FONDAMENTI ANATOMO-FISIOLOGICI DELL'ATTIVITÀ PSICHICA

FONDAMENTI ANATOMO-FISIOLOGICI DELL'ATTIVITÀ PSICHICA

_
iten
Codice
67249
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
6 cfu al 1° anno di 8751 SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (L-24) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
M-PSI/02
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE )
periodo
2° Semestre
propedeuticita
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il corso è orientato a fornire allo studente le principali nozioni riguardo al sistema nervoso. Saranno descritte le fondamentali strutture anatomiche del sistema nervoso centrale e periferico. Il programma si sviluppa a partire dalla descrizione dell’anatomia e della fisiologia del neurone sino alla descrizione delle organizzazioni anatomiche e funzionali più complesse che sono alla base del funzionamento cognitivo ed emotivo e della regolazione del comportamento.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Il corso è orientato a fornire allo studente le principali nozioni riguardo al sistema nervoso. Saranno descritte le componenti anatomiche fondamentali del sistema nervoso centrale e periferico, dal neurone sino alla descrizione delle organizzazioni anatomiche funzionali più complesse che sono alla base del funzionamento cognitivo ed emotivo . Verranno inoltre forniti cenni relativi alle patologie cerebrali

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Obiettivo del corso è fornire allo studente nozioni di base sull’anatomia e la fisiologia del sistema nervoso centrale e periferico. Fornire conoscenze articolate dei sistemi sensoriali, del sistema motorio e dei legami tra le funzioni cognitive superiori, emozioni e cervello. Fornire gli elementi di base, concettuali e lessicali, per interagire con altre figure professionali. Favorire lo sviluppo di capacità di lettura critica delle pubblicazioni relative al funzionamento del sistema nervoso centrale  in rapporto alle tematiche della psicologia.

Modalità didattiche

Le lezione saranno volte in aula, verranno favorite le occasioni di approfondimento sulle relazioni tra neuroscienze, psicologia sperimentale e  psicologia clinica. Agli studenti frequentanti sarà data la possibilità di esposizione in aula di articoli scientifici di riconosciuta rilevanza.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Neuroni:  Anatomia e classificazione

Neuroni e Cellule gliali: tipi e funzioni.   Capitolo 1

Meccanismi elettrochimici alla base del funzionamento del sistema nervoso  Capitolo 2

 

Potenziale di riposo   Capitolo 3

Come si genera: composizione dei liquidi intra- ed extra-cellulare negli ioni rilevanti, permeabilitá della membrana, pompa sodio potassio.

Struttura della membrana plasmatica: strato fosfolipidico; proteine di membrana e loro funzioni. Passaggio di sostanze attraverso la membrana: diffusione semplice e diffusione facilitata; canali ionici e pompe.

 

Potenziale d’azione (PA)   Capitolo 4

 Durata, fasi; la soglia di eccitabilitá;

Canali ionici coinvolti nel PA. Sequenza di eventi nel PA.

Trasmissione del potenziale di azione: tipo di conduzione, modalità di conduzione, velocità di conduzione. Stimoli che possono causare l’insorgenza di potenziali di azione. Periodo refrattario: assoluto e relativo.

 

Sinapsi: elettriche e chimiche.  à Capitolo 5

Sequenza di eventi nella trasmissione sinaptica.

Neurotrasmettitori: modalitá di liberazione dei neurotrasmettitori dall’elemento pre-sinaptico; tipi; ciclo di vita di un neurotrasmettitore: sintesi e trasporto assoplasmatico, immagazzinamento, liberazione, rimozione.

Recettori sulla membrana dell’elemento post-sinaptico.

Eventi elettrici nell’eccitazione e nell’inibizione neuronale: potenziali post-sinaptici eccitatori ed inibitori, sommazione spaziale e temporale. Modulazione della trasmissione sinaptica: inibizione sinaptica: pre-sinaptica e post-sinaptica, facilitazione presinaptica.

Il ruolo delle cellule gliali nella trasmissione sinaptica

 

Nota bene: I capitoli del Purves dedicati al neurone, al potenziale di riposo,  al potenziale d’azione ed alla sinapsi  sono trattati in modo molto dettagliato. Ai fini dell’esame lo studente dovrà utilizzare il testo, relativamente ai capitoli da 1 a 5, per di approfondire gli argomenti trattati a lezione. Per i non frequentanti le slide presenti in aula web  riguardanti gli argomenti suindicati costituiscono la traccia per potere selezionare le parti più rilevanti per la preparazione.

 

Anatomia funzionale del sistema nervoso   Appendice

Encefalo: nomenclatura (telencefalo, diencefalo, cervelletto, mesencefalo, ponte, midollo allungato o bulbo); corteccia; scissure; lobi; aree corticali sede e generalità sulla funzione: area motoria, premotoria, area somestesica primaria e secondaria, area visiva, area uditiva, area prefrontale, insula.

 Strutture profonde dell’encefalo: gangli della base

Diencefalo: talamo (sede, generalità sul significato funzionale, rapporti con la corteccia). Ipotalamo: sede e cenni sulla funzione.

Sistema limbico: sede, cenni sulla funzione, componenti anatomiche.

Tronco encefalico: parti, principali fasci che passano (ascendenti e discendenti), principali centri o nuclei; funzioni. Formazione reticolare: sede e funzioni.

Cervelletto: generalità sulla funzione

 Midollo spinale: organizzazione macroscopica della sostanza bianca e della sostanza grigia (corno ventrale, corno dorsale, corno laterale); connessioni nervi spinali con il midollo spinale: radici dorsale e ventrale; funzioni sostanza grigia: collegamento tra periferia ed encefalo, stazione di integrazione (riflessi); sostanza bianca: cordoni dorsali, laterali e ventrali; fasci ascendenti sensitivi, fasci discendenti motori.

Sistema del liquido cefalo-rachidiano o cerebrospinale: funzione, composizione, formazione e riassorbimento, ventricoli cerebrali, acquedotto cerebrale, meningi, circolazione del liquido cefalo rachidiano (plessi corioidei, villi aracnoidei).

Cenni sul sistema di circolazione sanguigna cerebrale

 

 

Neurotrasmettitori   Capitolo 6

Amminoacidi, Ammine biogene, Acetilcolina, nozioni su funzioni e principali recettori. Cenni su neurotrasmettitori ad alto peso molecolare.

 

Il lobo occipitale: la visione   Capitoli 11 e 12

Cenni di anatomia dell’occhio. Anatomia della retina (organizzazione cellulare). Funzionalità della Retina. Recettori visivi coni e bastoncelli. Visione scotopica mesopica e fotopica. Meccanismi di Fototrasduzione. Cellule Centro On e Centro Off. Sistema Magnocellulare e Parvocellulare. Principali stazioni anatomiche della via visiva. Organizzazione della corteccia visiva primaria. Organizzazione delle vie corticali ConnessionicortiVia “What” e “Where”.

 

 

Udito à Capitoli 13 e 14

Anatomia: orecchio esterno, medio ed interno; ossicini dell’udito: nomenclatura, disposizione, funzione. Trasmissione delle onde sonore dal timpano alla coclea; membrana basilare e sue frequenze di risonanza all’apice e base della coclea; cellule dell’organo del Corti; stereocilia, membrana tettoria; trasduzione del segnale nelle cellule del Corti: ruolo delle cilia e modificazioni del potenziale di membrana. Decodificazione delle frequenze e dell’intensità di un suono. Scala dell’intensità dei suoni uditi. Frequenze udibili. Vie uditive. Corteccia uditiva: sede, mappe tonotopiche. Riconoscimento della direzione da cui proviene un suono.

 

Senso Vestibolare

Anatomia: utriculo, sacculo, canali semicircolari; cellule ciliate, otoliti. Vie vestibolari: apparato vestibolare e movimenti della testa e del tronco; apparato vestibolare e movimenti degli occhi.

 

Tatto, propriocezione  Capitoli 9 e 10

Recettori sensitivi: tipi, stimolo adeguato, trasduzione del segnale, adattamento dei recettori, classificazione fibre nervose (diametro e velocitá di conduzione). Tatto e pressione: recettori, diversitá della sensibilitá agli stimoli tattili delle diverse zone del corpo, vie del tatto e della pressione (colonne dorsali-lemnisco mediale), area somestesica primaria, organizzazione somatotopica ed omuncolo sensitivo. Dermatomeri. Codificazione dell’informazione sensoriale: riconoscimento intensità, sede e tipo di una sensazione. Cenni sulla struttura della corteccia. Dolore: recettori, tipi di fibre nervose delle vie afferenti, stimoli adeguati, adattamento, vie del dolore (fascio spinotalamico), modulazione del dolore (sistema analgesico e modulazione da afferenze sensoriali), arti fantasma. Sensibilitá termica: gradazioni di temperatura percepite, tipi di recettori, sede dei recettori, adattamento, vie della sensibilitá termica (via antero-laterale).

 

Il parietale: le aprassie e i sistemi attenzionalià Capitolo  26

Anatomia del lobo parietale. Funzioni cognitive e lobo parietale, le Aprassie. Sistema attentivo ventrale e dorsale. Neglect.

 

Il lobo temporale: la memoria   Capitolo 31

Classificazione della memoria. Memoria a breve termine e Working Memory. L’engramma il correlato cerebrale della memoria. Gli esperimenti di Kandel sull’Alplysia. Meccanismi molecolari del Long Term Potentiation (LTP). Meccanismi cellulari del LTP. Anatomia e funzioni dell’Ippocampo. Il caso di H.M. Il ruolo del Parietale e delle cortecce retrospleniali nei processi di memoria.

 

Il lobo frontale: Il movimento  Capitoli 16, 17 e 18

L’organizzazione gerarchica del movimento. Le vie piramidali. I sistemi di regolazione del movimento: gangli della base e cervelletto. Funzionalità del lobo frontale nella regolazione del comportamento. I neuroni specchio.

 

Nota bene: I capitoli del Purves dedicati al movimento  sono trattati in modo molto dettagliato. Ai fini dell’esame lo studente dovrà utilizzare il testo, relativamente ai capitoli da 16 a 18, per approfondire gli argomenti trattati a lezione. Per i non frequentanti le slide presenti in aula web  riguardanti gli argomenti suindicati costituiscono la traccia per potere selezionare le parti più rilevanti per la preparazione.

 

 

Le emozioni  Capitolo 29

Le emozioni fondamentali. Teorie periferiche e centali delle emozioni.  L’amigdala. L’asse ipotalamo ipofisi e regolazione del sistema nervoso periferico. Il sistema dopaminergico della ricompensa.

 

 

NOTA BENE: GLI ARGOMENTI DEL PROGRAMMA POSSONO ESSERE STUDIATI SU QUALSIASI TESTO DI NEUROSCIENZE FACENDO RIFERIMENTO, PER UNA MAGGIORE ARTICOLAZIONE DEGLI ARGOMENTI TRATTARI,  ALLE SLIDE PRESENTI IN AULA WEB. I CAPITOLI RIPORTATI PER OGNI ARGOMENTO SONO RELATIVE AL TESTO: NEUROSCIENZE,PURVES ZANICHELLI QUARTA EDIZIONE ITALIANA (e successive)  E SONO SOLO INDICATIVI.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Purves, Neuroscienze, Zanichelli (tutte le edizioni)
In alternativa
Bear, Connors, Paradiso. Neuroscienze: esplorando il cervello. Masson (tutte le edizioni)

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Giovedì 18 – 19 Padiglione specialità Piano Fondi S. Martino Si prega di contattare il docente via email per assicurarsi della sua presenza

LEZIONI

Modalità didattiche

Le lezione saranno volte in aula, verranno favorite le occasioni di approfondimento sulle relazioni tra neuroscienze, psicologia sperimentale e  psicologia clinica. Agli studenti frequentanti sarà data la possibilità di esposizione in aula di articoli scientifici di riconosciuta rilevanza.

INIZIO LEZIONI

Le lezioni del corso di Fondamenti Anatomo Fisiologici dell'attività Psichica inizieranno Lunedì 27 Febbraio

ESAMI

Modalità d'esame

Scritto, Orale

Modalità di accertamento

L’esame è principalmente orale, questo al fine di potere valutare il lessico acquisito e la capacità di affrontare a diversi livelli gli argomenti del programma. Sono previsti due appelli scritti nella sessione estiva costituita da domande aperte.