FONDAMENTI E PRATICHE DI RAPPRESENTAZIONE 2

FONDAMENTI E PRATICHE DI RAPPRESENTAZIONE 2

_
iten
Codice
81043
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
8 cfu al 2° anno di 8694 SCIENZE DELL'ARCHITETTURA (L-17) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
ICAR/17
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (SCIENZE DELL'ARCHITETTURA )
periodo
Annuale
frazionamenti
Questo insegnamento è diviso in 2 frazioni: A, B. Questa pagina si riferisce alla frazione B
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il Corso affronta un percorso di analisi tramite il disegno analogico, il rilevamento ed il rilievo integrato  di un sistema complesso di fattori di diversa natura che interagiscono tra loro contribuendo alla definizione dell'oggetto di studio sia esso il territorio, l’ambiente e/o l’architettura, acquisendo una specifica soglia di descrizione grafica  con l’obiettivo di approfondire le tematiche connesse alla lettura, comprensione e rappresentazione dello spazio urbano e del territorio.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Il corso approfondisce le tecniche di rappresentazione analogiche e digitali finalizzate alla descrizione e restituzione grafica del rilievo e del progetto affrontando i diversi approcci metodologici delle discipline coinvolte: disegno, design, storia, conservazione, progetto. Il rilievo e la rappresentazione del territorio, dell’architettura e dell’ambiente prevede una parte teorica sulla storia del rilevamento urbano, le norme di rappresentazione UNI-ISO-EN, le nuove tecniche di rilievo avanzato e una parte di applicazione dedicata al rilievo di un edificio con metodo integrato Diretto e Strumentale.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

L’analisi dei sistemi complessi è finalizzata ad una descrizione stratificata dei luoghi e di tutti i fattori di complicazione ed indeterminatezza che possono trovare una forma espressiva e comunicativa densa oltre all’operazione di individuazione e scelta dei livelli di analisi , delle scale, delle forme del disegno. Il Rilevamento, è, in questo senso, il primo passo di una operazione critica che porta ad una moltiplicazione dei punti di vista per la realizzazione di elaborati grafici comunicativi finalizzanti e attinenti alle peculiarità dei luoghi.

Sistemi complessi ed articolati in grado di incorporare, motivatamente, tipi, forme e codici linguistici al fine di individuare regole generative e di trasformazione che contribuiscano a svolgere un compito descrittivo fondamentale come premessa strutturata al progetto di valutazione e pianificazione progettuale.

Modalità didattiche

Lezioni teoriche e pratiche.  Esercitazioni in aula e/o durante i sopralluoghi sul territorio.

Prove intermedie grafiche di verifica delle competenze acquisite.

Sono usati sistemi di rappresentazione di base della Geometria Descrittva, ma anche sistemi di rappresentazione ed elaborazione grafica informatizzata delle immagini: immagini digitalizzate, rendering, ortofoto, ecc, almeno nelle loro modalità di utilizzo, con elaborazione di modelli tridimensionali sia del territorio che della città, rivolti a documentare in modo più immediato e suggestivo caratteri volumetrici, spaziali, texture.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il corso affronta un primo semestre finalizzato all'apprendimento delle tecniche analogiche di rappresentazione tramite lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche in aula e in situ. Argomenti: il disegno dal vero, la prospettiva, proporzioni e moduli, il disegno del costruito, eidotipi, la teoria del colore, il disegno degli elementi architettonici storici e attuali, norme e codici del linguaggio grafico. Il secondo semestre affronta le tematiche del Rilievo diretto e strumentale degli organismi urbani e architettonici.

Saranno condotte una serie di ESERCITAZIONI grafiche di applicazione immediata dei temi sviluppati nelle lezioni ex catedra, ed una ESERCITAZIONE FONDAMENTALE annuale, su un tema prescelto - un territorio o un ambiente significativo - che consenta di condurre una esperienza conoscitiva completa, attraverso la rappresentazione grafica, con sistemi diversi, a partire da schizzi dal vero, planimetrie ed elaborazioni bi e tridimensionali di vario tipo, oltre a rappresentazioni e modalità di indagine, anche visive, di lettura del paesaggio percepito, sia urbano che naturale ed artificiale, nelle sue diverse componenti, alle diverse scale di percezione

TESTI/BIBLIOGRAFIA

G. CENTO, Rilievo edilizio architettonico, Genova, 1979

M. DOCCI, D.MAESTRI, Il rilevamento architettonico. Storia, metodi e disegno, Laterza, Bari, 1984

P. MARCONI, Manuale del Recupero del Comune di Roma, Ed.Dei, Roma, 1989

L. MARINO, Il rilievo per il restauro, HOEPLI, Milano, 1990

AA.VV., Architettura Rilevata. Didattica del rilievo per l'architetto, Bozzi ed., Genova, 1992

M. DOCCI, D.MAESTRI, Manuale di rilevamento architettonico e urbano, Laterza, Roma-Bari, 1994

P. CLINI, Il Rilievo dell’Architettura. Tecniche, metodi ed esperienze, Alinea ED., Firenze, 2008.

M. DOCCI, M. GAIANI, D. MAESTRI, Scienza del Disegno, Città Studi Edizioni, Novara, 2011.

S. BERTOCCI, M. BINI, Manuale di rilievo architettonico e urbano, Città Studi Edizioni, Novara, 2012.

L. DE LUCA, LA FOTOMODELLAZIONE ARCHITETTONICA. Rilievo, modellazione, rappresentazione di edifici a partire da fotografie, Dario Flaccovio Editore, Palermo, 2011.

G.PELLEGRI, Sistemi Infografici di Rappresentazione dell'Architettura e dell'Ambiente. Un'esperienza didattica, Ed.Graphic Sector, Genova, 2009.

FALZONE P.,  Colore Architettura Ambiente, Edizioni KAPPA, Roma 2008

POLEGGI E., GROSSI BIANCHI L., Genova. Una città portuale del Medioevo, Sagep, Genova 1976

CEVINI, POLEGGI, Genova. Le città d'Italia. Laterza.

Sitografia

www.di-segnare.com

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Ricevimento su appuntamento tramite richiesta e-mail a salvetti@arch.unige.it  

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni teoriche e pratiche.  Esercitazioni in aula e/o durante i sopralluoghi sul territorio.

Prove intermedie grafiche di verifica delle competenze acquisite.

Sono usati sistemi di rappresentazione di base della Geometria Descrittva, ma anche sistemi di rappresentazione ed elaborazione grafica informatizzata delle immagini: immagini digitalizzate, rendering, ortofoto, ecc, almeno nelle loro modalità di utilizzo, con elaborazione di modelli tridimensionali sia del territorio che della città, rivolti a documentare in modo più immediato e suggestivo caratteri volumetrici, spaziali, texture.

ESAMI

Modalità d'esame

Presentazione elaborazioni grafiche analogiche e digitali. Colloquio.

Modalità di accertamento

Saranno condotte una serie di ESERCITAZIONI grafiche di applicazione immediata dei temi sviluppati nelle lezioni ex catedra, ed una ESERCITAZIONE FONDAMENTALE annuale, su un tema prescelto - un territorio o un ambiente significativo - che consenta di condurre una esperienza conoscitiva completa, attraverso la rappresentazione grafica, con sistemi diversi, a partire da schizzi dal vero, planimetrie ed elaborazioni bi e tridimensionali di vario tipo, oltre a rappresentazioni e modalità di indagine, anche visive, di lettura del paesaggio percepito, sia urbano che naturale ed artificiale, nelle sue diverse componenti, alle diverse scale di percezione