DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE

DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE

_
iten
Codice
56657
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
6 cfu al 1° anno di 8720 INGEGNERIA MECCANICA (L-9) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
ING-IND/15
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (INGEGNERIA MECCANICA )
periodo
2° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

In campo industriale ed in particolare nell’ambito delle industria meccanica, il disegno tecnico costituisce il linguaggio mediante il quale gli ingegneri definiscono, dettagliano e comunicano le proprie scelte progettuali e costruttive. Conformemente alle sue regole, definite dai metodi di rappresentazione e dalla normativa, il disegno tecnico contiene le informazioni per la costruzione ed il collaudo di macchine e relativi componenti meccanici.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Lo scopo del corso è quello di spiegare i metodi moderni per il disegno delle macchine e delle loro parti, in forma adatta all'uso pratico, contribuendo a fornire la capacità di utilizzare tecniche e strumenti per la progettazione di componenti.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

L’insegnamento si propone di fornire agli studenti le nozioni di base del linguaggio di comunicazione tecnica nel settore dell'industria meccanica.

Al termine dell’insegnamento lo studente sarà in grado di: interpretare disegni tecnici di complessivo e di particolare relativi a macchine e loro componenti, rispettivamente; comprendere le informazioni di dettaglio (ad esempio tolleranze, rugosità, cartiglio) contenute nei disegni in oggetto; applicare le nozioni teoriche alla soluzione di semplici problemi di progetto o verifica (ad esempio il calcolo degli accoppiamenti); eseguire disegni di semplici componenti ed organi meccanici in rappresentazione ortografica (tramite proiezioni ortogonali) preferibilmente mediante l’ausilio di strumenti CAD.

PREREQUISITI

Nozioni generali sull’uso del calcolatore e del sistema operativo Windows ®.

Modalità didattiche

Il corso include: lezioni frontali di tipo teorico; lezioni frontali di tipo pratico, tenute in aula informatica, per l’apprendimento delle funzionalità principali del software Bentley Microstation; esercitazioni degli studenti sotto la guida del docente riguardanti semplici problemi e disegni da svolgere con il CAD Microstation.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Normativa per il disegno tecnico. Classificazione dei disegni. Norme generali: formati e squadratura, riquadro delle iscrizioni, linee, scale di rappresentazione. Metodi di rappresentazione: classificazione delle proiezioni. Cenni sulle prospettive. Assonometrie ortogonali e oblique. Proiezioni ortogonali ortografiche. Utilizzo delle proiezioni ortogonali: disposizione e scelta delle viste. Le sezioni: regole, tipologie. Quotatura: normativa, criteri e sistemi di quotatura, applicazione ad elementi geometrici, quotatura funzionale e tecnologica. Errori dimensionali: sistema ISO di tolleranze e accoppiamenti, tipi e scelta degli accoppiamenti, calcolo degli accoppiamenti da disegno e da progetto, tolleranze generali, serie di quote tollerate. Errori microgeometrici: definizione, misura indicazione e criteri di scelta della rugosità. Errori macrogeometrici: tipologie di tolleranze geometriche, cenni sul loro utilizzo ed indicazione. Le filettature: elementi di una filettatura, tipi, rappresentazione e quotatura. Organi di collegamenti filettati: bulloni (viti e dadi), viti prigioniere, inserti, dispositivi antisvitamento. Organi di collegamento smontabili non filettati: chiavette, linguette, cenni su spine, anelli elastici e scanalati. Cenni sui collegamenti permanenti. Materiali per costruzione meccaniche: designazione  e cenni su caratteristiche meccaniche, tipologie e trattamenti termici.

 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Lucidi presentati a lezione.

E. Chirone, S. Tornincasa, “Disegno tecnico industriale”, vol. 1 e 2, Ed. Il Capitello, Torino, 2006.

L. Baldassini, "Vademecum per disegnatori e tecnici", Ed. Hoepli, Milano, 2002.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Il giovedì, dal termine della lezione di teoria alle ore 15:00.

LEZIONI

Modalità didattiche

Il corso include: lezioni frontali di tipo teorico; lezioni frontali di tipo pratico, tenute in aula informatica, per l’apprendimento delle funzionalità principali del software Bentley Microstation; esercitazioni degli studenti sotto la guida del docente riguardanti semplici problemi e disegni da svolgere con il CAD Microstation.

ESAMI

Modalità d'esame

L’esame scritto è costituito da un test a risposta multipla atto a valutare la conoscenza degli aspetti teorici relativi al corso. Il test a risposta multipla, completamente informatizzato, prevede fino ad un massimo di 3 domande per ciascun argomento teorico del corso (10 argomenti), per un totale di circa 20 domande.

L’esame orale riguarderà la discussione di un tema di esercitazione, svolto in modo indipendente dallo studente e dello scritto, inclusi gli argomenti teorici correlati. Il tema di esercitazione in oggetto è un esercizio di disegno, da eseguire preferibilmente con l’ausilio di uno strumento CAD e da completare con tutte le indicazioni (quote, tolleranze, rugosità…) indispensabili a garantire il rispetto dei requisiti prescritti nel testo dell’esercizio stesso.

Modalità di accertamento

L’esame scritto valuterà la comprensione di tutti i principali argomenti teorici del corso, necessari per leggere ed interpretare i disegni di organi meccanici ed i relativi dettagli, tramite il test a risposta multipla. Ciascun quesito del test non richiede lo studio nozionistico della teoria, ma la sua applicazione per la risoluzione del problema proposto.

L’esame orale, oltre a verificare ulteriormente la comprensione degli argomenti teorici, valuterà le capacità operative richieste per il completamento del tema di esercitazione, ossia l’utilizzo dei metodi di rappresentazione e dettaglio in un disegno di assieme o di particolare relativo ad un semplice componente meccanico.