IGIENE GENERALE E APPLICATA

IGIENE GENERALE E APPLICATA

_
iten
Codice
80914
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
5 cfu al 2° anno di 8744 SCIENZE MOTORIE, SPORT E SALUTE (L-22) SAVONA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MED/42
SEDE
SAVONA (SCIENZE MOTORIE, SPORT E SALUTE )
periodo
1° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il corso fornisce elementi teorici ed applicativi per l’applicazione dell’attivita’ motoria alla prevenzione primaria delle malattie cronico-degenerative con particolare riferimento alle cardiovascolari ed al cancro. Vengono inoltre fornite conoscenze relative alla prevenzione delle malattie infettive con lo scopo di mettere i discenti in grado di eseguire con sicurezza per se’ e per i fruitori pratiche di attivita’ motoria indoor ed outdoor.  

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

L’obiettivo formativo di tale Insegnamento monodisciplinare deve conferire allo studente le conoscenze relative alla medicina preventiva applicata allo sport e agli ambienti sportivi dove sviluppa la propria attività motoria e sportiva.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

  • Conoscere le basi meccanicistiche con cui l’attività fisica previene le malattie cardiovascolari
  • Conoscere le basi meccanicistiche con cui l’attività fisica previene il cancro
  • Essere in grado di applicare protocolli di prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari basati sull’attivita’ fisica e su un corretto stile di vita
  • Essere in grado di applicare protocolli di prevenzione primaria del cancro basati sull’attivita’ fisica e su un corretto stile di vita
  • Conoscere le malattie infettive di maggiore importanza per la attivita’ motoria e le principali pratiche di profilassi aspecifica e specifica

Modalità didattiche

Lezioni frontali

PROGRAMMA/CONTENUTO

  • Aterosclerosi: generalità, epidemiologia, fattori di rischio, l’attività motoria nella prevenzione primaria. Sovrappeso ed obesità.
  • Cancro: generalità, epidemiologia, tumori del polmone, dell’intestino, della mammella, della cute, fattori di rischio ambientali e comportamentali. L’attività fisica nella modulazione del rischio oncogeno. Il fumo di sigaretta.
  • Malattie infettive areodiffusibili, problematiche legate all’attività sportiva in luoghi confinati.
  • Influenza, Tubercolosi, Morbillo, Rosolia, Parotite, malattie da Herpesviridae, Mononucleosi.
  • Malattie infettive a trasmissione parenterale: problematiche della loro gestione nell’ambito delle attività sportive. Epatite virale B, AIDS.
  • Profilassi diretta aspecifica delle ferite. Tetano.
  • Igiene delle piscine.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Brandi et al., Igiene e Sanità Pubblica per Scienze Motorie, Delfino Ed

DOCENTI E COMMISSIONI

Commissione d'esame

ALBERTO IZZOTTI (Presidente)

MARCO BOVE

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali

INIZIO LEZIONI

I SEMESTRE DAL MESE DI  OTTOBRE

ESAMI

Modalità d'esame

Scritto

Modalità di accertamento

Scritto