyacademy.unige.it/portalestudenti/

ESAMI

Modalità d'esame

L’esame consiste in una prova orale (3 domande poste dal docente su argomenti trattati durante l'insegnamento). L'esame è superato se lo studente ha ottenuto un voto maggiore o uguale a 18.

Modalità di accertamento

L’esame orale verterà sugli argomenti trattati durante le lezioni frontali e avrà lo scopo di valutare il raggiungimento del livello adeguato di conoscenze. Sarà anche valutata la capacità di esporre gli argomenti in modo chiaro e con una terminologia corretta. I dettagli sul grado di approfondimento richiesto per ogni argomento saranno forniti durante le lezioni.

ALTRE INFORMAZIONI

La frequenza regolare alle lezioni e alle esercitazioni di laboratorio è fortemente raccomandata.